Mondo 23 Dicembre 2014

La “Terrazza dell’Infanzia” regala un Natale di solidarietà ai bambini del Congo

Completata la realizzazione della scuola, ora si punta a costruire un dispensario. Intervista al dottor Emanuele Ausili

Immagine articolo

Una scuola sotto l’Albero per i bambini del villaggio di Kinta. Il dottor Emanuele Ausili,  presidente de “La Terrazza dell’Infanzia” e pediatra dell’ospedale “Gemelli” di Roma, è infatti riuscito a portare a termine il suo progetto: quello di costruire una scuola in uno dei villaggi della zona periferica di Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo.

Raggiunto questo obiettivo la Onlus, nata nel 2005, si è già prefissata un nuovo obiettivo: costruire un dispensario nell’ara di Kimbondo.

Dottor Ausili, è stata inaugurata la scuola nel villaggio di Kinta: grazie a sacrificio, impegno e abnegazione siete riusciti a realizzare il sogno di tanti bambini che vivono in quell’area.
L’abbiamo inaugurata poche settimane fa insieme a padre Hugo Rios, che ha avuto un ruolo fondamentale. La scuola è stata realizzata con il sostegno, davvero indispensabile, di Consulcesi Onlus che ha appoggiato il nostro progetto sin dalle prime fasi. La realizzazione ha richiesto circa 18 mesi: Kinta si trova lontano dal centro abitato, in una zona di difficile accesso per il trasporto dei materiali. I banchi e le sedie sono stati costruiti con il legname, che abbonda in quella zona. Abbiamo usato il più possibile risorse locali: Kinta fa parte dell’area di Kimbondo, sede dell’ospedale pediatrico ed orfanotrofio di Kinshasa. Molti degli ex bambini – ormai adulti – dell’orfanotrofio hanno lavorato con noi alla costruzione della scuola. La struttura raccoglierà circa cinquecento bambini, suddivisi in turni mattutini e pomeridiani.

Realizzata questa opera ne avete già messa in cantiere un’altra.
È un progetto ancora più ambizioso oltre che necessario perché la sanità, insieme all’istruzione, rappresenta una delle principali criticità di quell’area visto che si deve far fronte alle esigenze sanitarie dei circa diecimila abitanti della zona. Abbiamo già studiato un progetto per la costruzione di un dispensario, fissando in 24 mesi i tempi di realizzazione. Siamo pronti a partire anche se non abbiamo ancora a disposizione l’intero budget. E’ prevista la presenza di una sala parto, di un’area ricovero, di un’area pediatrica per i casi più gravi, e di una farmacia.

La “Terrazza dell’Infanzia” è da tempo in prima linea in Africa, contribuendo ad affrontare le continue emergenze, soprattutto sanitarie, che si registrano continuamente. In questo periodo l’attenzione è calamitata dall’Ebola: come la sta vivendo la popolazione e quali sono, a suo avviso, le azioni da mettere in campo?
Il virus Ebola prende il nome proprio dal villaggio situato in Congo dove vennero registrati i primi casi. Il ceppo attualmente diffuso in Liberia è diverso da quello che ha colpito la Repubblica Democratica, dove l’emergenza è meno grave e tenuta sotto controllo. Credo che aiutare le popolazioni africane e non abbandonarle a sé stesse sia doveroso da parte della comunità internazionale.

Articoli correlati
Roberto, il medico di Cosenza che salva gli eritrei dalle morti per insufficienza renale
In 15 anni di volontariato ha formato una equipe di medici ad Asmara con il sostegno di Consulcesi Onlus. Realizzata la prima dialisi ad Alta efficienza nella storia dell’Eritrea. Il dottor Pititto: “L’Africa mi ha dato più di quello che ci ho messo io”
Terremoto Albania, Sanità di Froniera e Consulcesi Onlus offrono visite mediche, tendopoli e sostegno psicologico
Attive l'unità mobile per prestare primo soccorso nelle zone più remote e una raccolta fondi per portare avanti i progetti di solidarietà rivolti alla popolazione albanese
Terremoto Albania, parte l’unità mobile di Sanità di Frontiera e Consulcesi Onlus
L’appello a medici volontari di Consulcesi Onlus: “Situazione critica, servono infermieri, medici di base e psicologi”
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola, è “emergenza di salute pubblica internazionale”: massima allerta a Fiumicino
«Ad oggi - si legge nel documento del ministero della Salute di cui è in possesso l'Adnkronos - vengono eseguiti controlli sanitari sugli operatori delle Organizzazioni governative e le Ong che rientrano dalla Repubblica democratica del Congo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 marzo, sono 622.450 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 28.794 i decessi e 135.779 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...