Mondo 30 novembre 2018

Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»

L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»

Immagine articolo

Il morbillo continua a far paura. Secondo un nuovo rapporto dell’OMS, nel 2017 sono stati 110mila i decessi causati dalla malattia. I casi sono aumentati in tutte le regioni del mondo e in molti Paesi sono presenti epidemie gravi e prolungate.

Dal rapporto emerge che dal 2000 sono state più di 21 milioni le vite salvate grazie alle vaccinazioni contro il morbillo. Ma a livello globale i casi di contagio riportati sono aumentati del 30% dal 2016 in poi. Lo scorso anno, sono stati i continenti americano ed europeo e la regione del Mediterraneo orientale ad assistere ad un aumento più grave di casi, mentre il Pacifico occidentale è l’unica regione in cui l’incidenza del morbillo è diminuita.

LEGGI ANCHE: MORBILLO, ARRIVA PIANO DEL MINISTERO. IL SOTTOSEGRETARIO BARTOLAZZI: «VACCINO OBBLIGATORIO PER ADULTI E OPERATORI SANITARI»

«La ricomparsa del morbillo è un problema serio, soprattutto per i Paesi che avevano raggiunto, o stavano per raggiungere, l’obiettivo della sua eliminazione» ha commentato Soumya Swaminathan dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. «Senza misure urgenti per aumentare le coperture vaccinali, rischiamo di perdere decenni di progressi nella protezione di bambini e comunità contro questa malattia devastante ma facilmente prevenibile».

«L’aumento dei casi di morbillo – aggiunge Seth Berkley, CEO di Vaccine Alliance – è estremamente preoccupante ma non sorprendente. La diffusione di falsità sul vaccino in Europa, un sistema sanitario al collasso in Venezuela e sacche di povertà e tassi di immunizzazione bassi in Africa sono elementi che, combinati, portano ad un ritorno del morbillo dopo anni di progressi nella lotta contro la malattia. Le strategie attuali devono cambiare: devono essere fatti maggiori sforzi per aumentare le coperture vaccinali e rafforzare i sistemi sanitari. Altrimenti continueremo a registrare un’epidemia dopo l’altra».

Per affrontare la situazione, le agenzie sanitarie chiedono investimenti importanti nei sistemi di immunizzazione ed il rafforzamento dei servizi vaccinali. Sforzi che devono essere volti soprattutto a raggiungere i più poveri, le comunità più emarginate e soprattutto chi è colpito da conflitti e sfollamenti. Infine, evidenziano la necessità di costruire nell’opinione pubblica un ampio supporto nei confronti dei vaccini, combattendo disinformazione e riluttanza.

LEGGI ANCHE: L’IDENTIKIT DEI NO VAX? GRIGNOLIO (SAPIENZA): «ISTRUITI E BENESTANTI. E IL MOVIMENTO È NATO BEN PRIMA DI INTERNET…»

Articoli correlati
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Vaccini, il commissario europeo Andriukaitis: «Inutile discutere su obbligatorietà o volontarietà, contano coperture»
«Il nostro dovere è liberarci dal morbillo entro il 2020. Che cosa stiamo facendo, tutti insieme, Parlamenti e governi di tutti gli Stati membri per raggiungere quell'obiettivo?» così il commissario europeo alla Salute in conferenza stampa a Bruxelles VEDI L'INTERVISTA DI SANITA' INFORMAZIONE
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...