Mondo 12 Febbraio 2019

Quando l’esame medico è… un’opera d’arte

Nelle sue immagini e nei suoi video Denis Ducreux, radiologo francese, ha evidenziato con sfere verdi la materia grigia del cervello e con linee rosse i percorsi della materia bianca. Più grandi sono le sfere, più ci sono connessioni tra loro e lungo il percorso della materia bianca, maggiore è la connessione neurale.

Denis Ducreux, radiologo francese, professore di neuroradiologia dell’Università di Paris-Sud e capo del dipartimento di neuroradiologia diagnostica dell’ospedale di Bicêtre in Francia, ha trasformato in opere d’arte i risultati di un esame medico. Lo specialista – che da 15 anni crea rendering artistici a partire da immagini di risonanza magnetica – utilizza dal 2017 un macchinario di ultima generazione di GE Healthcare per catturare le immagini grezze del cervello per poi rielaborarle usando un software di neuroimmagini sviluppato da lui stesso, che gli permette di tracciare le fibre dell’organo. L’apparecchiatura utilizzata gli permette di vedere i piccoli dettagli nel cervello, dettagli che hanno illuminato tutte le immagini impressionanti che ha creato.

Nelle sue immagini e nei suoi video ha evidenziato con sfere verdi la materia grigia del cervello e con linee rosse i percorsi della materia bianca. Più grandi sono le sfere, più ci sono connessioni tra loro e lungo il percorso della materia bianca, maggiore è la connessione neurale.

Nonostante queste immagini non vengano utilizzate per scopi diagnostici, lo studio in alta qualità del sistema limbico attraverso la risonanza magnetica è fondamentale per la ricerca e per capire come funziona l’elaborazione emotiva degli esseri umani. Si tratta della parte del cervello che supporta l’emozione, il comportamento, la motivazione, la memoria a lungo termine e l’olfatto. È il centro della vita emotiva degli esseri umani ed è fondamentale nella formazione dei ricordi. Il radiologo spiega che questo tipo di imaging potrebbe aiutare la comunità medica a comprendere disturbi complessi come le malattie mentali e la dipendenza. Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello fornendo un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente.

«Il sistema limbico si riferisce al tempio interiore dell’uomo, l’inconscio, dove si elaborano il comportamento, le emozioni, la memoria – spiega il medico -. Con le immagini della risonanza magnetica è possibile tracciare le fibre del cervello, il che fornisce un’altra visione delle strutture cerebrali e delle sue funzioni. Per un medico queste immagini potrebbero essere potenzialmente utili per identificare quale parte del cervello è danneggiata o funziona normalmente».

Articoli correlati
Al Museo con SLA, anche adesso: tour virtuale di AISLA Firenze sulle tracce dei Medici
Il progetto è iniziato nel 2015 e prevede una visita ogni mese. L’arte ha una funzione terapeutica riconosciuta dalla medicina
Sclerosi multipla: da Sanremo la storia di Ivan, il ballerino che ha infiammato l’Ariston
Dopo una serie di partecipazioni a importanti trasmissioni, la coppia di ballo composta da Ivan Cottini e la sua partner porta in scena un messaggio di solidarietà e speranza
Arteterapia: ecco come trasformare la creatività individuale in uno strumento di crescita e cambiamento
L’arteterapeuta: «Non serve saper disegnare o utilizzare materiali artistici. L’arteterapia è adatta a tutti»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, scoperta la molecola che ‘ringiovanisce’ il cervello e blocca la malattia
Secondo gli scienziati della Fondazione EBRI 'Rita Levi-Montalcini' l'anticorpo A13 avrebbe la proprietà di favorire la nascita di nuovi neuroni contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia
Il 20 marzo si celebra la Giornata della Felicità. La neurologa Costanza Papagno (SIN): «Ecco cosa accade nel nostro cervello quando siamo felici»
Due i livelli di felicità: un primo collegato ad una propria realizzazione personale, di tipo cognitivo ed un altro che, invece, deriva da un piacere improvviso, momentaneo, fisico o psicologico, “edonico”. «In America, contro le forme di depressione farmaco resistenti si utilizza la Stimolazione Magnetica Transcranica ripetitiva – spiega la neurologa - Applicata sulle zone anteriori del lobo frontale di sinistra del cervello, quelle che si attivano quando siamo felici, migliora il tono dell’umore»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco