Voci della Sanità 11 Febbraio 2020

Antibiotico-resistenza, alla Camera mozione per contrasto. Nappi (M5S): «Fenomeno da arginare, approvare subito Ddl»

Il Governo viene impegnato, tra le altre cose, anche a un programma di formazione continua degli operatori sanitari sul tema e al contrasto della vendita illegale di prodotti antimicrobici

Presentata a Montecitorio una mozione, a prima firma Elena Carnevali del Pd seguita da Silvana Nappi (M5S), che impegna il governo nella lotta all’antibiotico resistenza, una piaga che secondo le stime Ocse uccide ogni anno 700mila persone nel mondo. L’approvazione è prevista nei prossimi giorni.

Tra le indicazioni più rilevanti quelle che impegnano l’esecutivo a garantire, di intesa con le Regioni, un programma nazionale di formazione sistematica e continua per tutto il personale sanitario volto a favorire le buone pratiche assistenziali e le misure di prevenzione necessarie a limitare sensibilmente il rischio di diffusione delle infezioni ospedaliere ed implementando i programmi di formazione degli operatori sanitari, medici e dei veterinari, con particolare riguardo ai medici di medicina generale e ai pediatri di famiglia, al fine di migliorare l’appropriatezza prescrittiva di farmaci antibiotici. Altro punto è quello di contrastare la resistenza antimicrobica nell’ambito della tutela della salute umana, animale e dell’ambiente, introducendo misure finalizzate all’uso corretto e appropriato degli antimicrobici, con obiettivi misurabili per limitare la comparsa della resistenza antimicrobica, nell’assistenza sanitaria umana, nella zootecnia e nell’acquacoltura. Da segnalare anche le iniziative volte a contrastare la vendita illegale di prodotti antimicrobici ovvero la loro vendita senza prescrizione medica o veterinaria nonché ad impedire l’illegittima vendita on line dei farmaci soggetti a prescrizione medica o veterinaria, informando e sensibilizzando i cittadini, tramite campagne informative, sui rischi connessi a tali acquisti.

«La mozione, approdata oggi in Aula, sull’antibiotico-resistenza rappresenta una tappa fondamentale per contrastare un fenomeno che si sta diffondendo sempre di più ed è pericolosissimo in primis per la salute delle persone. Occorre correre ai ripari il più presto possibile: le stime Ocse ci dicono che sono 700mila i decessi ogni anno che potrebbero essere causati dalla resistenza a questi farmaci, di cui 25mila in Europa» sottolinea Silvana Nappi, deputata del Movimento 5 Stelle in Commissione Affari sociali, intervenuta oggi nell’Aula di Montecitorio.

«Questa è una battaglia per la salute delle persone e dell’ambiente a cui tengo personalmente – aggiunge Nappi che è firmataria anche di un disegno di legge sul tema -. Dopo l’approvazione in Commissione Affari sociali di una mia risoluzione sul tema, e con una proposta di legge già depositata che mi auguro inizi presto l’iter, l’obiettivo è quello di incidere seriamente sulle politiche sanitarie di questo Paese, promuovendo un’inversione di tendenza tanto nelle abitudini delle singole persone, quanto nell’assistenza sanitaria e nel modello industriale di allevamento».

Articoli correlati
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Al lavoro per ridurre al minimo fase transitoria»
La normativa approvata dal Consiglio dei Ministri prevede una radicale semplificazione dell’accesso all'esercizio delle professioni con lo svolgimento del necessario tirocinio pratico-valutativo nei corsi di laurea
«Che fine hanno fatto le altre malattie?»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Covid-19, Misiti (M5S): «C’è emergenza ma non dimentichiamo i malati con altre patologie virali»
«C’è un’emergenza sanitaria che è il Covid 19, è vero, ma occorre non dimenticare che esistono anche patologie infettive per le quali è fondamentale un’assistenza adeguata con dei reparti dedicati. Senza minimizzare in alcun modo la necessità di garantire dei percorsi e delle strutture per l’esclusivo soccorso a chi viene colpito dal Covid 19, è […]
Riforma RSA, M5S: «Perplessità su nomina Mons. Paglia. Ora coinvolgere medici di famiglia e assistenti sociali»
«Non è in discussione l’elevato profilo morale e culturale del Mons. Paglia» sottolineano i deputati pentastellati della Commissione Affari Sociali che però ribadiscono: «Il Servizio sanitario nazionale è e deve rimanere laico e pubblico»
Screening neonatale, Volpi (M5S): «Via al decreto che istituisce tavolo per aggiornare lista delle patologie»
«La revisione periodica della lista delle malattie da testare sarà preziosa per la salute dei nostri bambini, cui potremo così garantire un numero sempre maggiore di cure», dichiara la deputata M5S Leda Volpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare