Voci della Sanità 5 Marzo 2020

Coronavirus, Manai (Pd): «Per evitare collasso SSN aumentare al massimo borse di specializzazione»

Il responsabile della formazione medica del Pd ringrazia governo e operatori sanitari per il lavoro svolto nell’emergenza e chiede una corretta programmazione: «Abbiamo bisogno di più specialisti, abbiamo bisogno di più investimenti sulla sanità pubblica»

«Da ormai circa un mese il nostro paese si trova a fare i conti con il coronavirus. Mi sento di ringraziare prima di tutto gli operatori sanitari che tengono in piedi il nostro sistema sanitario nazionale e senza i quali non saremmo in grado di fronteggiare questa emergenza ma anche il Governo italiano il quale sta predisponendo con il Parlamento misure per contrastare questo nuovo virus. Ora più che mai ci dobbiamo rendere conto dell‘importanza della sanità pubblica, l’unica che può garantire il diritto alla salute a 360°». Così Stefano Manai, responsabile nazionale della formazione medico-sanitaria del PD e Coordinatore forum sanità dei Giovani Democratici.

«Ora più che mai ci dobbiamo rendere conto dell‘importanza della sanità pubblica, l’unica che può garantire il diritto alla salute a 360° – continua Manai -. Uno dei problemi principali sta nel non avere abbastanza posti in terapia intensiva e sufficienti unità, non potendo così garantire un servizio adeguato e completo e costringendo il personale sanitario a fare turni di lavoro massacranti. Purtroppo ci rendiamo conto dell‘importanza delle cose solo quando ci scontriamo con la dura realtà».

«Ora che siamo al Governo, il PD e tutte le forze di maggioranza dovrebbero innanzitutto fare uno sforzo per aumentare le borse di specializzazione fino al massimo della capienza disponibile, per evitare che in futuro il sistema sanitario il quale sta affrontando questa emergenza a testa alta, collassi. Abbiamo bisogno di più specialisti, abbiamo bisogno di più investimenti sulla sanità pubblica» conclude Manai.

«Da una prima fase di emergenza dovrà nascere una seconda fase immediata, di corretta programmazione e visione, che passa anzitutto da forti investimenti nel SSN e aumento del numero di borse delle scuole di specializzazione medica. Abbiamo la fortuna di avere un sistema sanitario pubblico universalistico che ha l’onere di assicurare il diritto alla salute a tutti gli individui; forti di questi principi costituzionali potenziamo il sistema e colmiamo le lacune» aggiunge Giovanni Romualdi, Vice coordinatore forum sanità Giovani Democratici.

Articoli correlati
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 26 maggio, il totale delle persone […]
Formazione, PD: «Saremo in piazza con gli specializzandi. Urgente riforma del settore»
Tra le priorità del Partito democratico quella di colmare l'imbuto formativo e rivedere la modalità di selezione dei medici del futuro: «Il test deve diventare una metodica utilizzata per smistare i professionisti nei differenti percorsi di specializzazione, in base al punteggio conseguito e alle loro preferenze, non deve rimanere un metodo di selezione esclusivo»
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...