OMCeO, Enti e Territori 17 Giugno 2019

Congresso Amsi, Foad Aodi: «Presenteremo le nostre statistiche, proposte e criticità su carenza medici, concorsi, fuga dei medici e circoncisione»

L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) annuncia l’apertura dei lavori del Congresso per il 22 giugno a Roma presso la Clinica Ars Medica a cui parteciperanno professionisti della sanità, italiani e di origine straniera. Un congresso accreditato con Ecm per tutte le professioni. Nella parte scientifica si discuterà di traumatologia sportiva e cure […]

L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) annuncia l’apertura dei lavori del Congresso per il 22 giugno a Roma presso la Clinica Ars Medica a cui parteciperanno professionisti della sanità, italiani e di origine straniera. Un congresso accreditato con Ecm per tutte le professioni.

Nella parte scientifica si discuterà di traumatologia sportiva e cure mediche, chirurgiche e riabilitative, con relatori e moderatori internazionali di varie specializzazioni (medici sportivi e federali, fisiatri, ortopedici, neurologi, cardiologi, neurochirurghi, fisioterapisti) per intensificare la collaborazione tra specialisti, la tutela della salute e intensificare la prevenzione. Il congresso punterà anche sull’importanza della medicina sportiva e delle visite agonistiche con l’invito a combattere il razzismo e le discriminazioni nello sport e negli stadi, un fenomeno che è aumentato più del 30% negli ultimi 3 anni in una società governata sempre di più dalla paura e dai pregiudizi nei confronti dei diversi.

«Il nostro impegno con l’Amsi  è iniziato nel 2000 e prosegue in modo continuo e costante sia nell’aggiornamento professionale (abbiamo organizzato più di 650 convegni e congressi in 18 anni) sia nella difesa del diritto alla salute affrontando tutte le problematiche del SSN e di attualità come la carenza dei medici, il fenomeno delle aggressioni e discriminazioni nei confronti dei professionisti della sanità di origine straniera (registrato un aumento di violenza fisica e verbale del 40% negli ultimi 3 anni) la circoncisione, la fuga dei medici e il dilagare della medicina difensiva» dichiara il Fondatore dell’Amsi Foad Aodi nonché membro della Commissione Fnomceo “Salute Globale” anticipando alcuni dati che saranno presentati al congresso. 

Ad esempio, da gennaio 2018, sono stati richiesti 350 medici sportivi da tutte le regioni italiane per affrontare l’aumento delle richieste delle squadre di calcio e non delle visite sportive agonistiche. «La visita specialistica medico sportiva resta l’unico momento di medicina Preventiva obbligatorio in Italia con un ottimo rapporto costi benefici – dichiara il Professor Carlo Tranquilli, Presidente del CR Regionale LAZIO della Federazione Medico Sportiva Italiana – CONI – . Si sottolinea  la necessità della mediazione linguistica/culturale nella pratica della medicina dello sport esercitata a favore di atleti stranieri con difficoltà anamnestiche e necessità di accertamenti supplementari non contemplati nel protocollo di base.  La stragrande maggioranza dei giovani atleti migranti di origine straniera che si fa visitare da medici dello sport non hanno mai fatto un accertamento medico soprattutto in ambito sportivo. È un’occasione per rimarcare il ruolo professionale dello specialista in Medicina dello sport – continua – anche per il problema dell’evasione delle visite di accertamento di idoneità sportiva. Lotta all’abusivismo dilagante da parte di sanitari non qualificati e non autorizzati, nell’interesse degli atleti e del regolare svolgimento delle gare. Inoltre, non ultima è l’importanza dell’attuazione di corretti interventi di primo soccorso sportivo con l’utilizzo del defibrillatore (PSSD) della FMSI nell’ambito della sicurezza dei campi da gioco».

Articoli correlati
Salute, Aodi (OMCeO Roma): “I migranti non portano malattie, ne parliamo il 19 ottobre a Roma”
“I migranti non portano malattie”. È questo il concetto fondamentale del secondo convegno organizzato dall’Omceo di Roma ,promosso dall’Area rapporti con i comuni e affari esteri, previsto per il prossimo 19 ottobre. L’evento tratterà  “Le patologie più frequenti nei migranti e le emergenze sanitarie” sempre argomenti di interesse di salute, immigrazione, integrazione, cooperazione internazionale e rapporti […]
Violenza in sanità, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa contro le aggressioni»
L'80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L'11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie». La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Lorefice: «Stiamo lavorando all'istituzione dell'osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all'inasprimento delle pene, ma sappiamo che servono interventi strutturali»
E-cig, Rosastella Principe (pneumologa): «Acquistare solo da rivenditori autorizzati. È una moda pericolosa tra i giovani»
«Esistono studi che hanno evidenziato sostanze cancerogene sia nelle e-cig che in quelle a tabacco riscaldato: aldeidi, metalli e altri elementi irritanti. Le sigarette elettroniche non sono prive di rischi e non possono essere considerate innocue». Così la Responsabile del Centro per la prevenzione e la terapia del tabagismo dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma
Giornata mondiale vista. “Guarda che è importante!”, lo slogan di IAPB Italia per tutelare la salute visiva
Oggi 10 ottobre si celebra la Giornata Mondiale della Vista promossa dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità IAPB Italia Onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (SOI). Stamattina al convegno “Inquinamento ambientale e salute visiva”, nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si è parlato di come mantenere il benessere dei nostri occhi
Ius culturae, Amsi, Co-mai e Uniti per Unire incontrano Presidente Commissione Affari Costituzionali Giuseppe Brescia (M5S)
Il presidente Amsi Foad Aodi: «Nell’ultimo anno scolastico gli alunni con cittadinanza non italiana sono circa 900.000, con un’incidenza sulla popolazione scolastica del 9,7%, assurdo che la scuola li consideri  stranieri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...