Mondo 10 Marzo 2020 12:30

Coronavirus, Silvestri (Emory University): «Ecco come gli USA si preparano all’epidemia»

Il professore di Patologia, tra gli animatori del Patto trasversale per la Scienza, racconta come gli Stati Uniti stanno vivendo l’epidemia: «Formazione del personale e sanificazione tra le misure messe in campo». Poi sottolinea: «La tendenza degli americani ad essere più “regolari”, insieme al più alto livello di risorse disponibili, può aiutarci a gestire meglio l’emergenza»

Coronavirus, Silvestri (Emory University): «Ecco come gli USA si preparano all’epidemia»

Formazione, disinfezione ambientale, scorte di materiale protettivo, isolamento, gestione dei pazienti. Sono queste le cinque direttrici su cui stanno lavorando gli Stati Uniti per fronteggiare l’emergenza Covid-19. A raccontarlo a Sanità Informazione è Guido Silvestri, professore  e capo dipartimento di Patologia alla Emory University di Atlanta e tra gli animatori del Patto trasversale per la Scienza insieme a Roberto Burioni e Pier Luigi Lopalco.

Da Atlanta preferisce non commentare le ultime misure del governo italiano («ho fiducia che siano quelle giuste e che siano basate sul parere degli esperti. Conto soprattutto sul fatto che gli italiani le rispettino senza eccezioni») né intende replicare alle ultime affermazioni del presidente americano Donald Trump che ha contestato i dati sulla mortalità da coronavirus dati dall’OMS. «Di quello che pensa il presidente Trump mi interessa poco», taglia corto Silvestri.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ECCO COME GLI ALTRI PAESI IN EUROPA E NEL MONDO SI STANNO PREPARANDO AD AFFRONTARE L’EMERGENZA

Anche il paese a stelle e strisce però si trova di fronte ad una epidemia in rapida crescita: ad oggi conta già oltre 500 casi e diversi sono gli Stati federali che hanno deciso di proclamare l’emergenza, ultimo in ordine di tempo quello di New York. «Stiamo puntando molto sulla preparazione a livello di strutture sanitarie – sottolinea il professore -. Per preparazione si intende training di tutto il personale, da medici, infermieri e tecnici di laboratorio fino a cuochi, autisti e portantini; isolamento di casi sospetti e confermati per evitare contagi intra-ospedalieri; mantenere scorte di materiale protettivo (mascherine, guanti, grembiuli etc) e disinfettanti; sapere come gestire i pazienti (dove metterli, quali strumenti usare, come pulirli, etc); costante opera di disinfezione ambientale (superfici, pavimenti, letti etc)».

Silvestri tiene quasi quotidianamente un bollettino sulla sua seguitissima pagina Facebook, in cui con tono sobrio ed equilibrato cerca di fare il punto della situazione e illustra spesso la situazione americana. Sempre sul proprio social ha smentito la notizia circolata nei giorni scorsi che il test per verificare la positività negli USA costi 3mila dollari: «Una bufala colossale, almeno da noi».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CUPPONE (DIRETTORE SANITARIO SAN DONATO): «IL PICCO NON È ANCORA ARRIVATO, MA TANTI STANNO GUARENDO»

«Al momento c’è molta calma – spiega Silvestri -. Credo anche che l’americano medio, in generale, sia meno “furbo” dell’italiano medio, e lo vediamo da piccoli comportamenti quotidiani come il rispettare le file, fermarsi allo “stop”, arrivare puntuali ad un appuntamento… chissà che questa mancanza di furbizia adesso non diventi una benedizione. Inoltre a livello “macroscopico” gli americani tendono a prepararsi e ad organizzarsi meglio degli italiani, che sono invece bravissimi nelle emergenze e nell’improvvisazione. È possibile che in questa situazione la tendenza degli americani ad essere più “regolari”, insieme al più alto livello di risorse disponibili, possa aiutarci a gestire meglio l’epidemia. Staremo a vedere nei prossimi giorni».

Se la speranza a medio-lungo termine è rappresentata dal vaccino («ma ci vorrà almeno un anno prima che sia pronto e testato»), nel breve periodo si guarda ad alcuni farmaci: «La scienza è già al lavoro in modo molto aggressivo – sottolinea il professore -. Si stanno sviluppando nuovi farmaci antivirali, come il Remdesivir, e farmaci che bloccano il recettore cellulare utilizzato da questo coronavirus. Poi ci sono anche farmaci che limitano la grave sindrome infiammatoria che colpisce le vie aeree, la cosiddetta “tempesta delle citochine”». Silvestri ha voluto poi rivolgere «un enorme grazie» a tutti gli operatori sanitari in prima linea: «Sono momenti duri, durissimi, ma sono convinto che ce la faremo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
Covid-19 e infodemia, il vademecum per districarsi in un oceano di informazioni
Che differenza c’è tra studio osservazionale e studio clinico controllato e randomizzato? Qual è il più affidabile? Di cosa si occupano, esattamente, virologi, infettivologi e immunologi? Giovanni De Gaetano, Presidente dell'IRCCS Istituto Mediterraneo Neuromed ci aiuta a capirne un po’ di più
di Peter D'Angelo
Covid-19, scoperta in Sudafrica variante del virus ancora più contagiosa
Una nuova mutazione del coronavirus è stata individuata nel Regno Unito proveniente dal Sudafrica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 gennaio, sono 95.077.677 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.031.599 i decessi. Ad oggi, oltre 39,47 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...