Mondo 27 Aprile 2020 11:30

Emanuele, medico in Belgio, il Paese più colpito dal Coronavirus: «Prima sottovalutato, poi affrontato con tamponi e antivirali»

Tra i Paesi dell’Unione europea il Belgio ha il tasso di letalità più alto per Covid, pari al 14,6%, contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia

di Federica Bosco

Emanuele è uno dei tanti medici italiani all’estero che vive la battaglia contro il Coronavirus in prima linea.  Medico nucleare, da 6 anni in Belgio oggi impegnato al pronto soccorso in un ospedale a cinquanta chilometri da Bruxelles, nel Paese che ha fatto registrare il più alto tasso di letalità per Covid in Europa, pari al 14,6% contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia. Dati che hanno alimentato polemiche nei confronti del governo guidato da Sophie Wilmes, e posto alcuni interrogativi sulle cure adottate.

«Si è verificato questo perché all’inizio non si sono prese le dovute precauzioni – ci spiega raggiunto via Skype mentre fa ritorno a casa dopo uno dei tanti interminabili turni -. La ministra della Salute pensava fosse una piccola febbre virale, quindi non c’erano precauzioni come è accaduto, d’altra parte, anche in altri Paesi d’Europa dove si è partiti in ritardo. Però adesso le precauzioni sono state prese, anche abbastanza stringenti. Ora ci si può spostare nei parchi o andare a fare footing o in bici, però tenendo le distanze, solo le persone della stessa famiglia possono restare insieme, ma sono vietati gli assembramenti di persone e tanti portano la mascherina, soprattutto nei supermercati».

LEGGI ANCHE: A LONDRA I NUMERI DEL COVID-19 NON SPAVENTANO. UN CARDIOLOGO ITALIANO RACCONTA COME VIENE GESTITA LA PANDEMIA

Al ritardo iniziale il Belgio ha risposto con tamponi e test a tappeto, triage prima di entrare in ospedale, percorsi separati e cure a base di antivirali. Un cocktail di medicinali che sembra dare buoni risultati tanto da ipotizzare una ripresa delle attività e della scuola il prossimo 4 maggio.

«Abbiamo iniziato la cura dei malati con antivirali, ma il peggio sembra essere passato. Il picco è stato lo scorso 12 aprile, quindi adesso siamo in fase calante».

La parola d’ordine è ripresa. Il Belgio cerca di accelerare i tempi per evitare un lockdown totale come accaduto in Italia, che per Emanuele ha generato una situazione ancora più difficile: «Secondo me le restrizioni sono state troppo rigorose, si poteva agire diversamente, anche perché adesso ci sono problemi economici e di altra natura, come depressioni e malattie mentali».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 giugno: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM