Mondo 7 Marzo 2019 09:00

Intelligenza emotiva vs bullismo, la ricetta danese: torta al cioccolato per stimolare empatia e problem solving

Venerandi (Nlp Coach): «In Danimarca, in 10 anni, gli atti di bullismo sono passati dal 25 al 7%. In Italia ne è vittima il 59% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni»

di Isabella Faggiano

Più felici, tranquilli, empatici, educati e con un miglior rendimento scolastico. È così che Jessica Joelle Alexander descrive gli adolescenti che vivono in Danimarca nel suo bestseller internazionale “Il nuovo metodo danese per educare i bambini alla felicità a scuola e in famiglia”. E che questo metodo sia efficace lo dimostrano i fatti: «In 10 anni, le vittime di bullismo sono passate dal 25 al 7%», ha raccontato, ai microfoni di Sanità Informazione, Giorgia Venerandi, Neuro-linguistic programming (Nlp) Coach, avvocato e consigliere dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping. In Italia, secondo le più recenti stime, il 59% dei ragazzi tra gli 11 e i 17 anni è vittima di atti di bullismo.

LEGGI ANCHE: BULLISMO E CYBERBULLISMO, LO SPORT È UNA CURA. GIOVANNI MALAGO’ (CONI): «CAMPIONI ITALIANI SIANO ESEMPIO PER I NOSTRI GIOVANI»

Ma cosa fanno i danesi di diverso da noi? «Dedicano un’ora alla settimana all’insegnamento dell’empatia ed all’allenamento dell’intelligenza emotiva», ha spiegato Venerandi. La parola empatia deriva dal greco “empatéia” e significa letteralmente “sentire dentro”. «E proprio come accadeva nella tragedia greca, durante la quale c’era una totale immedesimazione del telespettatore – ha sottolineato il Nlp Coach – i giovani danesi vengono indirizzati alla condivisione emotiva. Sistemati in circolo, prima di mettere in comune le proprie emozioni, cominciano con il dividersi una fetta di torta al cioccolato». E la scelta del gusto non è casuale: «Il cioccolato – ha spiegato Venerandi – è un precursore della serotonina, ormone del benessere. In un contesto di massima serenità, ogni adolescente è così invogliato a raccontare i propri problemi ai compagni presenti. E mentre l’uno apre il proprio cuore, gli altri imparano ad ascoltare e ad escogitare soluzioni. Ognuno, infatti, dopo aver sentito il racconto, sarà chiamato ad esercitarsi nel problem solving: tutti dovranno cercare e proporre una soluzione alla problematica descritta dal proprio compagno».

Gli studenti impareranno a farsi carico delle proprie responsabilità, ma capiranno anche che sbagliare è lecito e che con la condivisione i problemi possono essere risolti con maggiore facilità. «Attraverso il metodo danese – ha aggiunto il consigliere dell’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping – trasmettiamo anche il messaggio che sbagliare si può. Viviamo nell’era della performance: gli adolescenti crescono nella convinzione che commettere un errore significhi deludere i propri genitori o gli insegnanti. E quindi, se sbagliano si sentono in colpa. E quando il senso di colpa è troppo difficile da gestire, genera ansia. E così, per evitare di affrontare la situazione, si chiudono dentro ad uno schermo – di tablet, pc o smartphone – che li sgancia sempre di più dalle emozioni, separandoli dall’altro essere umano». Atteggiamenti molto pericolosi per il benessere e lo sviluppo psico-emotivo individuale: «Sono in aumento i casi di Hikikimori (giovani che vivono in disparte), Nomofobia (paura di rimanere sconnessi), Groomig (adescamento di minori in rete), disturbi che si nutrono del cyberspazio, una rete – ha detto Venerandi – priva di protezione. Terreno fertile per il cyberbullismo, una forma moderna del bullismo, in cui il bullo può adescare le sue vittime sempre, 24 ore su 24. E tutto questo va pian piano ad erodere l’intelligenza emotiva dei nostri giovani con le conseguenze che purtroppo – ha concluso Venerandi – non tutti oggi possiamo osservare con i nostri occhi».

LEGGI ANCHE: HIKIKOMORI, LA STORIA DI FRED: «IL MIO RITIRO SOCIALE È COMINCIATO A 12 ANNI.  QUANDO MI SENTIVO MORTO, L’ISOLAMENTO MI FACEVA RINASCERE»

Articoli correlati
Giovani violenti, Lavenia (psicoterapeuta): «Non sono “cattivi ragazzi”, ma adolescenti depressi»
Prima un sedicenne malmenato da un gruppo di coetanei per un complimento inopportuno su Facebook, poi una dodicenne disabile accerchiata e picchiata. Sono solo due degli ultimi episodi di violenza di una lunga e interminabile serie. Il presidente di Di.Te: «Dopo un anno di pandemia la salute mentale degli adolescenti è allo stremo»
di Isabella Faggiano
La Danimarca sospende un lotto di vaccini AstraZeneca per trombosi sospette. In Italia lo stop a un altro
La Danimarca ha sospeso un lotto di vaccini AstraZeneca per reazioni avverse come trombosi. Il lotto non è arrivato in Italia. Nel nostro Paese tuttavia, Aifa ha disposto la sospensione per un altro lotto con reazioni sospette, le analisi sono in corso
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
Se un loop temporale intrappola gli adolescenti
Pontillo (psicoterapeuta): «I giovani che decidono di togliersi la vita lo fanno consapevolmente: vedono nel suicidio l’unica via d’uscita. Tagli e bruciature sono gli atti di autolesionismo più utilizzati. Chi tenta il suicidio lo fa pianificando una defenestrazione o imbottendosi di farmaci»
di Isabella Faggiano
Adolescenza in tempo di pandemia
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco