Voci della Sanità 23 Ottobre 2020 16:57

Balbuzie, l’importanza di parlarne. Pino Insegno testimonial d’eccezione

La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1. PROMUOVERE LA COMPRENSIONE […]

La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1.

PROMUOVERE LA COMPRENSIONE DELLA BALBUZIE

«Promuovere una maggiore comprensione della balbuzie è – spiega Psicodizione, Cooperativa Sociale e Onlus – di fatto, indispensabile per contribuire a ridurre i pregiudizi e i luoghi comuni che ruotano intorno a questo disturbo, il quale ha un forte impatto sulla qualità di vita delle persone che ne soffrono e vivono ogni giorno la difficoltà nel comunicare, con la parola, ciò che hanno molto chiaro nel pensiero».

LE DIFFICOLTA’ LEGATE ALLA PANDEMIA

«L’emergenza sanitaria da COVID-19 ha, inoltre, contribuito ad accentuare le difficoltà nei bambini e nei ragazzi con problemi di linguaggio e di relazione. Il lockdown, prima, e il distanziamento sociale poi hanno, infatti, segnato la brusca interruzione delle relazioni sociali, della routine quotidiana: le lezioni in classe, l’incontro con i compagni, lo sport e le attività ricreative. Nel giro di poco tempo tutte le abitudini considerate “normali” sono state stravolte, le relazioni umane limitate e lo spazio vitale drasticamente ristretto».

«Sono davvero tante le persone che, direttamente o indirettamente, hanno a che fare con questo disturbo e non hanno abbastanza strumenti per affrontarlo o si sentono impotenti (genitori, insegnanti, amici, mariti o mogli) nell’aiutare chi è loro vicino, con la conseguenza di arrivare a rassegnarsi e pensare di dover convivere con questo problema. Sapete cosa vuol dire questo? Vuol dire che bambini, ragazzi e adulti si rassegneranno a vivere una vita al di sotto delle proprie potenzialità, perdendo un po’ di se stessi ad ogni parola non pronunciata, inceppata, rimasta in gola o ingoiata insieme alla vergogna di balbettare».

CHIARA COMASTRI, PSICOLOGA ED EX BALBUZIENTE

«La balbuzie –  afferma la dott.ssa Chiara Comastri, Psicologa ex balbuziente e fondatrice del metodo Psicodizione  – non è un fatto privato, di cui vergognarsi e tacere. La balbuzie è un problema che può essere risolto e il primo passo per fare questo è parlarne, far cadere il velo di impotenza che si crea in famiglia, a scuola o sul lavoro – spiega – . Per una persona che balbetta – precisa ancora la dott.ssa Comastri – il silenzio può essere molto più preoccupante dell’eloquio, poiché è nel silenzio che può nascere la paura di bloccarsi e del giudizio altrui».

«Un testimonial d’eccezione – prosegue Psicodizione – ci ha supportati quest’anno nel nostro intento: Pino Insegno, che ha dato voce ad un video che racconta l’importanza di uscire da questo silenzio ed iniziare a parlare, iniziare a parlarne. Domenica 25 ottobre continueremo, allora, a parlare di balbuzie: del mondo interiore della una persona con disfluenza, ma anche di coloro, e sono tanti, che sono usciti da questa gabbia ed hanno iniziato a vivere a pieno la loro vita, liberi di comunicare e di compere le proprie scelte senza limitarsi a causa della balbuzie. Dal momento che quest’anno non è possibile incontrarsi in Piazza, come per le passate edizioni, abbiamo organizzato il webinar “Balbuzie: possiamo parlarne” che, dalle 16.00 alle 18.30, ospiterà Psicologi e Psicoterapeuti, Pediatri, insegnanti, genitori, ex balbuzienti e, per concludere, uno spettacolo direttamente dal Perù».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dalla gabbia della balbuzie si può uscire. La storia di Giuseppe, che ora lavora per liberare gli altri
Giuseppe Quaratino ha superato la balbuzie con il metodo Psicodizione e oggi è insegnante: «È bello vedere la soddisfazione di genitori e amici». Chiara Comastri, psicologa ed ideatrice del percorso: «Ridiamo alle persone il controllo sui loro suoni e insegniamo a gestire le emozioni»
La storia di Micaela: «Dalla morte delle mie gemelline aiuto i genitori che affrontano un lutto perinatale»
CiaoLapo Onlus è un’associazione fondata da una mamma ed un papà che hanno perso il proprio figlio, Lapo, al termine della gravidanza. La psicoterapeuta: «Accogliamo chiunque affronti la perdita di un figlio in epoca perinatale, dai primi mesi di gravidanza al periodo successivo al parto»
di Isabella Faggiano
Hurry sickness, il “mal di fretta” è una patologia o uno stile di vita?
Ne soffre il 95% dei manager. Lo psicoterapeuta: «La perdita di sonno, la mancanza di concentrazione e la costante sensazione che il tempo non sia mai abbastanza ci segnalano che qualcosa non va»
di Isabella Faggiano
Nasce la Federazione Italiana Psicologi: «Un nuovo modo di mettere a sistema competenze per il benessere della comunità»
Il presidente Marenco: «La sofferenza psicologica non si urla in piazza, ecco perché è fondamentale che la psicologia sia prevenzione prima ancora che cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre