Mondo 6 Settembre 2018 11:22

Sedici infermiere dello stesso reparto sono tutte incinte. Il baby boom dell’Arizona

Partoriranno tra ottobre e gennaio. Al Banner Desert Medical Center si sta già festeggiando la dolce coincidenza e predisponendo le sostituzioni di maternità

Sedici infermiere dello stesso reparto sono tutte incinte. Il baby boom dell’Arizona

I primi ad accorgersi che nel reparto di terapia intensiva del Banner Desert Medical Center in Arizona (USA) c’era qualcosa di strano, sono stati i pazienti. Niente di pauroso o scandaloso, anzi. Ma tutte le infermiere che venivano ad assisterli erano incinte.

Sono sedici, splendidamente diverse nell’età e nel colore della pelle, e tutte con il pancione. Partoriranno tra ottobre e gennaio, e probabilmente coloro che programmavano una gravidanza hanno cercato di approfittare del periodo natalizio per dare alla luce il proprio piccolo.

Ma non c’è stata nessuna scommessa o patto segreto. E come ormai sempre più spesso accade, è stato Facebook a far loro scoprire della dolce coincidenza: quando le prime hanno creato un gruppo per scambiarsi opinioni e consigli, di settimana in settimana si aggiungevano grazie al passaparola altre colleghe. E oltre ad essere felici di poter condividere le proprie esperienze, sono anche riuscite ad ottenere dai cuochi della mensa dell’ospedale dei menù più adatti ad una donna in gravidanza. L’unione fa la forza.

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO, FARAONI (TOSSICOLOGA): «MAMME SI POSSONO CURARE, MA MEGLIO EVITARE NUOVI FARMACI»

Dato l’evento eccezionale, l’ospedale ha organizzato una conferenza stampa, mostrando con orgoglio il baby boom dell’Arizona, interpretato come un segno di buon auspicio per l’intera struttura e finito immediatamente sulle pagine dei giornali di mezzo mondo. Le infermiere in dolce attesa hanno anche ricevuto dall’ospedale una tutina per i bebè con la scritta “relax, mia mamma è un’infermiera del Banner Hospital”.

Evidenti però le conseguenze che la maternità contemporanea di sedici infermiere può avere sul funzionamento del reparto, ma l’ospedale ha tranquillizzato i pazienti: sono già state predisposte le sostituzioni per le dodici settimane di maternity leave di cui ha diritto ogni infermiera. Nel frattempo, i pazienti sottoposti a cure potenzialmente pericolose per donne in gravidanza sono assistiti da personale non in dolce attesa.

LEGGI ANCHE: GREY’S ANATOMY ILLUDE I PAZIENTI? PARLA L’AUTORE DELLA RICERCA AMERICANA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
Nel mondo è boom di gemelli, mai così tanti negli ultimi 40 anni. Guglielmino (SIRU): «In Italia numeri destinati a calare»
Il presidente della Società italiana riproduzione umana: «Diffusione delle tecniche di PMA e aumento dell’età media delle donne al primo figlio tra le principali motivazioni dell’incremento di gravidanze gemellari»
di Isabella Faggiano
Le donne incinte possono essere vaccinate con il vaccino AstraZeneca?
La risposta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Vaccino anti-Covid negato a donne in gravidanza, Beux (FNO TSRM E PSTRP): «Nessuna incompatibilità con allattamento»
I professionisti sanitari sono chiamati ad effettuare la vaccinazione contro il Covid-19 ma alle donne in allattamento questa opportunità resta in alcuni casi negata. Il Presidente della Federazione: «I documenti emanati da EMA e AIFA attestano la compatibilità del vaccino Covid-19 mRNA con l’allattamento»
Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»
Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco