Voci della Sanità 23 Ottobre 2020

Balbuzie, l’importanza di parlarne. Pino Insegno testimonial d’eccezione

La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1.

PROMUOVERE LA COMPRENSIONE DELLA BALBUZIE

«Promuovere una maggiore comprensione della balbuzie è – spiega Psicodizione, Cooperativa Sociale e Onlus – di fatto, indispensabile per contribuire a ridurre i pregiudizi e i luoghi comuni che ruotano intorno a questo disturbo, il quale ha un forte impatto sulla qualità di vita delle persone che ne soffrono e vivono ogni giorno la difficoltà nel comunicare, con la parola, ciò che hanno molto chiaro nel pensiero».

LE DIFFICOLTA’ LEGATE ALLA PANDEMIA

«L’emergenza sanitaria da COVID-19 ha, inoltre, contribuito ad accentuare le difficoltà nei bambini e nei ragazzi con problemi di linguaggio e di relazione. Il lockdown, prima, e il distanziamento sociale poi hanno, infatti, segnato la brusca interruzione delle relazioni sociali, della routine quotidiana: le lezioni in classe, l’incontro con i compagni, lo sport e le attività ricreative. Nel giro di poco tempo tutte le abitudini considerate “normali” sono state stravolte, le relazioni umane limitate e lo spazio vitale drasticamente ristretto».

«Sono davvero tante le persone che, direttamente o indirettamente, hanno a che fare con questo disturbo e non hanno abbastanza strumenti per affrontarlo o si sentono impotenti (genitori, insegnanti, amici, mariti o mogli) nell’aiutare chi è loro vicino, con la conseguenza di arrivare a rassegnarsi e pensare di dover convivere con questo problema. Sapete cosa vuol dire questo? Vuol dire che bambini, ragazzi e adulti si rassegneranno a vivere una vita al di sotto delle proprie potenzialità, perdendo un po’ di se stessi ad ogni parola non pronunciata, inceppata, rimasta in gola o ingoiata insieme alla vergogna di balbettare».

CHIARA COMASTRI, PSICOLOGA ED EX BALBUZIENTE

«La balbuzie –  afferma la dott.ssa Chiara Comastri, Psicologa ex balbuziente e fondatrice del metodo Psicodizione  – non è un fatto privato, di cui vergognarsi e tacere. La balbuzie è un problema che può essere risolto e il primo passo per fare questo è parlarne, far cadere il velo di impotenza che si crea in famiglia, a scuola o sul lavoro – spiega – . Per una persona che balbetta – precisa ancora la dott.ssa Comastri – il silenzio può essere molto più preoccupante dell’eloquio, poiché è nel silenzio che può nascere la paura di bloccarsi e del giudizio altrui».

«Un testimonial d’eccezione – prosegue Psicodizione – ci ha supportati quest’anno nel nostro intento: Pino Insegno, che ha dato voce ad un video che racconta l’importanza di uscire da questo silenzio ed iniziare a parlare, iniziare a parlarne. Domenica 25 ottobre continueremo, allora, a parlare di balbuzie: del mondo interiore della una persona con disfluenza, ma anche di coloro, e sono tanti, che sono usciti da questa gabbia ed hanno iniziato a vivere a pieno la loro vita, liberi di comunicare e di compere le proprie scelte senza limitarsi a causa della balbuzie. Dal momento che quest’anno non è possibile incontrarsi in Piazza, come per le passate edizioni, abbiamo organizzato il webinar “Balbuzie: possiamo parlarne” che, dalle 16.00 alle 18.30, ospiterà Psicologi e Psicoterapeuti, Pediatri, insegnanti, genitori, ex balbuzienti e, per concludere, uno spettacolo direttamente dal Perù».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psicoanalisi e neuroscienze: nasce la scuola di specializzazione unica
Nell’I.R.C.C.S. Neuromed nasce PSICOMED, scuola di specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica aperta a medici e psicologi. La sfida di creare figure professionali innovative, capaci di essere un ponte tra psicologia e neurologia, per un approccio innovativo al paziente
Hikikomori, con la pandemia e il lockdown aumentati “gli isolati per scelta”
La psicoterapeuta: «Secondo un sondaggio di Hikikomori Italia, il 40% di chi non usciva di casa da tempo durante il lockdown si è sentito meglio, finalmente "normale". Ma una volta riprese le attività il disagio è tornato più forte di prima. La DAD ha riavvicinato molti ragazzi alla scuola, chiediamo sia un'alternativa alle lezioni in presenza utilizzabile sempre»
di Isabella Faggiano
Neri Marcorè e il suo rapporto con l’analisi: «Quella volta che stavo per iscrivermi a Psicologia…»
L’attore racconta a Sanità Informazione il lavoro ‘psicologico’ che c’è dietro ogni imitazione: «Mi piace carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che un personaggio non mostra in pubblico»
Giornata Psicologia, Lazzari (CNOG): «Nuovo lockdown sarebbe insostenibile, ora attivare rete psicologica pubblica»
Convegno al Tempio di Adriano dal titolo "Il diritto alla salute psicologica". Stress in aumento nelle ultime settimane, ma giovani reagiscono meglio. Tra gli ospiti Neri Marcorè e Angelo Borrelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli