Mondo 30 novembre 2018

Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»

L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»

Immagine articolo

Il morbillo continua a far paura. Secondo un nuovo rapporto dell’OMS, nel 2017 sono stati 110mila i decessi causati dalla malattia. I casi sono aumentati in tutte le regioni del mondo e in molti Paesi sono presenti epidemie gravi e prolungate.

Dal rapporto emerge che dal 2000 sono state più di 21 milioni le vite salvate grazie alle vaccinazioni contro il morbillo. Ma a livello globale i casi di contagio riportati sono aumentati del 30% dal 2016 in poi. Lo scorso anno, sono stati i continenti americano ed europeo e la regione del Mediterraneo orientale ad assistere ad un aumento più grave di casi, mentre il Pacifico occidentale è l’unica regione in cui l’incidenza del morbillo è diminuita.

LEGGI ANCHE: MORBILLO, ARRIVA PIANO DEL MINISTERO. IL SOTTOSEGRETARIO BARTOLAZZI: «VACCINO OBBLIGATORIO PER ADULTI E OPERATORI SANITARI»

«La ricomparsa del morbillo è un problema serio, soprattutto per i Paesi che avevano raggiunto, o stavano per raggiungere, l’obiettivo della sua eliminazione» ha commentato Soumya Swaminathan dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. «Senza misure urgenti per aumentare le coperture vaccinali, rischiamo di perdere decenni di progressi nella protezione di bambini e comunità contro questa malattia devastante ma facilmente prevenibile».

«L’aumento dei casi di morbillo – aggiunge Seth Berkley, CEO di Vaccine Alliance – è estremamente preoccupante ma non sorprendente. La diffusione di falsità sul vaccino in Europa, un sistema sanitario al collasso in Venezuela e sacche di povertà e tassi di immunizzazione bassi in Africa sono elementi che, combinati, portano ad un ritorno del morbillo dopo anni di progressi nella lotta contro la malattia. Le strategie attuali devono cambiare: devono essere fatti maggiori sforzi per aumentare le coperture vaccinali e rafforzare i sistemi sanitari. Altrimenti continueremo a registrare un’epidemia dopo l’altra».

Per affrontare la situazione, le agenzie sanitarie chiedono investimenti importanti nei sistemi di immunizzazione ed il rafforzamento dei servizi vaccinali. Sforzi che devono essere volti soprattutto a raggiungere i più poveri, le comunità più emarginate e soprattutto chi è colpito da conflitti e sfollamenti. Infine, evidenziano la necessità di costruire nell’opinione pubblica un ampio supporto nei confronti dei vaccini, combattendo disinformazione e riluttanza.

LEGGI ANCHE: L’IDENTIKIT DEI NO VAX? GRIGNOLIO (SAPIENZA): «ISTRUITI E BENESTANTI. E IL MOVIMENTO È NATO BEN PRIMA DI INTERNET…»

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»
Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»
di Lucia Oggianu
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...