Voci della Sanità 5 Marzo 2020

Coronavirus, Manai (Pd): «Per evitare collasso SSN aumentare al massimo borse di specializzazione»

Il responsabile della formazione medica del Pd ringrazia governo e operatori sanitari per il lavoro svolto nell’emergenza e chiede una corretta programmazione: «Abbiamo bisogno di più specialisti, abbiamo bisogno di più investimenti sulla sanità pubblica»

«Da ormai circa un mese il nostro paese si trova a fare i conti con il coronavirus. Mi sento di ringraziare prima di tutto gli operatori sanitari che tengono in piedi il nostro sistema sanitario nazionale e senza i quali non saremmo in grado di fronteggiare questa emergenza ma anche il Governo italiano il quale sta predisponendo con il Parlamento misure per contrastare questo nuovo virus. Ora più che mai ci dobbiamo rendere conto dell‘importanza della sanità pubblica, l’unica che può garantire il diritto alla salute a 360°». Così Stefano Manai, responsabile nazionale della formazione medico-sanitaria del PD e Coordinatore forum sanità dei Giovani Democratici.

«Ora più che mai ci dobbiamo rendere conto dell‘importanza della sanità pubblica, l’unica che può garantire il diritto alla salute a 360° – continua Manai -. Uno dei problemi principali sta nel non avere abbastanza posti in terapia intensiva e sufficienti unità, non potendo così garantire un servizio adeguato e completo e costringendo il personale sanitario a fare turni di lavoro massacranti. Purtroppo ci rendiamo conto dell‘importanza delle cose solo quando ci scontriamo con la dura realtà».

«Ora che siamo al Governo, il PD e tutte le forze di maggioranza dovrebbero innanzitutto fare uno sforzo per aumentare le borse di specializzazione fino al massimo della capienza disponibile, per evitare che in futuro il sistema sanitario il quale sta affrontando questa emergenza a testa alta, collassi. Abbiamo bisogno di più specialisti, abbiamo bisogno di più investimenti sulla sanità pubblica» conclude Manai.

«Da una prima fase di emergenza dovrà nascere una seconda fase immediata, di corretta programmazione e visione, che passa anzitutto da forti investimenti nel SSN e aumento del numero di borse delle scuole di specializzazione medica. Abbiamo la fortuna di avere un sistema sanitario pubblico universalistico che ha l’onere di assicurare il diritto alla salute a tutti gli individui; forti di questi principi costituzionali potenziamo il sistema e colmiamo le lacune» aggiunge Giovanni Romualdi, Vice coordinatore forum sanità Giovani Democratici.

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 525.782 (21.273 in più rispetto a ieri). 161.880 i […]
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
«Contro il Covid non siamo stati eroi: impariamo dagli errori per affrontare la seconda ondata». Intervista a Riccardo Iacona
Il noto giornalista è autore del libro “Mai più eroi in corsia. Cosa ha insegnato il coronavirus al Ssn”. E sui negazionisti: «C’è una parte che fa politica su questa emergenza in maniera abbastanza orripilante»
Coronavirus, non solo Trump: tutti i leader “nemici degli scienziati”
Il caso Modi (India), Bolsonaro (Brasile) e Johnson (UK) al centro dell’editoriale del British Medical Journal
di Tommaso Caldarelli
Specializzandi, Toccalini (Lega): «Sbloccare subito graduatoria, Miur intervenga» 
Il coordinatore della Lega giovani chiede che il Miur faccia chiarezza dopo il rinvio della pubblicazione delle graduatorie degli specializzandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare