Mondo 12 Febbraio 2019 13:02

Quando l’esame medico è… un’opera d’arte

Nelle sue immagini e nei suoi video Denis Ducreux, radiologo francese, ha evidenziato con sfere verdi la materia grigia del cervello e con linee rosse i percorsi della materia bianca. Più grandi sono le sfere, più ci sono connessioni tra loro e lungo il percorso della materia bianca, maggiore è la connessione neurale.

Denis Ducreux, radiologo francese, professore di neuroradiologia dell’Università di Paris-Sud e capo del dipartimento di neuroradiologia diagnostica dell’ospedale di Bicêtre in Francia, ha trasformato in opere d’arte i risultati di un esame medico. Lo specialista – che da 15 anni crea rendering artistici a partire da immagini di risonanza magnetica – utilizza dal 2017 un macchinario di ultima generazione di GE Healthcare per catturare le immagini grezze del cervello per poi rielaborarle usando un software di neuroimmagini sviluppato da lui stesso, che gli permette di tracciare le fibre dell’organo. L’apparecchiatura utilizzata gli permette di vedere i piccoli dettagli nel cervello, dettagli che hanno illuminato tutte le immagini impressionanti che ha creato.

Nelle sue immagini e nei suoi video ha evidenziato con sfere verdi la materia grigia del cervello e con linee rosse i percorsi della materia bianca. Più grandi sono le sfere, più ci sono connessioni tra loro e lungo il percorso della materia bianca, maggiore è la connessione neurale.

Nonostante queste immagini non vengano utilizzate per scopi diagnostici, lo studio in alta qualità del sistema limbico attraverso la risonanza magnetica è fondamentale per la ricerca e per capire come funziona l’elaborazione emotiva degli esseri umani. Si tratta della parte del cervello che supporta l’emozione, il comportamento, la motivazione, la memoria a lungo termine e l’olfatto. È il centro della vita emotiva degli esseri umani ed è fondamentale nella formazione dei ricordi. Il radiologo spiega che questo tipo di imaging potrebbe aiutare la comunità medica a comprendere disturbi complessi come le malattie mentali e la dipendenza. Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello fornendo un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente.

«Il sistema limbico si riferisce al tempio interiore dell’uomo, l’inconscio, dove si elaborano il comportamento, le emozioni, la memoria – spiega il medico -. Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello, il che fornisce un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente».

Articoli correlati
«Si prega di toccare»: così le opere d’arte sono “visibili” ai non vedenti
Da oltre 25 anni l’Associazione di volontariato Museum, attraverso i suoi progetti, rende “visibile” l’arte ai non vedenti. La presidente Poscolieri: «Questi incontri stimolano la socialità e liberano dalla solitudine. Tante le persone disabili che nell’arte hanno trovato una ragione di vita»
di Isabella Faggiano
Effetto Michelangelo: le opere d’arte e la realtà virtuale potenziano l’efficacia delle terapie di neuroriabilitazione
Le opere artistiche aiutano i pazienti con una lesione del sistema nervoso causata da un ictus ad eseguire esercizi di neuroriabilitazione in un ambiente virtuale. Lo studio della Fondazione Santa Lucia IRCCS in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e Unitelma Sapienza
La danza modifica la sostanza grigia. Il neurologo: «Aumenta la plasticità cerebrale e protegge dal decadimento cognitivo»
Per gli anziani benefici associati: Cappa (Sin): «Partecipare alle lezioni di ballo migliorerà la vita sociale, l’apprendimento di qualcosa di nuovo sarà un toccasana per la mente e l’esercizio fisico per il sistema cardiovascolare»
di Isabella Faggiano
Quali meccanismi ci fanno sentire responsabili delle nostre azioni? La risposta in uno studio italiano
Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca, in collaborazione con l’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, ha esplorato i meccanismi neuronali che consentono di sentirci responsabili delle nostre azioni. Lo studio è appena stato pubblicato su Science Advances
Milano, al Palazzo “Le Stelline” la mostra itinerante “PeopleInMind” promossa da Lundbeck
Si tratta di 27 opere per raccontare il disagio psichico attraverso mente, occhi e cuore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?