Mondo 28 Luglio 2021 13:02

Tunisia in piena crisi sanitaria. Dall’Italia arrivano donazioni da parte del Gruppo San Donato

Il Vicepresidente del gruppo, Kamel Ghribi, ha risposto all’appello lanciato dal governo tunisino con una donazione per aiutare il suo Paese di origine

Quando interi Paesi e intere popolazioni si ritrovano in difficoltà è dovere delle altre nazioni dare una mano. È accaduto ad inizio pandemia proprio al nostro Paese, quando, a causa della scarsità di personale sanitario da impiegare nelle strutture ospedaliere per tamponare l’impatto del Covid-19, sono state inviate squadre di medici e infermieri da altri Paesi in quel momento meno colpiti dalla pandemia (come hanno fatto, ad esempio, Cuba e Albania).

Allo stesso modo, ora che anche grazie ai vaccini e all’andamento della pandemia nel nostro Paese non ci troviamo più in una situazione emergenziale, per far fronte alla gravissima crisi sanitaria che sta colpendo la Tunisia, il finanziere svizzero-tunisino Kamel Ghribi, Vicepresidente del Gruppo San Donato e presidente GSD Healthcare Middle East e presidente GKSD Holding, ha risposto all’appello lanciato dal popolo tunisino, con una donazione filantropica per aiutare il suo Paese.

Nel quadro del programma di cooperazione tra il Gruppo San Donato e la Tunisia (già concretizzato con la recente donazione di un angiografo mono-plano per eseguire procedure di cardiologia interventistica pediatrica all’Ospedale La Rabta di Tunisi), sabato 24 luglio una nave partita da Genova è arrivata in territorio tunisino, trasportando 20mila litri di ossigeno (sostanza della quale in questo momento il Paese ha disperatamente bisogno), ai quali si aggiungono 30mila dispositivi di protezione individuale, 30mila test rapidi Covid, 25 caschi CPAP e 27 concentratori d’ossigeno da 10 litri ciascuno. La nave è stata ricevuta al porto di Tunisi dall’ambasciatore italiano e il Ministro degli Esteri tunisino.

Ma il sostegno dato dal Vicepresidente del Gruppo San Donato Ghribi non termina qui, in quanto un’altra nave, anch’essa contenente aiuti per il popolo tunisino (80mila litri di ossigeno), è in partenza il 28 luglio da Livorno e arriverà il giorno  successivo a Tunisi.

Il Gruppo San Donato, fondato nel 1957, è il primo gruppo ospedaliero in Italia e fra i primi in Europa e rappresenta un’eccellenza nel campo dell’attività clinica, della didattica universitaria e della ricerca scientifica. Il Gruppo conta, al momento, 56 sedi in Italia, un personale formato da 7.723 medici che curano circa 4.7 milioni di pazienti all’anno.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
Terza dose da oggi in Italia, ma gli esperti sono divisi: «Dati ancora non chiari»
Per ora la platea interessata è formata da circa 3 milioni di immunocompromessi ma si discute sulla possibilità di estenderla a tutta la popolazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco