Voci della Sanità 11 Febbraio 2020

Infermieri, il Campus Bio-Medico celebra l’anno internazionale con un video

Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della […]

Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della carenza di organico. Per Fnopi, il fabbisogno di infermieri crescerà velocemente: a livello nazionale raggiungerà i 58.000 infermieri nel 2023, 71.000 nel 2028 e quasi 90.000 nel 2033.

Antesignana dell’esigenza di una formazione accademica per gli infermieri del proprio Policlinico e tra i primi in Italia ad attivare nel 1993 il Corso di Laurea in Infermieristica, l’Università Campus Bio-Medico di Roma punta da sempre su una professionalità completa dei suoi infermieri, riconoscendo al corpo infermieristico un ruolo fondamentale per la relazione con la persona bisognosa di cure e qualità dei servizi erogati.

L’infermiere garantisce infatti qualità delle cure, presta attenzione ai bisogni di salute e relazionali specifici di ogni paziente, conferendo all’insieme delle cure un particolare orientamento al paziente inteso come persona. Una passione che portò nel 1990 le prime 15 studentesse Ucbm a studiare in Spagna presso l’Università di Navarra a Pamplona, celebre per il suo alto livello di formazione, quando in Italia i corsi in infermieristica non avevano ancora raggiunto il rango accademico.

Una professione cresciuta nel tempo e che si aggiorna quotidianamente in raccordo con le grandi sfide del nostro tempo. Tant’è che l’Organizzazione mondiale della sanità, affinché venga raggiunto l’obiettivo 3 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, stima che il mondo avrà bisogno di altri 9 milioni di infermieri nei prossimi 10 anni. Professionisti impegnati nei reparti ospedalieri, sul territorio e nelle cure domiciliari, oltre che – ed è il segnale della vitalità di questa professione – nelle aziende, nel mondo del welfare e delle realtà assicurative e del terzo settore.

La professione infermieristica – nel video celebrativo realizzato da UCBM – viene definita dagli stessi protagonisti intervistati “la più bella del mondo” capace di regalare a chi la esercita profonde soddisfazioni umane e di lavoro.

Video

Anche per questo oggi il corso di Laurea in Infermieristica dell’Università Campus Bio-Medico di Roma – dove da oggi e fino al 6 aprile è possibile iscriversi alle prove selettive per il corso di laurea in Infermieristica – si distingue a livello nazionale per il suo 84,9 per cento di occupati dopo 1 anno dalla laurea a fronte di una media nazionale del 73,9% (dati Almalaurea).

Un impegno, quello dell’Università Campus Bio-Medico di Roma nella formazione globale del professionista infermiere che si traduce anche nel sostegno ai più meritevoli con borse di studio che oltre a coprire le tasse universitarie coprono anche i costi di alloggio per chi viene da più lontano.

Articoli correlati
Oms: «Apprezziamo paesi come l’Italia e la Spagna, con misure per proteggere i più vulnerabili»
Nel mondo il maggior numero di casi segnalati finora, terapie intensive in difficoltà in Europa e Nord America. Dalla conferenza Oms di Ginevra, il dg Ghebreyesus si complimenta con l'Italia per le misure per ridurre il contagio
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
Oms: «In Europa casi in aumento del 50% per errori di quarantena». In Belgio epidemia fuori controllo
Preoccupano i numeri di Francia e Gran Bretagna, mentre la Germania resta stabile. Record per Belgio e Russia, ma l'aumento più forte si registra in Repubblica Ceca. In America Latina la curva comincia a scendere, Usa oltre 25 mila casi al giorno
«Pochi o nessun beneficio dagli antivirali sperimentati su pazienti Covid ricoverati». I primi risultati del trial OMS
I risultati intermedi del big-trial Solidarity su Remdesivir, Idrossiclorochina, Lopinavir, Ritonavir e Interferone-B1A
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare