Mondo 7 Marzo 2019 09:00

Intelligenza emotiva vs bullismo, la ricetta danese: torta al cioccolato per stimolare empatia e problem solving

Venerandi (Nlp Coach): «In Danimarca, in 10 anni, gli atti di bullismo sono passati dal 25 al 7%. In Italia ne è vittima il 59% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni»

di Isabella Faggiano

Più felici, tranquilli, empatici, educati e con un miglior rendimento scolastico. È così che Jessica Joelle Alexander descrive gli adolescenti che vivono in Danimarca nel suo bestseller internazionale “Il nuovo metodo danese per educare i bambini alla felicità a scuola e in famiglia”. E che questo metodo sia efficace lo dimostrano i fatti: «In 10 anni, le vittime di bullismo sono passate dal 25 al 7%», ha raccontato, ai microfoni di Sanità Informazione, Giorgia Venerandi, Neuro-linguistic programming (Nlp) Coach, avvocato e consigliere dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping. In Italia, secondo le più recenti stime, il 59% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni è vittima di atti di bullismo.

LEGGI ANCHE: BULLISMO E CYBERBULLISMO, LO SPORT È UNA CURA. GIOVANNI MALAGO’ (CONI): «CAMPIONI ITALIANI SIANO ESEMPIO PER I NOSTRI GIOVANI»

Ma cosa fanno i danesi di diverso da noi? «Dedicano un’ora alla settimana all’insegnamento dell’empatia ed all’allenamento dell’intelligenza emotiva», ha spiegato Venerandi. La parola empatia deriva dal greco “empatéia” e significa letteralmente “sentire dentro”. «E proprio come accadeva nella tragedia greca, durante la quale c’era una totale immedesimazione del telespettatore – ha sottolineato il Nlp Coach – i giovani danesi vengono indirizzati alla condivisione emotiva. Sistemati in circolo, prima di mettere in comune le proprie emozioni, cominciano con il dividersi una fetta di torta al cioccolato». E la scelta del gusto non è casuale: «Il cioccolato – ha spiegato Venerandi – è un precursore della serotonina, ormone del benessere. In un contesto di massima serenità, ogni adolescente è così invogliato a raccontare i propri problemi ai compagni presenti. E mentre l’uno apre il proprio cuore, gli altri imparano ad ascoltare e ad escogitare soluzioni. Ognuno, infatti, dopo aver sentito il racconto, sarà chiamato ad esercitarsi nel problem solving: tutti dovranno cercare e proporre una soluzione alla problematica descritta dal proprio compagno».

Gli studenti impareranno a farsi carico delle proprie responsabilità, ma capiranno anche che sbagliare è lecito e che con la condivisione i problemi possono essere risolti con maggiore facilità. «Attraverso il metodo danese – ha aggiunto il consigliere dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping – trasmettiamo anche il messaggio che sbagliare si può. Viviamo nell’era della performance: gli adolescenti crescono nella convinzione che commettere un errore significhi deludere i propri genitori o gli insegnanti. E quindi, se sbagliano si sentono in colpa. E quando il senso di colpa è troppo difficile da gestire, genera ansia. E così, per evitare di affrontare la situazione, si chiudono dentro ad uno schermo – di tablet, pc o smartphone – che li sgancia sempre di più dalle emozioni, separandoli dall’altro essere umano». Atteggiamenti molto pericolosi per il benessere e lo sviluppo psico-emotivo individuale: «Sono in aumento i casi di Hikikimori (giovani che vivono in disparte), Nomofobia (paura di rimanere sconnessi), Groomig (adescamento di minori in rete), disturbi che si nutrono del cyberspazio, una rete – ha detto Venerandi – priva di protezione. Terreno fertile per il cyberbullismo, una forma moderna del bullismo, in cui il bullo può adescare le sue vittime sempre, 24 ore su 24. E tutto questo va pian piano ad erodere l’intelligenza emotiva dei nostri giovani con le conseguenze che purtroppo – ha concluso Venerandi – non tutti oggi possiamo osservare con i nostri occhi».

LEGGI ANCHE: HIKIKOMORI, LA STORIA DI FRED: «IL MIO RITIRO SOCIALE È COMINCIATO A 12 ANNI.  QUANDO MI SENTIVO MORTO, L’ISOLAMENTO MI FACEVA RINASCERE»

Articoli correlati
In Italia il 12% obeso e il 20-25% in sovrappeso. Allarme alcol tra i giovani
Numeri in aumento e serie conseguenze per il fegato. Preoccupano in Italia obesità infantile e alcolismo tra anziani. Il fenomeno del "binge drinking" tra i giovanissimi determina un effetto tossico sul fegato, col rischio di coma etilico
World Hearing Day 2022. L’allarme dell’OMS: nel 2050 udito a rischio per oltre 1 miliardo di giovani
Al via l’Hear-a-thon, una maratona di due giorni in diretta online con la partecipazione di oltre 100 Paesi. L’OMS per l’occasione lancerà il “Global standard or safe listening entertainment venues and events”, le linee guida internazionali per la protezione dell’udito
Proroga termine per assunzione a tempo determinato dei medici specialisti, Anaao giovani: «La proposta fa ben sperare»
Il sindacato accoglie con favore l’emendamento al Decreto legge sullo Stato di emergenza che proroga a fine 2024 la scadenza inizialmente prevista per il 31 dicembre prossimo
Giovani e dipendenze da farmaci, fenomenologia di un “amore tossico”
Nava (FeDerSerD): «Colmare un disagio con le benzodiazepine è come gettare benzina sul fuoco, alto rischio di condotte violente e antisociali»
Morti improvvise tra i giovanissimi: perché accadono? Parola all’esperto
Luigi Mauri, direttore della Cardiologia pediatrica dell’Ospedale Niguarda di Milano «Sono morti elettriche, causate da aritmie maligne o miocarditi, ma nessuna correlazione con i vaccini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...