Voci della Sanità 23 Ottobre 2020 16:57

Balbuzie, l’importanza di parlarne. Pino Insegno testimonial d’eccezione

La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1. PROMUOVERE LA COMPRENSIONE […]

La balbuzie è una tematica delicata, vista ancora come un tabù nella società, in famiglia e a scuola. Manca adeguata informazione e sensibilizzazione su questa problematica, che interessa circa 1 milione di persone in Italia e 70 milioni in tutto il mondo, con un rapporto maschi / femmine che è di 4:1.

PROMUOVERE LA COMPRENSIONE DELLA BALBUZIE

«Promuovere una maggiore comprensione della balbuzie è – spiega Psicodizione, Cooperativa Sociale e Onlus – di fatto, indispensabile per contribuire a ridurre i pregiudizi e i luoghi comuni che ruotano intorno a questo disturbo, il quale ha un forte impatto sulla qualità di vita delle persone che ne soffrono e vivono ogni giorno la difficoltà nel comunicare, con la parola, ciò che hanno molto chiaro nel pensiero».

LE DIFFICOLTA’ LEGATE ALLA PANDEMIA

«L’emergenza sanitaria da COVID-19 ha, inoltre, contribuito ad accentuare le difficoltà nei bambini e nei ragazzi con problemi di linguaggio e di relazione. Il lockdown, prima, e il distanziamento sociale poi hanno, infatti, segnato la brusca interruzione delle relazioni sociali, della routine quotidiana: le lezioni in classe, l’incontro con i compagni, lo sport e le attività ricreative. Nel giro di poco tempo tutte le abitudini considerate “normali” sono state stravolte, le relazioni umane limitate e lo spazio vitale drasticamente ristretto».

«Sono davvero tante le persone che, direttamente o indirettamente, hanno a che fare con questo disturbo e non hanno abbastanza strumenti per affrontarlo o si sentono impotenti (genitori, insegnanti, amici, mariti o mogli) nell’aiutare chi è loro vicino, con la conseguenza di arrivare a rassegnarsi e pensare di dover convivere con questo problema. Sapete cosa vuol dire questo? Vuol dire che bambini, ragazzi e adulti si rassegneranno a vivere una vita al di sotto delle proprie potenzialità, perdendo un po’ di se stessi ad ogni parola non pronunciata, inceppata, rimasta in gola o ingoiata insieme alla vergogna di balbettare».

CHIARA COMASTRI, PSICOLOGA ED EX BALBUZIENTE

«La balbuzie –  afferma la dott.ssa Chiara Comastri, Psicologa ex balbuziente e fondatrice del metodo Psicodizione  – non è un fatto privato, di cui vergognarsi e tacere. La balbuzie è un problema che può essere risolto e il primo passo per fare questo è parlarne, far cadere il velo di impotenza che si crea in famiglia, a scuola o sul lavoro – spiega – . Per una persona che balbetta – precisa ancora la dott.ssa Comastri – il silenzio può essere molto più preoccupante dell’eloquio, poiché è nel silenzio che può nascere la paura di bloccarsi e del giudizio altrui».

«Un testimonial d’eccezione – prosegue Psicodizione – ci ha supportati quest’anno nel nostro intento: Pino Insegno, che ha dato voce ad un video che racconta l’importanza di uscire da questo silenzio ed iniziare a parlare, iniziare a parlarne. Domenica 25 ottobre continueremo, allora, a parlare di balbuzie: del mondo interiore della una persona con disfluenza, ma anche di coloro, e sono tanti, che sono usciti da questa gabbia ed hanno iniziato a vivere a pieno la loro vita, liberi di comunicare e di compere le proprie scelte senza limitarsi a causa della balbuzie. Dal momento che quest’anno non è possibile incontrarsi in Piazza, come per le passate edizioni, abbiamo organizzato il webinar “Balbuzie: possiamo parlarne” che, dalle 16.00 alle 18.30, ospiterà Psicologi e Psicoterapeuti, Pediatri, insegnanti, genitori, ex balbuzienti e, per concludere, uno spettacolo direttamente dal Perù».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il decluttering e i suoi benefici: ecco come riordinare può far “decollare” la nostra vita
La psicologa Paola Medde: «Un atto che scaturisce da una crisi e che implica profonda consapevolezza. Impariamo a declutterare anche relazioni e abitudini tossiche»
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Un’offesa fa “male” come uno schiaffo in faccia
Gli studiosi dell’Università di Utrecht hanno analizzato le reazioni ad affermazioni di diversa natura, come insulti, complimenti e dichiarazioni descrittive, utilizzando l’elettroencefalografia (EEG) e il biofeedback della conduttanza cutanea. L’analisi della psicologa Paola Biondi
Baciare sulle labbra i bambini, giusto o sbagliato? «Puntiamo su manifestazioni più soft ma più efficaci»
Cosmi (componente Ordine Psicologi Lazio): «Il rischio non è erotizzare il rapporto, ma svuotare di significato l’affettività e confondere i ruoli»
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi