Salute 18 Gennaio 2019 17:15

Bullismo, 1220 ospiti nel 2018 alla Casa Pediatrica Sacco. Il direttore Luca Bernardo: «Disagio giovanile piaga sociale, servono risposte dinamiche e certe»

L’istituto è un polo di eccellenza voluto da Regione Lombardia. Il professor Bernardo: Formiamo anche il personale Ata perché spesso quelli che una volta venivano chiamati ‘bidelli’ sono le persone più a contatto con i giovani». Nella struttura anche stanze per chi ha malattie infettive e quelle monitorate con telecamere per gli adolescenti hanno tentato il suicidio

di Federica Bosco

Nel 2019 la battaglia contro il bullismo ed il cyberbullismo ha acquisito una dimensione internazionale. Dopo aver dato vita ad un osservatorio mondiale lo scorso mese di novembre, infatti il Vaticano, in collaborazione con fondazione Scholas e Fondazione Carolina Picchio (prima vittima acclarata del cyberbullismo in Italia), ha creato un comitato scientifico con medici e psicologi per dettare le linee guida nella lotta al bullismo e al cyberbullismo. Tra i protagonisti il professor Luca Bernardo che dirige da alcuni anni Casa Pediatrica, polo di eccellenza contro il disagio giovanile voluto da Regione Lombardia presso l’Istituto ospedaliero Fatebenefratelli Sacco: «La sanità pubblica – sostiene Bernando – deve dare risposte sempre più dinamiche e certe su un tema che è una vera e propria piaga sociale e Casa Pediatrica risponde appieno a questa esigenza con personale qualificato che mette a disposizione competenza, professionalità e attenzione per il paziente».

Un ambiente colorato, arricchito da dipinti e quadri donati da artisti milanesi, accoglie i giovani ospiti che solo nel 2018 sono stati oltre 1220: «Abbiamo stanze dedicate al ricovero di bambini che hanno animali domestici, ma nel rispetto di chi è allergico abbiamo sezioni separate. Allo stesso modo abbiamo un’area protetta per chi ha malattie infettive e due stanze monitorate con telecamere per gli adolescenti che hanno tentato il suicidio».

LEGGI ANCHE: BULLISMO, CON “I RESPECT” A MILANO SI INSEGNA L’AUTOSTIMA E L’AUTODIFESA, GABRIELLE FELLUS: «COSI’ LE VITTIME ELABORANO L’AGGRESSIONE E TORNANO A VIVERE»

È l’unica pediatria in Italia dunque ad avere un ambiente idoneo ad accogliere bambini e ragazzi con gravi disagi psicologici. «C’è un percorso scientifico, medico, psicologico – continua Bernardo – abbiamo costruito una rete intorno a quel protocollo siglato ad ottobre 2017 denominato Conacy che è il centro nazionale, attualmente unico, di riferimento per l’aiuto, il supporto, la prevenzione e la formazione di personale in grado di vincere la battaglia del bullismo e del cyberbullismo. L’obiettivo è far comprendere che è sbagliato essere vittima, ma non solo: lavoriamo sui bulli affinché possano diventare leader positivi sotto la bandiera della scienza e della medicina».  A Casa Pediatrica è affidata anche la formazione del personale medico e degli operatori che seguono il percorso di riabilitazione di vittime e bulli: «Formazione e prevenzione – conclude il professore – non possono essere che lo stesso percorso di un’unica strada in grado di avvicinare i ragazzi e di seguirli in gruppi, di formare insegnanti e personale Ata che ha un ruolo importante nella partita contro il bullismo. Infatti, quelli che un tempo noi chiamavamo i bidelli, spesso sono coloro che restano vicino ai ragazzi durante la ricreazione, quando, dimostra la casistica, accadono più di frequente episodi di bullismo e cyberbullismo e dunque necessariamente debbono essere formati e preparati a gestire l’emergenza».

LEGGI ANCHE: CYBERBULLISMO, ALBANO (GARANTE INFANZIA): «E’ LA NUOVA FORMA DELLA VIOLENZA: BISOGNA INSEGNARE AI RAGAZZI A ‘LITIGARE BENE’»

Articoli correlati
Denti storti e bullismo: c’è una relazione?
L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»
Bullismo, «Sono stato depresso ed ho pensato di farla finita». La storia a lieto fine di Raffaele Capperi
Raffaele è vittima di bullismo da sempre, perché è fin dalla nascita che convive con la sindrome di Treacher Collins, una patologia rara che provoca malformazioni al viso e problemi all’udito. Il racconto della sua vita nel libro “Brutto e cattivo. La storia del ragazzo che ha visto la vera faccia del mondo”
«Vogliamo ritornare a vivere». Storie di ragazzi e di long Covid
Stanchezza, dolori, depressione, difficoltà a camminare, perdita di gusto e olfatto: sono alcuni dei sintomi più comuni del long Covid, raccontati da giovani dai 13 anni in su
di Federica Bosco
Università di Milano e Ospedale Sacco al lavoro per addestrare i cani anti-Covid
Il progetto permetterà di formare segugi in grado di riconoscere in grandi ambienti persone affette da Covid
di Federica Bosco
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola