Mondo 20 Maggio 2020

In Russia oltre 10mila contagi al giorno. Il consulente italiano di Mosca e San Pietroburgo): «Pochi controlli e ospedali non adeguati»

Per l’ex direttore sanitario milanese Giuseppe Imbalzano ora sono necessari chiusura totale, separazione delle persone infette dai familiari e uso obbligatorio di mascherine e occhiali

di Federica Bosco
Immagine articolo

Oltre 10 mila casi al giorno. Per la Russia è record negativo di infetti. Una situazione  che la colloca in vetta alla classifica dei Paesi più colpiti dal Covid-19, seconda solo agli Stati Uniti. Una curva dei contagi in ascesa che per Giuseppe Imbalzano, ex direttore sanitario e consulente del governo di Putin per l’emergenza Covid, trova spiegazioni nella scarsa organizzazione e nelle troppe strutture non adeguate a gestire uno tsunami sanitario di questa portata.

LEGGI ANCHE: DALL’INTERVISTA A SANITÀ INFORMAZIONE A MOSCA, L’EX DIRETTORE SANITARIO DELL’ATS DI BERGAMO E’ ORA CONSULENTE ALLA CORTE DI PUTIN

Dottore, come mai in Russia i contagi sono cresciuti in maniera esponenziale?

«Innanzitutto è mancato il controllo sui percorsi che i contagi hanno fatto, ovvero non sono state fatte le verifiche sui contatti, e d’altra parte gli ospedali non hanno condizioni di sicurezza e di garanzia, non si è avviata una ristrutturazione adeguata per i bisogni dei cittadini. La zona europea è quella che ha avuto maggiori problemi, ma non sono mancati casi nelle regioni più periferiche, nonostante fossero meno esposte a problemi di densità di popolazione e di aggregazione. Ad esempio, al confine con la Cina si è sviluppato un focolaio che ha portato il virus di nuovo nel Paese asiatico».

Lei quali consigli ha dato, che sono rimasti inascoltati dalle istituzioni?

«Il problema del domicilio innanzitutto, perché è necessario dividere le famiglie in cui sono presenti casi di Covid e tenere distinto chi è malato da chi no, in modo da gestire la situazione. In caso contrario il numero dei contagi tende a salire come di fatto è accaduto in Russia, fino ad arrivare a 10 mila casi al giorno, una cifra che non è più gestibile».

A questo punto cosa bisogna fare?

«Il rimedio da adottare sarebbe la chiusura totale: si dovrebbero eliminare le frequentazioni tra contagiati e non, gli ospedali dovrebbero diventare unicamente Covid, mentre le persone sintomatiche dovrebbero essere allontanate dal domicilio e controllate. Dal punto di vista individuale la mascherina non dovrebbe mai mancare, tutti dovrebbero averla perché insieme agli occhiali riduce il contagio del 99%».

A livello di cure che scelte sono state fatte in Russia?

«Pochi tamponi, test sierologici solo a Mosca, e utilizzo di antivirali. Il vero problema è il costo dei farmaci che in alcuni casi è molto elevato e dunque pone un freno all’utilizzo. C’è però da dire che a fronte di molti contagi, la mortalità in Russia è modesta e questo è un dato incoraggiante».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
OMCeO Milano, un libro per raccontarne storia e prospettive. Rossi: «Serve un piano pandemico»
Il presidente dell'Ordine dei Medici: «13% di medici milanesi colpiti da Covid, troppi. Impariamo dagli errori del passato. Non si risparmia sulla sanità»
di Federica Bosco
Magi (OMCeO Roma): «Prima che sia emergenza vera le Regioni si dotino dei Dpi per tutelare medici e pazienti»
«In questo modo eviteremo anche la chiusura degli ambulatori ospedalieri e territoriali e la conseguente sospensione delle cure a milioni di cronici - dichiara il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi - è necessario monitorare la situazione per far lavorare in sicurezza i nostri colleghi e tutelare i pazienti»
Coronavirus, decine di migliaia di studi pubblicati: «Così sono infruibili»
Una squadra di ricerca applica algoritmi di machine learning a oltre 30mila pubblicazioni. La scoperta? «Studi genetici, biomolecolari e test di laboratorio sono sottorappresentati»
di Tommaso Caldarelli
Scotti (OdM Napoli): «Ragazzi, rispettate le regole. Sui vaccini anti-influenza troppi ritardi, bisogna ridurli»
Il presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli chiede aiuto ai ragazzi: «Se rispetteremo le regole potrebbe essere la migliore stagione influenzale da tempo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...