Mondo 23 Dicembre 2014

La “Terrazza dell’Infanzia” regala un Natale di solidarietà ai bambini del Congo

Completata la realizzazione della scuola, ora si punta a costruire un dispensario. Intervista al dottor Emanuele Ausili

Immagine articolo

Una scuola sotto l’Albero per i bambini del villaggio di Kinta. Il dottor Emanuele Ausili,  presidente de “La Terrazza dell’Infanzia” e pediatra dell’ospedale “Gemelli” di Roma, è infatti riuscito a portare a termine il suo progetto: quello di costruire una scuola in uno dei villaggi della zona periferica di Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo.

Raggiunto questo obiettivo la Onlus, nata nel 2005, si è già prefissata un nuovo obiettivo: costruire un dispensario nell’ara di Kimbondo.

Dottor Ausili, è stata inaugurata la scuola nel villaggio di Kinta: grazie a sacrificio, impegno e abnegazione siete riusciti a realizzare il sogno di tanti bambini che vivono in quell’area.
L’abbiamo inaugurata poche settimane fa insieme a padre Hugo Rios, che ha avuto un ruolo fondamentale. La scuola è stata realizzata con il sostegno, davvero indispensabile, di Consulcesi Onlus che ha appoggiato il nostro progetto sin dalle prime fasi. La realizzazione ha richiesto circa 18 mesi: Kinta si trova lontano dal centro abitato, in una zona di difficile accesso per il trasporto dei materiali. I banchi e le sedie sono stati costruiti con il legname, che abbonda in quella zona. Abbiamo usato il più possibile risorse locali: Kinta fa parte dell’area di Kimbondo, sede dell’ospedale pediatrico ed orfanotrofio di Kinshasa. Molti degli ex bambini – ormai adulti – dell’orfanotrofio hanno lavorato con noi alla costruzione della scuola. La struttura raccoglierà circa cinquecento bambini, suddivisi in turni mattutini e pomeridiani.

Realizzata questa opera ne avete già messa in cantiere un’altra.
È un progetto ancora più ambizioso oltre che necessario perché la sanità, insieme all’istruzione, rappresenta una delle principali criticità di quell’area visto che si deve far fronte alle esigenze sanitarie dei circa diecimila abitanti della zona. Abbiamo già studiato un progetto per la costruzione di un dispensario, fissando in 24 mesi i tempi di realizzazione. Siamo pronti a partire anche se non abbiamo ancora a disposizione l’intero budget. E’ prevista la presenza di una sala parto, di un’area ricovero, di un’area pediatrica per i casi più gravi, e di una farmacia.

La “Terrazza dell’Infanzia” è da tempo in prima linea in Africa, contribuendo ad affrontare le continue emergenze, soprattutto sanitarie, che si registrano continuamente. In questo periodo l’attenzione è calamitata dall’Ebola: come la sta vivendo la popolazione e quali sono, a suo avviso, le azioni da mettere in campo?
Il virus Ebola prende il nome proprio dal villaggio situato in Congo dove vennero registrati i primi casi. Il ceppo attualmente diffuso in Liberia è diverso da quello che ha colpito la Repubblica Democratica, dove l’emergenza è meno grave e tenuta sotto controllo. Credo che aiutare le popolazioni africane e non abbandonarle a sé stesse sia doveroso da parte della comunità internazionale.

Articoli correlati
Un defibrillatore salva la vita, cardiologi-musicisti sul palco per la prevenzione cardiaca
Al Teatro Ghione in scena la serata “Il cuore della musica”: obiettivo raccogliere fondi per l’acquisto di defibrillatori da destinare a strutture pubbliche e private per la lotta alla morte cardiaca improvvisa. Rebecchi (Tre cuori per la musica): «La morte cardiaca improvvisa rappresenta una problematica molto attuale quindi è nostro dovere sforzarci il più possibile per coprire il nostro territorio»
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus
«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione
Maratona di Roma: #salutextutti, al via la campagna social per correre a favore delle periferie
Consulcesi Onlus dà il via alla raccolta fondi per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione” che offre assistenza sanitaria nelle periferie più svantaggiate di Roma. Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che parteciperanno alla Stracittadina per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
“Emergenza Sorrisi” in Senegal, Zucchiatti (Sanità in-Formazione): «Aggiornamento professionale medico necessario per sviluppare soft skill»
L’Amministratore del provider che ha contribuito alla realizzazione del docu-film "Sulla strada giusta", diretto da Augusto Natale, spiega ai nostri microfoni le finalità del progetto formativo: «Per ogni corso concluso doneremo 3 euro per finanziare missioni umanitarie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...