Mondo 6 settembre 2018

Sedici infermiere dello stesso reparto sono tutte incinte. Il baby boom dell’Arizona

Partoriranno tra ottobre e gennaio. Al Banner Desert Medical Center si sta già festeggiando la dolce coincidenza e predisponendo le sostituzioni di maternità

Immagine articolo

I primi ad accorgersi che nel reparto di terapia intensiva del Banner Desert Medical Center in Arizona (USA) c’era qualcosa di strano, sono stati i pazienti. Niente di pauroso o scandaloso, anzi. Ma tutte le infermiere che venivano ad assisterli erano incinte.

Sono sedici, splendidamente diverse nell’età e nel colore della pelle, e tutte con il pancione. Partoriranno tra ottobre e gennaio, e probabilmente coloro che programmavano una gravidanza hanno cercato di approfittare del periodo natalizio per dare alla luce il proprio piccolo.

Ma non c’è stata nessuna scommessa o patto segreto. E come ormai sempre più spesso accade, è stato Facebook a far loro scoprire della dolce coincidenza: quando le prime hanno creato un gruppo per scambiarsi opinioni e consigli, di settimana in settimana si aggiungevano grazie al passaparola altre colleghe. E oltre ad essere felici di poter condividere le proprie esperienze, sono anche riuscite ad ottenere dai cuochi della mensa dell’ospedale dei menù più adatti ad una donna in gravidanza. L’unione fa la forza.

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO, FARAONI (TOSSICOLOGA): «MAMME SI POSSONO CURARE, MA MEGLIO EVITARE NUOVI FARMACI»

Dato l’evento eccezionale, l’ospedale ha organizzato una conferenza stampa, mostrando con orgoglio il baby boom dell’Arizona, interpretato come un segno di buon auspicio per l’intera struttura e finito immediatamente sulle pagine dei giornali di mezzo mondo. Le infermiere in dolce attesa hanno anche ricevuto dall’ospedale una tutina per i bebè con la scritta “relax, mia mamma è un’infermiera del Banner Hospital”.

Evidenti però le conseguenze che la maternità contemporanea di sedici infermiere può avere sul funzionamento del reparto, ma l’ospedale ha tranquillizzato i pazienti: sono già state predisposte le sostituzioni per le dodici settimane di maternity leave di cui ha diritto ogni infermiera. Nel frattempo, i pazienti sottoposti a cure potenzialmente pericolose per donne in gravidanza sono assistiti da personale non in dolce attesa.

LEGGI ANCHE: GREY’S ANATOMY ILLUDE I PAZIENTI? PARLA L’AUTORE DELLA RICERCA AMERICANA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Congresso FNOPO, Vicario: «Formazione pilastro per il futuro. Ampliare percorso di laurea in Ostetricia a 5 anni»
Si è conclusa la 35esima assise a Modena. Anelli e Scotti: «Bene lavoro comune su aggressione e sinergia con MMG»
FNOPO: «Sempre con le donne per garantire sicurezza anche in caso di scelte dolorose»
«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale». Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare […]
Milano, setticemia all’ottavo mese: si salvano mamma e figlia
Una mattina come tante altre Marica Fabbri, al settimo mese di gravidanza, si è svegliata con un forte dolore lombare e febbre molto alta. Il suo primo pensiero è stato la salute della bimba che portava in grembo e, per questo, si è precipitata in ospedale. La diagnosi è sepsi, o setticemia, una condizione scatenata da un’infezione che può dare […]
Gravidanza e allattamento, Faraoni (tossicologa): «Mamme si possono curare, ma meglio evitare nuovi farmaci»
«Un farmaco prescritto durante la gestazione potrebbe non essere adatto in allattamento. No ai pareri reperiti sui blog ed ai passaparola». I consigli dell’esperta
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...