Mondo 28 Luglio 2021 13:02

Tunisia in piena crisi sanitaria. Dall’Italia arrivano donazioni da parte del Gruppo San Donato

Il Vicepresidente del gruppo, Kamel Ghribi, ha risposto all’appello lanciato dal governo tunisino con una donazione per aiutare il suo Paese di origine

Quando interi Paesi e intere popolazioni si ritrovano in difficoltà è dovere delle altre nazioni dare una mano. È accaduto ad inizio pandemia proprio al nostro Paese, quando, a causa della scarsità di personale sanitario da impiegare nelle strutture ospedaliere per tamponare l’impatto del Covid-19, sono state inviate squadre di medici e infermieri da altri Paesi in quel momento meno colpiti dalla pandemia (come hanno fatto, ad esempio, Cuba e Albania).

Allo stesso modo, ora che anche grazie ai vaccini e all’andamento della pandemia nel nostro Paese non ci troviamo più in una situazione emergenziale, per far fronte alla gravissima crisi sanitaria che sta colpendo la Tunisia, il finanziere svizzero-tunisino Kamel Ghribi, Vicepresidente del Gruppo San Donato e presidente GSD Healthcare Middle East e presidente GKSD Holding, ha risposto all’appello lanciato dal popolo tunisino, con una donazione filantropica per aiutare il suo Paese.

Nel quadro del programma di cooperazione tra il Gruppo San Donato e la Tunisia (già concretizzato con la recente donazione di un angiografo mono-plano per eseguire procedure di cardiologia interventistica pediatrica all’Ospedale La Rabta di Tunisi), sabato 24 luglio una nave partita da Genova è arrivata in territorio tunisino, trasportando 20mila litri di ossigeno (sostanza della quale in questo momento il Paese ha disperatamente bisogno), ai quali si aggiungono 30mila dispositivi di protezione individuale, 30mila test rapidi Covid, 25 caschi CPAP e 27 concentratori d’ossigeno da 10 litri ciascuno. La nave è stata ricevuta al porto di Tunisi dall’ambasciatore italiano e il Ministro degli Esteri tunisino.

Ma il sostegno dato dal Vicepresidente del Gruppo San Donato Ghribi non termina qui, in quanto un’altra nave, anch’essa contenente aiuti per il popolo tunisino (80mila litri di ossigeno), è in partenza il 28 luglio da Livorno e arriverà il giorno  successivo a Tunisi.

Il Gruppo San Donato, fondato nel 1957, è il primo gruppo ospedaliero in Italia e fra i primi in Europa e rappresenta un’eccellenza nel campo dell’attività clinica, della didattica universitaria e della ricerca scientifica. Il Gruppo conta, al momento, 56 sedi in Italia, un personale formato da 7.723 medici che curano circa 4.7 milioni di pazienti all’anno.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
Draghi in Parlamento, governo appeso a un filo. Ringrazia gli “eroi della pandemia”
Al Senato il primo atto della verifica avviata dalla mancata fiducia del MoVimento 5 stelle e dalle dimissioni del presidente del Consiglio. Draghi ringrazia le federazioni della sanità, «una mobilitazione impossibile da ignorare», e tra i progetti da portare a termine ricorda quello delle case di comunità
di Francesco Torre
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...