Salute 15 Gennaio 2019 17:00

Bullismo, con “I respect” a Milano si insegna l’autostima e l’autodifesa. Gabrielle Fellus: «Così le vittime elaborano l’aggressione e tornano a vivere»

L’ideatrice è da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana. Il progetto è realizzato per casa pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale

di Federica Bosco

“I respect” è il nome di un progetto per insegnare il rispetto alle vittime di atti di bullismo e di violenze, ma anche a professori e maestri, al personale medico e paramedico spesso aggrediti nell’esercizio della professione. «Alla violenza occorre rispondere con fermezza, determinazione, ma non con altra violenza», spiega Gabrielle Fellus, ideatrice della prima palestra di autodifesa e autostima al mondo e da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana.

LEGGI ANCHE: ALLARME CYBERBULLISMO E DIPENDENZA WEB: IL 58% DEGLI ADOLESCENTI NON DIFENDE LE VITTIME

«Insegnando il rispetto si trasforma un bullo in eroe buono», sottolinea con un sorriso.  Il progetto, coordinato in ambito scientifico dalla casa pediatrica dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale, rappresenta anche il punto di riferimento per il Miur nella prevenzione e nella lotta contro il bullismo ed il cyberbullismo. «Quando la mente subisce delle aggressioni, il corpo si blocca – sottolinea Fellus – Con gli esercizi inseriti nel programma di autodifesa e autostima, la vittima rielabora l’aggressione e ritorna a vivere». Il percorso della durata di 8/10 lezioni, mira dapprima a far emergere il problema, segue la lettura e poi la rielaborazione con un allenamento fisico. Si tratta di una trasformazione tra mente e corpo, unica e calibrata sul singolo individuo con un approccio psicofisico. Si comincia con l’analisi dell’aggressione per poi proseguire con l’analisi dei sentimenti che animano la vittima, dalla rabbia alla paura che vengono sprigionati, ma tutto resta qui ovattato. «Fondamentale è la formazione – rileva Gabrielle Fellus – occorre studiare e preparare gli istruttori affinché non passi il messaggio che in palestra si danno pugni e calci. Al contrario, si insegna il rispetto degli spazi e delle persone».

 

Articoli correlati
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia
L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»
di Federica Bosco
Dal 7 all’11 giugno a Milano il Convegno europeo ISPCAN
Oltre 70 Paesi e 400 contributi con l’obiettivo di promuovere un network internazionale capace di potenziare le strategie di contrasto al maltrattamento e alla violenza su bambine, bambini e adolescenti
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Primi due treni Covid free sulla tratta Milano-Roma: come funziona il servizio di FS e CRI?
Partito lo scorso 16 aprile il treno Covid free ha già conquistato i viaggiatori. Liebschner (CRI): «Così si viaggia in sicurezza e si monitora la salute della popolazione»
di Federica Bosco
Giornata della salute della donna, a Milano c’è un ospedale tutto al femminile
L'ospedale Macedonio Melloni è dedicato alla salute della donna. Realizzato sul modello di Boston, offre percorsi di cura dall’adolescenza alla senescenza. Marisa Errico (direttore medico): «La donna viene presa in carico da un’equipe che la seguirà in un percorso di cura a 360 gradi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco