Voci della Sanità 26 Giugno 2020 17:37

Carcinoma prostatico: un nuovo dispositivo in uso alla ASST Monza

Cicli di radioterapia più brevi e più sicuri

Martedì 16 giugno, presso l’Unità operativa complessa di Radioterapia è stato trattato per la prima volta al mondo un paziente con la nuova tecnologia della ditta svedese Micropos alla ASST Monza.

«Si tratta di una sonda impiantabile che funziona analogamente a un sistema GPS – si legge in un comunicato aziendale – e permette la localizzazione in tempo reale del volume bersaglio durante la radioterapia. Grazie al continuo monitoraggio del target, viene assicurata una somministrazione selettiva della dose, minimizzando l’irraggiamento degli organi sani circostanti».

«La sonda impiantabile – prosegue – alloggiata all’interno di un catetere vescicale, una volta terminato il ciclo di radioterapia viene espiantata completamente, costituendo quindi un impianto non permanente. L’elevata precisione garantita da questo dispositivo, che verrà specificamente utilizzato per il trattamento del carcinoma prostatico, consentirà di effettuare cicli di radioterapia più brevi – passando da 38-40 applicazioni (circa 2 mesi di trattamento) a 4-5 applicazioni (soltanto 1 settimana) più efficaci e più sicuri».

LEGGI ANCHE: CANCRO DELLA PROSTATA, UNA WEB SITCOM PER ABBATTERE I TABÙ E PROMUOVERE LA PREVENZIONE DEL TUMORE MASCHILE PIÙ DIFFUSO

Il personale della Radioterapia e di Fisica Sanitaria dell’Ospedale San Gerardo ha continuato a lavorare anche durante la pandemia non interrompendo mai la propria attività a beneficio dei pazienti oncologici. Ciò si è reso possibile grazie all’adozione di protocolli di ipo-frazionamento, caratterizzati da poche sedute con dosi più alte, che hanno consentito di limitare il numero di accessi in reparto dei pazienti e dei loro caregivers in un periodo di ridotta mobilità.

«Questa nuova acquisizione tecnologica – spiega il professor Stefano Arcangeli – che segue il recente rimodernamento degli acceleratori lineari, rappresenta un ulteriore passo avanti che mette questa ASST nelle condizioni di offrire trattamenti di elevata qualità e in grado al tempo stesso di minimizzare il carico assistenziale nei pazienti più fragili e anziani».

LEGGI ANCHE: SANGUE NELLE URINE? NON SEMPRE È CISTITE. ATTENZIONE AI SINTOMI DEL TUMORE ALLA VESCICA

«La possibilità di ridurre il numero delle sedute e di concentrare in sicurezza il trattamento radioterapico è assolutamente rilevante per affrontare meglio le implicazioni organizzative che derivano dalle nuove norme di sicurezza introdotte da Regione Lombardia sui percorsi ospedalieri e sui distanziamenti – aggiunge il Direttore Generale della ASST Monza Mario Alparone – ed è il risultato di un progresso tecnologico ottenuto con la sostituzione dell’acceleratore lineare, inaugurato nell’ottobre scorso».

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Con cerotto “smart” possibile monitoraggio delle dimensioni del tumore su smartphone
Un dispositivo adesivo indossabile, che si attacca alla pelle come un cerotto, può misurare costantemente le dimensioni di alcuni tumori e trasmettere le informazioni in modalità wireless a uno smartphone. Il dispositivo, sviluppato da Hsing-Wen Sung della National Tsing Hua University di Taiwan e colleghi, è stato descritto sulla rivista ACS Nano
Tumore al seno, l’Intelligenza artificiale può risparmiare alle donne terapie inutili
Grazie all'Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento. Un gruppo di ricercatori della Northwestern University, Usa, ha messo a punto un nuovo strumento che potrebbe evitare alle pazienti trattamenti chemioterapici non necessari. Lo studio è stato pubblicato su Nature Medicine
“Movember”: la Società Italiana di Urologia in Senato per promuovere informazione e prevenzione sui tumori maschili
La Siu ha presentato la sua campagna di informazione e sensibilizzazione sui tumori della prostata e dei testicoli. Al centro del dibattito la necessità di un cambiamento culturale nella percezione che gli uomini hanno della propria salute ma anche le difficoltà dei clinici ad agire senza una normativa specifica che ne tuteli le scelte e le azioni. Il contrappasso è il rischio di una medicina difensiva costosa e inutile.
Scoperte 7 sostanze “scudo” per la salute maschile: proteggono prostata, cuore e umore
Dal cardo mariano al tè verde, dal broccolo al pomodoro, fino all’ippocastano: arrivano dalla natura le sette sostanze alla base del nuovo integratore studiato dagli esperti della Società Italiana di Andrologia per prendersi cura della salute maschile
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...