Salute 30 Gennaio 2020 17:10

Civitavecchia, non è coronavirus. Negativi i test sui passeggeri cinesi della Costa Smeralda, ma i crocieristi passeranno la notte a bordo

I 6mila passeggeri bloccati tutto il giorno sulla nave ferma al porto: «Nessuno ci ha dato alcuna informazione»

di Adriano Grassi, Inviato a Civitavecchia
Civitavecchia, non è coronavirus. Negativi i test sui passeggeri cinesi della Costa Smeralda, ma i crocieristi passeranno la notte a bordo

Non è coronavirus ma influenza A H1N1. Sono infatti risultati negativi gli esami condotti dall’ospedale Spallanzani sui passeggeri cinesi della nave Costa Smeralda bloccata a Civitavecchia. I 7mila crocieristi e membri dell’equipaggio trascorreranno la notte a bordo. Le centinaia di persone che sarebbero dovue partire oggi, invece, saranno sistemate negli alberghi della zona.

Si conclude quindi con un sospiro di sollievo una lunga giornata. L’allarme è scattato quando, la notte scorsa, una donna cinese, di Macao, è stata posta in isolamento nell’ospedale di bordo a causa della febbre alta. Arrivata in mattinata al porto, la nave avrebbe suonato la sirena che annuncia la quarantena. Sarebbe stato quello il segnale che avrebbe fatto scattare l’avvio delle procedure da seguire. Procedure che proprio pochi giorni fa erano state messe a punto, sulla base delle linee guida diramate dal ministero della Salute, nel corso di un vertice organizzato dalla Asl Roma 4 alla presenza dei rappresentanti del Comune e delle Forze dell’Ordine.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E SARS, LA STORIA CHE SI RIPETE. ECCO COSA È SUCCESSO NEL 2003

Ai passeggeri (circa 6mila croceristi, di cui 750 cinesi, e mille membri dell’equipaggio) è stato quindi impedito di sbarcare per tutta la giornata, nonostante i risultati dei primi test già nel primo pomeriggio avessero escluso il coronavirus. E’ stato il sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, ad opporsi allo sbarco prima degli accertamenti definitivi: «Trattandosi di una nave di lusso – ha detto ai nostri microfoni -, una sorta di hotel a 5 stelle, non è un gran sacrificio quello che chiediamo ai passeggeri».

Raggiunti telefonicamente dalla nostra redazione, i passeggeri a bordo della nave hanno però lamentato l’assenza totale di comunicazione: «Per tutto il giorno non ci è stata fornita alcuna comunicazione – ci dice una ragazza -. I telefoni non prendono e abbiamo saputo il motivo della sosta forzata solo tramite vie traverse. I monitor mostravano pubblicità e non telegiornali, è una situazione veramente surreale».

Chi invece doveva partire oggi, ha trascorso la giornata al terminal di ingresso della nave, ma anche in questo caso il personale della Costa non ha fornito dettagli: «Ci hanno detto che un passeggero si è sentito male – dice un turista – ma nessuno ha parlato del sospetto caso di coronavirus».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, I MORTI SALGONO A 170. IL DISCORSO DEL MINISTRO SPERANZA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (27 settembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
La Cina ha azzerato i contagi nonostante la Delta, ed è merito del lockdown
A 30 giorni dal focolaio all'aeroporto di Nanchino, la Cina ha riportato i contagi interni a zero. Il merito va a un lockdown estremamente rigoroso, affiancato da una spedita campagna vaccinale, e al tamponamento della popolazione
Le proposte della Cisl Medici Lazio per «un sistema di salute che punti all’eccellenza»
Ai lavori, introdotti dal segretario Cisl Usr Enrico Coppotelli, hanno partecipato Alessio D’Amato, Assessore alla sanità della regione Lazio, Rodolfo Lena, Presidente della commissione sanità del consiglio regionale e Giuseppe Simeone, Componente la commissione sanità regionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano