Mondo 27 Aprile 2020 11:30

Emanuele, medico in Belgio, il Paese più colpito dal Coronavirus: «Prima sottovalutato, poi affrontato con tamponi e antivirali»

Tra i Paesi dell’Unione europea il Belgio ha il tasso di letalità più alto per Covid, pari al 14,6%, contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia

di Federica Bosco

Emanuele è uno dei tanti medici italiani all’estero che vive la battaglia contro il Coronavirus in prima linea.  Medico nucleare, da 6 anni in Belgio oggi impegnato al pronto soccorso in un ospedale a cinquanta chilometri da Bruxelles, nel Paese che ha fatto registrare il più alto tasso di letalità per Covid in Europa, pari al 14,6% contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia. Dati che hanno alimentato polemiche nei confronti del governo guidato da Sophie Wilmes, e posto alcuni interrogativi sulle cure adottate.

«Si è verificato questo perché all’inizio non si sono prese le dovute precauzioni – ci spiega raggiunto via Skype mentre fa ritorno a casa dopo uno dei tanti interminabili turni -. La ministra della Salute pensava fosse una piccola febbre virale, quindi non c’erano precauzioni come è accaduto, d’altra parte, anche in altri Paesi d’Europa dove si è partiti in ritardo. Però adesso le precauzioni sono state prese, anche abbastanza stringenti. Ora ci si può spostare nei parchi o andare a fare footing o in bici, però tenendo le distanze, solo le persone della stessa famiglia possono restare insieme, ma sono vietati gli assembramenti di persone e tanti portano la mascherina, soprattutto nei supermercati».

LEGGI ANCHE: A LONDRA I NUMERI DEL COVID-19 NON SPAVENTANO. UN CARDIOLOGO ITALIANO RACCONTA COME VIENE GESTITA LA PANDEMIA

Al ritardo iniziale il Belgio ha risposto con tamponi e test a tappeto, triage prima di entrare in ospedale, percorsi separati e cure a base di antivirali. Un cocktail di medicinali che sembra dare buoni risultati tanto da ipotizzare una ripresa delle attività e della scuola il prossimo 4 maggio.

«Abbiamo iniziato la cura dei malati con antivirali, ma il peggio sembra essere passato. Il picco è stato lo scorso 12 aprile, quindi adesso siamo in fase calante».

La parola d’ordine è ripresa. Il Belgio cerca di accelerare i tempi per evitare un lockdown totale come accaduto in Italia, che per Emanuele ha generato una situazione ancora più difficile: «Secondo me le restrizioni sono state troppo rigorose, si poteva agire diversamente, anche perché adesso ci sono problemi economici e di altra natura, come depressioni e malattie mentali».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...