Salute 15 Gennaio 2019

Bullismo, con “I respect” a Milano si insegna l’autostima e l’autodifesa. Gabrielle Fellus: «Così le vittime elaborano l’aggressione e tornano a vivere»

L’ideatrice è da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana. Il progetto è realizzato per casa pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale

di Federica Bosco

“I respect” è il nome di un progetto per insegnare il rispetto alle vittime di atti di bullismo e di violenze, ma anche a professori e maestri, al personale medico e paramedico spesso aggrediti nell’esercizio della professione. «Alla violenza occorre rispondere con fermezza, determinazione, ma non con altra violenza», spiega Gabrielle Fellus, ideatrice della prima palestra di autodifesa e autostima al mondo e da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana.

LEGGI ANCHE: ALLARME CYBERBULLISMO E DIPENDENZA WEB: IL 58% DEGLI ADOLESCENTI NON DIFENDE LE VITTIME

«Insegnando il rispetto si trasforma un bullo in eroe buono», sottolinea con un sorriso.  Il progetto, coordinato in ambito scientifico dalla casa pediatrica dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale, rappresenta anche il punto di riferimento per il Miur nella prevenzione e nella lotta contro il bullismo ed il cyberbullismo. «Quando la mente subisce delle aggressioni, il corpo si blocca – sottolinea Fellus – Con gli esercizi inseriti nel programma di autodifesa e autostima, la vittima rielabora l’aggressione e ritorna a vivere». Il percorso della durata di 8/10 lezioni, mira dapprima a far emergere il problema, segue la lettura e poi la rielaborazione con un allenamento fisico. Si tratta di una trasformazione tra mente e corpo, unica e calibrata sul singolo individuo con un approccio psicofisico. Si comincia con l’analisi dell’aggressione per poi proseguire con l’analisi dei sentimenti che animano la vittima, dalla rabbia alla paura che vengono sprigionati, ma tutto resta qui ovattato. «Fondamentale è la formazione – rileva Gabrielle Fellus – occorre studiare e preparare gli istruttori affinché non passi il messaggio che in palestra si danno pugni e calci. Al contrario, si insegna il rispetto degli spazi e delle persone».

 

Articoli correlati
Rischio paralisi “da quarantena” in autunno? Dall’OMCeO forte “stimolo” a Regione e Comune di Milano
L’Ordine richiede una celere esecuzione dei tamponi e una vasta campagna di vaccinazione antinfuenzale
“Il rumore del silenzio”, un libro per dar voce ai milanesi protagonisti dell’emergenza
Il presidente di Milano Cities Changing Diabetes che ha ideato il progetto: «30% dei malati di diabete vittime del coronavirus. Al via lo studio per capire come funzionano i servizi nell’era Covid»
di Federica Bosco
A Milano nasce l’Adriano Community Center, la RSA del futuro per una sanità attiva post-Covid
Regalia (Proges): «Modello di sinergia tra pubblico e privato con al centro sicurezza dei protocolli, trasparenza e nuove tecnologie, in attesa di una normativa che declini in maniera diversa la sanità territoriale»
di Federica Bosco
Viaggio alla scoperta dell’hotel Michelangelo di Milano: quarantena a quattro stelle per guarire dal Covid
Comune, ATS, Prefettura e Cooperativa Proges le anime di un percorso ad ostacoli per un centinaio di pazienti, guariti ma ancora positivi, verso il doppio tampone negativo. Regalia (Proges): «Teniamo le chiavi delle camere, restrizione necessaria per tutela di ospiti e operatori»
di Federica Bosco
Bernardo (Fatebenefratelli Sacco Milano): «Il nostro reparto Covid 19 help modello per la sanità del futuro»
La Sanità Lombarda dall’inizio di marzo è  stata duramente ed improvvisamente messa alla prova dalla pandemia da SARS COV2. Gli ospedali pubblici sono stati letteralmente messi in ginocchio dal grande afflusso di pazienti e dalla relativa assenza di un sufficiente numero di posti letto. Dopo una lunga riflessione e pianificazione attenta ho deciso di convertire […]
di Luca Bernardo, Fatebenefratelli Sacco Milano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...