Voci della Sanità 31 Gennaio 2020 15:05

Coronavirus, Nursing Up: «Stato d’emergenza atto doveroso. Chiediamo conferma della presenza di professionisti infermieri nelle unità di crisi regionali»

«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia […]

«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia preoccupato di informare tempestivamente e opportunamente su ciò che stava avvenendo. Se da una parte bisogna evitare allarmismi inutili, dall’altra è necessario concentrarsi sullo stato dell’arte che vede acclarati ormai due casi in Italia con il rischio potenziale che altre persone siano state contagiate. Al momento sui territori si stanno organizzando le task force per monitorare la situazione coordinandosi con l’unità di crisi costituita presso il Ministero della Salute. Come rappresentanti dei professionisti sanitari, la categoria maggiormente esposta in quanto in prima linea nel fronteggiare l’emergenza, chiediamo conferma della presenza degli infermieri all’interno delle unità operative regionali».  Così il presidente Nursing Up Antonio De Palma commenta lo Stato d’emergenza nazionale che il cdm ha deliberato questa mattina per rischio sanitario.

«Ricordo alle istituzioni – prosegue – che siamo noi i professionisti che, insieme ai medici, abbiamo le maggiori responsabilità verso i cittadini. E siamo noi infermieri ad avere una specifica competenza in materia e possiamo favorire il fondamentale scambio di informazioni sulla sintomatologia del Coronavirus per lo studio comparativo del suo decorso, favorendo anche la doverosa e non distorta informazione alla cittadinanza per contenere la bolla mediatica e le fake news» . Come sindacato, siamo in costante contatto con i nostri responsabili territoriali – rende noto De Palma – per essere aggiornati ora per ora dell’evoluzione delle criticità in corso negli ospedali, già sottoposti allo stress stagionale del picco influenzale».

LEGGI ANCHE: CIVITAVECCHIA, NON E’ CORONAVIRUS.NEGATIVI I TEST SUI PASSEGGERI CINESI DELLA COSTA SMERALDA, MA I CROCIERISTI PASSERANNO LA NOTTE A BORDO

«Sottolineo che al momento ci giungono informazioni che le strutture sanitarie sono ben preparate ad accogliere eventuali casi sospetti con protocolli ad hoc – conclude – che scatterebbero immediatamente e che prevedono l’uso di kit sterili per il personale sanitario coinvolto, percorsi dedicati e misure di isolamento rigorose».

Per «evitare reazioni di panico e comportamenti irrazionali, gli infermieri Nursing Up informano che l’uso di mascherine, seppure consigliabile, non è determinante e che, per fugare qualsiasi dubbio sul proprio stato di salute, bisogna consultare il proprio medico di famiglia o la guardia medica, invece di recarsi in ospedale inutilmente. È anche stato attivato dal Ministero della Salute il numero verde 1500, appositamente istituito e disponibile in diverse lingue» fa sapere il sindacato.

 

Articoli correlati
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 marzo: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
Vaccini, Fials: «AAA cercasi infermieri: in Italia è caccia ai professionisti ma assunzioni col contagocce o a tempo»
La denuncia della Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità. «Ecco una panoramica di quello che sta succedendo»
Disagio lavorativo e mancanza di organizzazione: ecco cosa vuole dire essere medici in Campania ai tempi del Covid
Il sondaggio di Anaao Campania ha evidenziato una scarsa formazione per la gestione dell’emergenza e numerose carenze procedurali
Gli infermieri non si candidano al bando “vaccinatori”. Nursing Up: «Target sbagliato, stipendio basso e zero garanzie»
A metà dicembre Arcuri promise un bando per 12mila infermieri come forza straordinaria per i vaccini. Ma sono arrivate solo 3.980 candidature. De Palma (Nursing Up) spiega perché: solo 1200 euro di stipendio, precarietà e richiesta di esclusiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...