Voci della Sanità 31 Gennaio 2020 15:05

Coronavirus, Nursing Up: «Stato d’emergenza atto doveroso. Chiediamo conferma della presenza di professionisti infermieri nelle unità di crisi regionali»

«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia […]

«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia preoccupato di informare tempestivamente e opportunamente su ciò che stava avvenendo. Se da una parte bisogna evitare allarmismi inutili, dall’altra è necessario concentrarsi sullo stato dell’arte che vede acclarati ormai due casi in Italia con il rischio potenziale che altre persone siano state contagiate. Al momento sui territori si stanno organizzando le task force per monitorare la situazione coordinandosi con l’unità di crisi costituita presso il Ministero della Salute. Come rappresentanti dei professionisti sanitari, la categoria maggiormente esposta in quanto in prima linea nel fronteggiare l’emergenza, chiediamo conferma della presenza degli infermieri all’interno delle unità operative regionali».  Così il presidente Nursing Up Antonio De Palma commenta lo Stato d’emergenza nazionale che il cdm ha deliberato questa mattina per rischio sanitario.

«Ricordo alle istituzioni – prosegue – che siamo noi i professionisti che, insieme ai medici, abbiamo le maggiori responsabilità verso i cittadini. E siamo noi infermieri ad avere una specifica competenza in materia e possiamo favorire il fondamentale scambio di informazioni sulla sintomatologia del Coronavirus per lo studio comparativo del suo decorso, favorendo anche la doverosa e non distorta informazione alla cittadinanza per contenere la bolla mediatica e le fake news» . Come sindacato, siamo in costante contatto con i nostri responsabili territoriali – rende noto De Palma – per essere aggiornati ora per ora dell’evoluzione delle criticità in corso negli ospedali, già sottoposti allo stress stagionale del picco influenzale».

LEGGI ANCHE: CIVITAVECCHIA, NON E’ CORONAVIRUS.NEGATIVI I TEST SUI PASSEGGERI CINESI DELLA COSTA SMERALDA, MA I CROCIERISTI PASSERANNO LA NOTTE A BORDO

«Sottolineo che al momento ci giungono informazioni che le strutture sanitarie sono ben preparate ad accogliere eventuali casi sospetti con protocolli ad hoc – conclude – che scatterebbero immediatamente e che prevedono l’uso di kit sterili per il personale sanitario coinvolto, percorsi dedicati e misure di isolamento rigorose».

Per «evitare reazioni di panico e comportamenti irrazionali, gli infermieri Nursing Up informano che l’uso di mascherine, seppure consigliabile, non è determinante e che, per fugare qualsiasi dubbio sul proprio stato di salute, bisogna consultare il proprio medico di famiglia o la guardia medica, invece di recarsi in ospedale inutilmente. È anche stato attivato dal Ministero della Salute il numero verde 1500, appositamente istituito e disponibile in diverse lingue» fa sapere il sindacato.

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (1 luglio): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...