Mondo 27 Aprile 2020 11:30

Emanuele, medico in Belgio, il Paese più colpito dal Coronavirus: «Prima sottovalutato, poi affrontato con tamponi e antivirali»

Tra i Paesi dell’Unione europea il Belgio ha il tasso di letalità più alto per Covid, pari al 14,6%, contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia

di Federica Bosco

Emanuele è uno dei tanti medici italiani all’estero che vive la battaglia contro il Coronavirus in prima linea.  Medico nucleare, da 6 anni in Belgio oggi impegnato al pronto soccorso in un ospedale a cinquanta chilometri da Bruxelles, nel Paese che ha fatto registrare il più alto tasso di letalità per Covid in Europa, pari al 14,6% contro il 13,2% dell’Italia, il 13,5% del Regno Unito e il 12,6% della Francia. Dati che hanno alimentato polemiche nei confronti del governo guidato da Sophie Wilmes, e posto alcuni interrogativi sulle cure adottate.

«Si è verificato questo perché all’inizio non si sono prese le dovute precauzioni – ci spiega raggiunto via Skype mentre fa ritorno a casa dopo uno dei tanti interminabili turni -. La ministra della Salute pensava fosse una piccola febbre virale, quindi non c’erano precauzioni come è accaduto, d’altra parte, anche in altri Paesi d’Europa dove si è partiti in ritardo. Però adesso le precauzioni sono state prese, anche abbastanza stringenti. Ora ci si può spostare nei parchi o andare a fare footing o in bici, però tenendo le distanze, solo le persone della stessa famiglia possono restare insieme, ma sono vietati gli assembramenti di persone e tanti portano la mascherina, soprattutto nei supermercati».

LEGGI ANCHE: A LONDRA I NUMERI DEL COVID-19 NON SPAVENTANO. UN CARDIOLOGO ITALIANO RACCONTA COME VIENE GESTITA LA PANDEMIA

Al ritardo iniziale il Belgio ha risposto con tamponi e test a tappeto, triage prima di entrare in ospedale, percorsi separati e cure a base di antivirali. Un cocktail di medicinali che sembra dare buoni risultati tanto da ipotizzare una ripresa delle attività e della scuola il prossimo 4 maggio.

«Abbiamo iniziato la cura dei malati con antivirali, ma il peggio sembra essere passato. Il picco è stato lo scorso 12 aprile, quindi adesso siamo in fase calante».

La parola d’ordine è ripresa. Il Belgio cerca di accelerare i tempi per evitare un lockdown totale come accaduto in Italia, che per Emanuele ha generato una situazione ancora più difficile: «Secondo me le restrizioni sono state troppo rigorose, si poteva agire diversamente, anche perché adesso ci sono problemi economici e di altra natura, come depressioni e malattie mentali».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (28 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...