Mondo 5 Febbraio 2020

Coronavirus, OMS: «Servono 675 milioni di dollari per rispondere all’emergenza»

Il direttore generale: «La mia preoccupazione principale è che in alcuni Paesi sono assenti le strutture che consentono di individuare le persone che hanno contratto l’infezione. È quindi necessario un supporto urgente ai sistemi sanitari più deboli»

Immagine articolo

Un piano di intervento globale e 675 milioni di dollari nei prossimi tre mesi per impedire un’ulteriore diffusione dell’epidemia di coronavirus e proteggere quegli Stati che hanno sistemi sanitari più deboli. È questo l’appello lanciato oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità.

«La mia preoccupazione principale – ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus – è che in alcuni Paesi sono assenti le strutture che consentono di individuare le persone che hanno contratto l’infezione. È quindi necessario un supporto urgente ai sistemi sanitari più deboli in modo che possano rintracciare, diagnosticare e trattare eventuali casi di coronavirus. Solo così eviteremo ulteriori trasmissioni del virus da persona a persona e proteggeremo la salute degli operatori sanitari».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SILERI: «ITALIANI RIMPATRIATI PROVATI E STANCHI, MA MENO PREOCCUPATI DI CHI CORRE A COMPRARE LE MASCHERINE»

Oltre a ridurre la diffusione del virus e ad identificare i casi di contagio il prima possibile, l’obiettivo è minimizzare l’impatto economico e sociale dell’epidemia, rispondere ad incognite cruciali e migliorare l’informazione e la comunicazione del rischio. Il piano prevede la nascita di un coordinamento internazionale e di un supporto operativo, il miglioramento della capacità di preparazione ed intervento degli Stati e l’accelerazione della ricerca.

«L’efficacia della risposta all’epidemia – ha detto Mike Ryan, direttore del programma di emergenze sanitarie dell’OMS – dipende dalle misure preventive messe in campo prima dell’arrivo dell’emergenza. Ecco perché dobbiamo agire prima che il coronavirus si presenti alle porte dei Paesi più vulnerabili».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Coronavirus, Lorefice: «Non abbassiamo la guardia. Ora tutti capiscono importanza risorse a SSN»
Sarà la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice la relatrice del Dl 25 marzo con le restrizioni e i divieti anti Covid-19: «Sarà cornice normativa per i dpcm e le ordinanze già emanati ed il riferimento da cui le autorità competenti potranno di volta in volta adottare norme specifiche». Poi sottolinea: «SSn deve ripartire dalla valorizzazione del personale medico e sanitario»
«Noi da “sempre” siamo a casa»: pensieri, consigli e suggerimenti dei malati di SLA per resistere all’isolamento
La rivista “Scriveresistere”, la prima al mondo scritta da persone con la SLA grazie ad un programma software in grado di trasformare i movimenti oculari in parole, dedica il terzo numero alla battaglia contro il Covid-19
di Isabella Faggiano
Coronavirus, Rostan (Iv): «Urge Big Data sanitario e screening di massa»
«Sono troppe le differenze tra le regioni relative al numero dei test effettuati. Se vogliamo avere un quadro realistico della diffusione nel nostro Paese dobbiamo uniformare il più possibile le procedure» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Coronavirus, Regimenti (Lega): «Depenalizzare responsabilità professionale dei medici»
«Serve una norma che permetta ai medici, una volta conclusa questa drammatica emergenza, di evitare di ritrovarsi oggetto di cause di risarcimento per presunti episodi di malasanità legati all'epidemia di Covid-19» sottolinea l'eurodeputata della Lega
Coronavirus e passeggiate per i bambini, il chiarimento del Viminale e i pareri dei pediatri
Siani (Commissione Affari Sociali): «A rischio i benefici del distanziamento sociale, speriamo nel buon senso dei genitori». Giuliano (SIMPE): «Pericolosissimo abbassare la guardia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...