Mondo 6 Settembre 2018

Sedici infermiere dello stesso reparto sono tutte incinte. Il baby boom dell’Arizona

Partoriranno tra ottobre e gennaio. Al Banner Desert Medical Center si sta già festeggiando la dolce coincidenza e predisponendo le sostituzioni di maternità

Immagine articolo

I primi ad accorgersi che nel reparto di terapia intensiva del Banner Desert Medical Center in Arizona (USA) c’era qualcosa di strano, sono stati i pazienti. Niente di pauroso o scandaloso, anzi. Ma tutte le infermiere che venivano ad assisterli erano incinte.

Sono sedici, splendidamente diverse nell’età e nel colore della pelle, e tutte con il pancione. Partoriranno tra ottobre e gennaio, e probabilmente coloro che programmavano una gravidanza hanno cercato di approfittare del periodo natalizio per dare alla luce il proprio piccolo.

Ma non c’è stata nessuna scommessa o patto segreto. E come ormai sempre più spesso accade, è stato Facebook a far loro scoprire della dolce coincidenza: quando le prime hanno creato un gruppo per scambiarsi opinioni e consigli, di settimana in settimana si aggiungevano grazie al passaparola altre colleghe. E oltre ad essere felici di poter condividere le proprie esperienze, sono anche riuscite ad ottenere dai cuochi della mensa dell’ospedale dei menù più adatti ad una donna in gravidanza. L’unione fa la forza.

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO, FARAONI (TOSSICOLOGA): «MAMME SI POSSONO CURARE, MA MEGLIO EVITARE NUOVI FARMACI»

Dato l’evento eccezionale, l’ospedale ha organizzato una conferenza stampa, mostrando con orgoglio il baby boom dell’Arizona, interpretato come un segno di buon auspicio per l’intera struttura e finito immediatamente sulle pagine dei giornali di mezzo mondo. Le infermiere in dolce attesa hanno anche ricevuto dall’ospedale una tutina per i bebè con la scritta “relax, mia mamma è un’infermiera del Banner Hospital”.

Evidenti però le conseguenze che la maternità contemporanea di sedici infermiere può avere sul funzionamento del reparto, ma l’ospedale ha tranquillizzato i pazienti: sono già state predisposte le sostituzioni per le dodici settimane di maternity leave di cui ha diritto ogni infermiera. Nel frattempo, i pazienti sottoposti a cure potenzialmente pericolose per donne in gravidanza sono assistiti da personale non in dolce attesa.

LEGGI ANCHE: GREY’S ANATOMY ILLUDE I PAZIENTI? PARLA L’AUTORE DELLA RICERCA AMERICANA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
«Infermiere e sindacalista, vi racconto cosa significa lavorare al San Giovanni Bosco di Napoli»
Luigi Paganelli, infermiere e RSU FP-CGIL, racconta a Sanità Informazione il clima che si respira nel nosocomio napoletano, teatro di molteplici aggressioni: «Qui l’utenza viene già prevenuta»
Ginecologia, la professoressa Caserta: «Gravidanza e parto siano trattati come eventi fisiologici»
La direttrice della UOC di Ginecologia dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma contro la medicina difensiva. E sfata le fake news più comuni sulla gravidanza: «Non è vero che la donna incinta deve mangiare per due»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
#UnGiornoCon | Ostetrica. Chantal è in attesa del piccolo Vittorio: ecco come la futura mamma si prepara al lieto evento
Marocchini (ostetrica): «Superato il travaglio e il parto, io, Chantal e Vittorio affronteremo un percorso a domicilio per valutare il corretto andamento dell’allattamento, la crescita del neonato e il benessere di mamma e bambino»
di Isabella Faggiano
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali