Mondo 2 Ottobre 2020 10:18

Usa, Trump annuncia: «Io e Melania positivi a Covid-19»

Il presidente statunitense Trump è risultato positivo a Covid-19. Con lui anche la consorte Melania. L’annuncio questa mattina su Twitter. Il terzo ad ammalarsi dopo Boris Johnson e Jair Bolsonaro

Usa, Trump annuncia: «Io e Melania positivi a Covid-19»

Prima Boris Johnson, poi Jair Bolsonaro. Ora anche Donald Trump è risultato positivo al Covid-19. I tre leader “scettici” per eccellenza sulla pandemia accomunati dal contagio. Proprio loro che avevano messo in dubbio l’utilità della mascherina e delle misure di prevenzione.

Stamattina l’annuncio di Trump, 74 anni, su Twitter. A soli tre giorni dal dibattito con l’avversario Joe Biden per le presidenziali di novembre. «Questa notte io e Melania siamo risultati positivi a Covid-19 – scrive – inizieremo immediatamente la nostra quarantena e il processo di guarigione. Supereremo questa cosa insieme!». Anche la moglie del presidente Usa, infatti, è risultata positiva al virus.

Nei primi mesi della pandemia aveva fatto scalpore la decisione del medico personale di Trump di prescrivergli l’idrossiclorochina per prevenire l’infezione. Proposito bocciato da molti esperti già allora e che, con le recenti ricerche, si è dimostrato totalmente inefficace. L’idrossiclorochina ha mostrato, infatti, di avere effetti sul decorso dei malati gravi di Covid-19, ma di essere priva di qualsiasi effetto profilattico verso il virus.

Prima di Trump, il 27 marzo scorso è stato Boris Johnson il primo leader mondiale positivo al coronavirus. Anche lui lo annunciava con un tweet: «Ho sviluppato alcuni sintomi nelle ultime ore». Nei giorni successivi venne trasportato d’urgenza al St. Thomas Hospital di Londra, dove lo ricoverarono in terapia intensiva per tre giorni. Il 13 aprile è guarito, in tempo per vedere suo figlio appena nato.

Il 7 luglio è toccato al 65enne Jair Bolsonaro, forse il più testardo sostenitore della “leggerezza” del virus. Il presidente del Brasile aveva parlato di una febbricola nelle settimane prima del tampone, partecipando a eventi pubblici e conferenze senza mai indossare la mascherina. Poi l’annuncio in tv: «Sono positivo». La guarigione è arrivata dopo 20 giorni, ma non ha compromesso le sue considerazioni sul virus. «Ho la muffa nei polmoni dopo 20 giorni a casa», ha dichiarato dopo una delle sue prime uscite pubbliche.

In Italia l’ex premier Silvio Berlusconi è ancora positivo al Covid-19, dopo il contagio avvenuto ad agosto in Sardegna durante una vacanza. Dopo alcune settimane ricoverato al San Raffaele è guarito dalla polmonite, ma non è ancora libero dal virus. A marzo risalgono, invece, i contagi di Nicola Zingaretti, leader Pd, e di Pierpaolo Sileri, viceministro alla Salute. Entrambi superati dopo qualche settimana di cure.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»