Giovani 8 Febbraio 2019

Bullismo e cyberbullismo, lo sport è una cura. Giovanni Malagò (Coni): «Campioni italiani siano esempio per i nostri giovani»

Il 77% delle vittime, è obeso o in sovrappeso. Massaccesi (Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping): «Prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web. Lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

È malvagio. Quando uno piange, egli ride”. Sono trascorsi 133 anni da quando Edmondo de Amicis usò questa frase nel suo libro Cuore per descrivere Franti, un bullo. E, dopo oltre un secolo, molti giovani continuano ad assumere quegli stessi atteggiamenti gradassi e spavaldi nei confronti dei loro coetanei più vulnerabili. Con un’unica differenza: al bullismo si è affiancato il cyberbullismo e, attraverso la rete, il bullo può raggiungere la sua vittima sempre, anche di notte, fin dentro la sua stanza.

«Il suicidio, spesso per bullismo o cyberbullismo, è la seconda causa di morte tra i giovani in Italia, dopo gli incidenti stradali». Luca Massaccesi, segretario generale dell’Osservatorio nazionale Bullismo e Doping, parla ai microfoni di Sanità Informazione, in occasione della Giornata Nazionale contro il Bullismo e il Cyberbullismo. Secondo i più recenti dati, diffusi dallo stesso Osservatorio, un adolescente su due subisce molestie di vario genere e il 20% è vittima, tutti i mesi, di veri e propri atti di bullismo. Più in generale, il 70% vive nel terrore di finire nelle grinfie di un bullo, l’11% di chi ha subito violenze di questo tipo ha tentato il suicidio, il 77% è in preda alla depressione ed il 30% pratica autolesionismo. Dati allarmanti di un fenomeno dilagante che hanno spinto l’Osservatorio Nazionale Bullismo e Doping ad ideare “Ethical Scuola”, «un progetto di prevenzione del disagio giovanile – ha aggiunto Massaccesi – con l’ausilio prezioso e fondamentale dei campioni dello sport».

LEGGI ANCHE: BULLISMO, 1220 OSPITI NEL 2018 ALLA CASA PEDIATRICA SACCO. IL DIRETTORE LUCA BERNARDO: «DISAGIO GIOVANILE PIAGA SOCIALE, SERVONO RISPOSTE DINAMICHE E CERTE»

Tra gli atleti coinvolti spicca il nome di Raffaella Masciadri, cestista italiana, presidente della Commissione nazionale degli Atleti del Coni: «Il ruolo dello sport – ha detto la campionessa – è molto importante perché gli sportivi possono essere un buon esempio, uno stimolo positivo per aiutare soprattutto le vittime». Per Giovanni Malagò, presidente del Coni, «la partita si gioca tutta sulla prevenzione. E gli sportivi sono un ottimo esempio da imitare. I nostri campioni – ha aggiunto – potrebbero aiutare i giovani a ragionare prima di cascare in questi errori che oggi, soprattutto nell’era del digitale, sono dietro l’angolo».

Lo sport è uno stimolo a spegnere il computer e silenziare lo smartphone, invoglia ad uscire fuori di casa e ad incontrare i propri coetanei. Ma non è tutto: permette anche di mantenere la forma fisica. «Il 77% delle vittime di atti di bullismo è obeso o in sovrappeso – ha detto Luca Massaccesi. Mentre prima si giocava nel cortile di casa, oggi si gioca nel cortile del web, seduti nella propria stanza. L’obesità giovanile è uno dei principali mali del nostro secolo e lo sport è uno strumento fondamentale per spingere i ragazzi ad avere una vita attiva».

LEGGI ANCHE: CYBERBULLISMO, ALBANO (GARANTE INFANZIA): «E’ LA NUOVA FORMA DI VIOLENZA: BISOGNA INSEGNARE AI RAGAZZI A ‘LITIGARE BENE’»

Rinunciare alla sedentarietà non fa bene solo al corpo ma anche alla mente, parola di Raffaella Masciadri: «Lo sport – ha raccontato la cestista italiana – mi ha aiutata ad essere più estroversa, ad aprirmi con gli altri e ad avere una maggiore sicurezza in me stessa. Ed è proprio questa sicurezza che i ragazzi di oggi dovrebbero acquisire più di ogni altra cosa, perché trascorrendo troppo tempo nella realtà virtuale non sanno più distinguere i valori fondamentali da quelli superficiali. E lo sport – ha concluso l’atleta – aiuta, senza alcun dubbio, anche formare la personalità di un individuo».

Articoli correlati
Infortuni estivi, è il tuffo l’attività sportiva più pericolosa. Come comportarsi al mare e in montagna
Claudio Seddio, medico radiologo, ortopedico e medico dello sport, elenca i traumi tipici degli sport estivi, tra rimedi e precauzioni: «Questi incidenti possono capitare a chiunque. Tra i bambini è l’insolazione quello più diffuso»
di Isabella Faggiano
Covid-19, dalla Federazione Pugilistica ecco i BoxeVoucher per gli infermieri
La FPI offre agli infermieri iscritti all’Albo Fnopi ed ai loro figli 1.000 BoxeVoucher per 3 mesi di allenamento gratuito. È il nostro modo – dichiara il presidente FPI, Vittorio Lai – di rivolgere un energico e affettuoso ‘grazie’ a tutti gli infermieri che non hanno mai smesso di abbassare la guardia»
Fase 2 e palestre: come e quando torneremo ad allenarci?
In attesa che il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, definisca le linee guida per la riapertura in sicurezza delle palestre, a Sanità Informazione il parere tecnico di Marco Neri, vice presidente della Federazione Italiana Fitness (FIF) e quello scientifico di Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG)
di Isabella Faggiano
#IoMiAllenoACasa, virale la campagna che promuove lo sport in quarantena. Il karateka Maniscalco: «Bastano 15-20 minuti per tenersi in forma»
L’iniziativa, promossa da quattro deputati del Movimento Cinque Stelle, è stata rilanciata sui social da diversi campioni come il judoka Fabio Basile e la karateka Viviana Bottaro. Il deputato M5S Felice Mariani: «Mi sto battendo in Parlamento per quella che secondo me manca in Italia, che è la cultura dello sport». Secondo l’OMS l’inattività fisica causa ogni anno un milione di decessi
Coronavirus, come fare attività fisica a casa? Risponde il direttore del Centro di Medicina Sportiva dell’Università di Pavia
Il professor Giuseppe D’Antona: «Mille kilocalorie la settimana per migliorare il sistema immunitario. Bene tutorial ed esercizi di Yoga e Tai chi, ma attenzione se si hanno sintomi di infezione virale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...