Voci della Sanità 15 Maggio 2018 14:16

Il Museo va in Ospedale…a Scuola

Il Museo va in Ospedale…a Scuola è un’iniziativa promossa dal Servizio Educativo del Museo Nazionale Romano, in collaborazione con i docenti della Scuola dell’I.C. Virgilio Sezione Ospedale “Bambino Gesù”, destinata agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado del Reparto di Oncoematologia dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma. L’iniziativa si inserisce nel progetto culturale […]

Il Museo va in Ospedale…a Scuola è un’iniziativa promossa dal Servizio Educativo del Museo Nazionale Romano, in collaborazione con i docenti della Scuola dell’I.C. Virgilio Sezione Ospedale “Bambino Gesù”, destinata agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado del Reparto di Oncoematologia dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma.
L’iniziativa si inserisce nel progetto culturale del Museo e rientra tra le numerose attività proposte ai piccoli visitatori con l’obiettivo di coinvolgere un pubblico sempre più vasto, incrementando i livelli di inclusione.
Il Museo va in Ospedale…a Scuola propone una serie di laboratori ludico-didattici che affiancheranno per due anni il percorso didattico della Scuola in Ospedale permettendo ai bambini ricoverati non solo di “visitare” il Museo ma anche di partecipare alle attività che il Museo propone agli altri piccoli visitatori.
I bambini ospedalizzati hanno infatti l’occasione di partecipare a un piccolo scavo archeologico simulato, scoprendo i reperti e classificandoli; possono ricomporre un’iscrizione romana dai suoi frammenti, leggerla e interpretarla; possono ricostruire un vaso dai suoi cocci e trasformare un lenzuolo in una toga per scoprire l’abbigliamento e la moda dei Romani.
Osservare dal vivo i reperti, elemento unico e distintivo di una visita al Museo, viene garantito anche a questi “visitatori”: manufatti originali di piccole dimensioni, ma di grande interesse, vengono infatti portati in ospedale e messi a disposizione dei bambini. Reperti alla mano, i bambini possono approfondire diversi aspetti della vita quotidiana nell’antichità, in linea con la progettazione didattica della scuola.

Lo scopo di queste attività è permettere anche a quei bambini che la malattia ha posto in una condizione di svantaggio di poter partecipare al processo di diffusione di conoscenza e trasmissione del patrimonio, obiettivo primario del Museo: la collaborazione con la Scuola in Ospedale permette un modello di intervento integrato volto a offrire occasioni di arricchimento culturale e personale.
In questo senso, l’attività del Museo si pone come complemento e integrazione alla normale attività scolastica, all’interno di un virtuoso rapporto di reciproca collaborazione tra Istituzioni.

Articoli correlati
Scuola, la chiusura fa male alla salute mentale dei più giovani. Siani (Pd): «Servono più posti letto in neuropsichiatria infantile»
Aumentano casi di insonnia, autolesionismo, bulimia e anoressia. Il pediatra e deputato dem ha presentato una risoluzione in Commissione Affari Sociali in cui chiede di implementare la attività di telepsichiatria e di dare vita ad un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell'adolescente e del minore
La pandemia ha sferrato il colpo di grazia ai bambini che vivono in zone di guerra
La denuncia dell'Universities Network for Children in Armed Conflict: «L’emergenza ha esasperato abusi e violenze minando ulteriormente accesso a istruzione e assistenza sanitaria»
Riapertura scuole, Florida (Sottosegretario Istruzione): «Test salivari molecolari soluzione migliore per i bambini»
«Ritengo che i test salivari molecolari, essendo meno invasivi rispetto ai tamponi nasali, possano essere più adatti al mondo dei più piccoli, anche in vista di una somministrazione frequente».
di Peter D'Angelo
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori
Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive
di Federica Bosco
Covid-19, il 98% degli operatori sanitari vaccinati ha anticorpi molto alti
Uno studio clinico realizzato dall’Ospedale Niguarda e dall’Università di Milano su 2497 tra medici e infermieri a 14 giorni dall’inoculazione rivela una risposta immunitaria importante. Scaglione (laboratorio di Analisi chimiche e Microbiologia): «Da quando il personale è vaccinato, non ci sono più stati casi di Covid tra gli operatori sanitari. Ripeteremo le analisi a 3, 6 e 12 mesi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...