Mondo 6 Settembre 2018

Sedici infermiere dello stesso reparto sono tutte incinte. Il baby boom dell’Arizona

Partoriranno tra ottobre e gennaio. Al Banner Desert Medical Center si sta già festeggiando la dolce coincidenza e predisponendo le sostituzioni di maternità

Immagine articolo

I primi ad accorgersi che nel reparto di terapia intensiva del Banner Desert Medical Center in Arizona (USA) c’era qualcosa di strano, sono stati i pazienti. Niente di pauroso o scandaloso, anzi. Ma tutte le infermiere che venivano ad assisterli erano incinte.

Sono sedici, splendidamente diverse nell’età e nel colore della pelle, e tutte con il pancione. Partoriranno tra ottobre e gennaio, e probabilmente coloro che programmavano una gravidanza hanno cercato di approfittare del periodo natalizio per dare alla luce il proprio piccolo.

Ma non c’è stata nessuna scommessa o patto segreto. E come ormai sempre più spesso accade, è stato Facebook a far loro scoprire della dolce coincidenza: quando le prime hanno creato un gruppo per scambiarsi opinioni e consigli, di settimana in settimana si aggiungevano grazie al passaparola altre colleghe. E oltre ad essere felici di poter condividere le proprie esperienze, sono anche riuscite ad ottenere dai cuochi della mensa dell’ospedale dei menù più adatti ad una donna in gravidanza. L’unione fa la forza.

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO, FARAONI (TOSSICOLOGA): «MAMME SI POSSONO CURARE, MA MEGLIO EVITARE NUOVI FARMACI»

Dato l’evento eccezionale, l’ospedale ha organizzato una conferenza stampa, mostrando con orgoglio il baby boom dell’Arizona, interpretato come un segno di buon auspicio per l’intera struttura e finito immediatamente sulle pagine dei giornali di mezzo mondo. Le infermiere in dolce attesa hanno anche ricevuto dall’ospedale una tutina per i bebè con la scritta “relax, mia mamma è un’infermiera del Banner Hospital”.

Evidenti però le conseguenze che la maternità contemporanea di sedici infermiere può avere sul funzionamento del reparto, ma l’ospedale ha tranquillizzato i pazienti: sono già state predisposte le sostituzioni per le dodici settimane di maternity leave di cui ha diritto ogni infermiera. Nel frattempo, i pazienti sottoposti a cure potenzialmente pericolose per donne in gravidanza sono assistiti da personale non in dolce attesa.

LEGGI ANCHE: GREY’S ANATOMY ILLUDE I PAZIENTI? PARLA L’AUTORE DELLA RICERCA AMERICANA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
#UnGiornoCon | Ostetrica. Chantal è in attesa del piccolo Vittorio: ecco come la futura mamma si prepara al lieto evento
Marocchini (ostetrica): «Superato il travaglio e il parto, io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio per valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato e il benessere di mamma e bambino»
di Isabella Faggiano
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
Hai misurato la pressione? Controlli gratuiti al Fatebenefratelli – Isola Tiberina
Venerdì 17 maggio, in occasione della XV Giornata Mondiale contro l’ipertensione, il “Fatebenefratelli – Isola Tiberina” di Roma apre le porte ai cittadini per sensibilizzare l’utenza su questa malattia e sull’importanza della prevenzione. Medici, infermieri e ostetriche saranno a disposizione nel Cortile dell’Accettazione per distribuire materiale informativo e fornire consigli. Sarà inoltre possibile misurare gratuitamente […]
“La sanità non funziona senza infermieri”, campagna FNOPI per celebrare la Giornata internazionale degli infermieri
Decine gli eventi in tutta Italia il 12 maggio. «Intendiamo comunicare correttamente ciò che siamo e che rappresentiamo nella realtà di tutti i giorni agli occhi dei cittadini», spiega la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli. Le immagini raccolte pubblicate sui canali web e social della Federazione danno conto di numerose attività professionali che attualmente vedono gli infermieri protagonisti anche in contesti insoliti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...