Mondo 2 Ottobre 2020

Usa, Trump annuncia: «Io e Melania positivi a Covid-19»

Il presidente statunitense Trump è risultato positivo a Covid-19. Con lui anche la consorte Melania. L’annuncio questa mattina su Twitter. Il terzo ad ammalarsi dopo Boris Johnson e Jair Bolsonaro

Immagine articolo

Prima Boris Johnson, poi Jair Bolsonaro. Ora anche Donald Trump è risultato positivo al Covid-19. I tre leader “scettici” per eccellenza sulla pandemia accomunati dal contagio. Proprio loro che avevano messo in dubbio l’utilità della mascherina e delle misure di prevenzione.

Stamattina l’annuncio di Trump, 74 anni, su Twitter. A soli tre giorni dal dibattito con l’avversario Joe Biden per le presidenziali di novembre. «Questa notte io e Melania siamo risultati positivi a Covid-19 – scrive – inizieremo immediatamente la nostra quarantena e il processo di guarigione. Supereremo questa cosa insieme!». Anche la moglie del presidente Usa, infatti, è risultata positiva al virus.

Nei primi mesi della pandemia aveva fatto scalpore la decisione del medico personale di Trump di prescrivergli l’idrossiclorochina per prevenire l’infezione. Proposito bocciato da molti esperti già allora e che, con le recenti ricerche, si è dimostrato totalmente inefficace. L’idrossiclorochina ha mostrato, infatti, di avere effetti sul decorso dei malati gravi di Covid-19, ma di essere priva di qualsiasi effetto profilattico verso il virus.

Prima di Trump, il 27 marzo scorso è stato Boris Johnson il primo leader mondiale positivo al coronavirus. Anche lui lo annunciava con un tweet: «Ho sviluppato alcuni sintomi nelle ultime ore». Nei giorni successivi venne trasportato d’urgenza al St. Thomas Hospital di Londra, dove lo ricoverarono in terapia intensiva per tre giorni. Il 13 aprile è guarito, in tempo per vedere suo figlio appena nato.

Il 7 luglio è toccato al 65enne Jair Bolsonaro, forse il più testardo sostenitore della “leggerezza” del virus. Il presidente del Brasile aveva parlato di una febbricola nelle settimane prima del tampone, partecipando a eventi pubblici e conferenze senza mai indossare la mascherina. Poi l’annuncio in tv: «Sono positivo». La guarigione è arrivata dopo 20 giorni, ma non ha compromesso le sue considerazioni sul virus. «Ho la muffa nei polmoni dopo 20 giorni a casa», ha dichiarato dopo una delle sue prime uscite pubbliche.

In Italia l’ex premier Silvio Berlusconi è ancora positivo al Covid-19, dopo il contagio avvenuto ad agosto in Sardegna durante una vacanza. Dopo alcune settimane ricoverato al San Raffaele è guarito dalla polmonite, ma non è ancora libero dal virus. A marzo risalgono, invece, i contagi di Nicola Zingaretti, leader Pd, e di Pierpaolo Sileri, viceministro alla Salute. Entrambi superati dopo qualche settimana di cure.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
Covid-19, Cifaldi (Cisl Medici Lazio): «Servono misure eccezionali per far fronte alla situazione»
«Quello che sta accadendo è la prova provata che non si sta investendo nella medicina territoriale e neanche nei dipartimenti di prevenzione cioè quelli che si occupano di igiene pubblica» dichiara in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario generale della Cisl Medici Lazio. «Vorremmo che qualcuno ci spiegasse a cosa serve fare migliaia di tamponi se […]
Covid-19, Rostan (Iv): «Emergenza  non metta a rischio altre patologie»
«Ancora tante le strutture ospedaliere sprovviste di percorsi in sicurezza Covid con pazienti che occupano i triage dei Pronto soccorso o le corsie di reparti» segnala la Vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Covid, Gimbe: «Raddoppiano positivi e decessi, virus corre più veloce dei Dpcm»
Incremento esponenziale anche questa settimana secondo Fondazione Gimbe. Dal 7,8% della Provincia Autonoma di Trento al 44,9% della Campania. Raddoppia il tasso di positività
Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»
Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridurre la capienza dei mezzi pubblici. Ma dico no a un nuovo lockdown». Poi ammonisce: «Attenzione a dimenticare le altre patologie o rischiamo guai peggiori»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...