Mondo 27 Gennaio 2021 16:00

Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute

È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web

Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute

La pandemia e le conseguenti restrizioni alla mobilità delle persone hanno dato un’ulteriore spinta all’uso di internet. Secondo l’Eurostat si è passati dal 67% di persone (tra 16 e 74 anni) che hanno usato internet almeno una volta negli ultimi tre mesi del 2010 al 78% del 2015, per arrivare all’87% dell’anno appena concluso.

Nel 2020 internet è stato utilizzato principalmente per inviare o ricevere e-mail (74%), per trovare informazioni su beni e servizi (69%), per la messaggistica istantanea (68%), per la ricerca di notizie online (65%) e per telefonate o videochiamate (60%). La maggioranza delle persone ha utilizzato internet anche per operazioni bancarie (57%), per ascoltare musica (56%), per entrare sui social network (56%) e per cercare informazioni relative all’argomento salute (55%).

L’uso di internet per restare connessi nonostante il distanziamento sociale

Sempre secondo l’Eurostat, negli ultimi 3 mesi precedenti all’indagine il 60% delle persone di età compresa tra 16 e 74 anni che vivono nei Paesi Ue ha effettuato telefonate o videochiamate su Internet. Tra tutte le attività che possono essere effettuate sul web, le telefonate o videochiamate hanno registrato il maggiore aumento rispetto al 2019 (52%) e dall’inizio della raccolta dei dati (17% nel 2008).

Tra gli Stati membri dell’Ue con dati disponibili, i Paesi in cui sono state effettuate più telefonate o videochiamate sono Cipro (85% della popolazione tra 16 e 74 anni) e Paesi Bassi (83%). Al contrario, le percentuali più basse si registrano in Repubblica Ceca e Slovenia (52%).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...