Giovani 8 Febbraio 2019 10:51

Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»

Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»

di Isabella Faggiano
Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»

È malvagio. Quando uno piange, egli ride”. Sono trascorsi 133 anni da quando Edmondo de Amicis usò questa frase nel suo libro Cuore per descrivere Franti, un bullo. E, dopo oltre un secolo, molti giovani continuano ad assumere quegli stessi atteggiamenti gradassi e spavaldi nei confronti dei loro coetanei più vulnerabili. Con un’unica differenza: al bullismo si è affiancato il cyberbullismo e, attraverso la rete, il bullo può raggiungere la sua vittima sempre, anche di notte, fin dentro la sua stanza.

«Il suicidio, spesso per bullismo o cyberbullismo, è la seconda causa di morte tra i giovani in Italia, dopo gli incidenti stradali». Luca Massaccesi, segretario generale dell’Osservatorio nazionale Bullismo e Doping, parla ai microfoni di Sanità Informazione, in occasione della Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo. Secondo i più recenti dati, diffusi dallo stesso Osservatorio, un adolescente su due subisce molestie di vario genere e il 20% è vittima, tutti i mesi, di veri e propri atti di bullismo. Più in generale, il 70% vive nel terrore di finire nelle grinfie di un bullo, l’11% di chi ha subito violenze di questo tipo ha tentato il suicidio, il 77% è in preda alla depressione ed il 30% pratica autolesionismo. Dati allarmanti di un fenomeno dilagante che hanno spinto l’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping ad ideare “Ethical Scuola”, «un progetto di prevenzione del disagio giovanile – ha aggiunto Massaccesi – con l’ausilio prezioso e fondamentale dei campioni dello sport».

LEGGI ANCHE: BULLISMO, 1220 OSPITI NEL 2018 ALLA CASA PEDIATRICA SACCO. IL DIRETTORE LUCA BERNARDO: «DISAGIO GIOVANILE PIAGA SOCIALE, SERVONO RISPOSTE DINAMICHE E CERTE»

Tra gli atleti coinvolti spicca il nome di Raffaella Masciadri, cestista italiana, presidente della Commissione nazionale degli Atleti del Coni: «Il ruolo dello sport – ha detto la campionessa – è molto importante perché gli sportivi possono essere un buon esempio, uno stimolo positivo per aiutare soprattutto le vittime». Per Giovanni Malagò, presidente del Coni, «la partita si gioca tutta sulla prevenzione. E gli sportivi sono un ottimo esempio da imitare. I nostri campioni – ha aggiunto – potrebbero aiutare i giovani a ragionare prima di cascare in questi errori che oggi, soprattutto nell’era del digitale, sono dietro l’angolo».

Lo sport è uno stimolo a spegnere il computer e silenziare lo smartphone, invoglia ad uscire fuori di casa e ad incontrare i propri coetanei. Ma non è tutto: permette anche di mantenere la forma fisica. «Il 77% delle vittime di atti di bullismo è obeso o in sovrappeso – ha detto Luca Massaccesi. Mentre prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web, seduti nella propria stanza. L’obesità giovanile è uno dei principali mali del nostro secolo e lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva».

LEGGI ANCHE: CYBERBULLISMO, ALBANO (GARANTE INFANZIA): «E’ LA NUOVA FORMA DI VIOLENZA: BISOGNA INSEGNARE AI RAGAZZI A ‘LITIGARE BENE’»

Rinunciare alla sedentarietà non fa bene solo al corpo ma anche alla mente, parola di Raffaella Masciadri: «Lo sport – ha raccontato la cestista italiana – mi ha aiutata ad essere più estroversa, ad aprirmi con gli altri e ad avere una maggiore sicurezza in me stessa. Ed è proprio questa sicurezza che i ragazzi di oggi dovrebbero acquisire più di ogni altra cosa, perché trascorrendo troppo tempo nella realtà virtuale non sanno più distinguere i valori fondamentali da quelli superficiali. E lo sport – ha concluso l’atleta – aiuta, senza alcun dubbio, anche formare la personalità di un individuo».

Articoli correlati
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
Crioconservazione del tessuto adiposo, una svolta per gli sportivi?
Intervista al dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna: «Metodologia dal grande potenziale»
Doping: più educazione agli atleti e formazione per i medici, l’appello di AME
Al via il corso Consulcesi Club su sostanze illegali nello sport amatoriale
La psicologa Galli: «Dopo 2 anni di restrizioni, lo sport ritorni a essere una priorità»
La psicologa clinica Galli invita a ripartire con lo sport o a cominciarne uno nuovo
di Redazione
In Italia è padel mania: campi aumentati del 155% in un anno
Oltre un milione e mezzo di italiani si sono appassionati a questo sport. Mancini (FIT): «Piace a molti per la sua semplicità: è più facile del tennis perché la racchetta è molto più vicina alla mano e i campi sono più piccoli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...