Mondo assicurativo 1 agosto 2016

La polizza di responsabilità del libero professionista si estende automaticamente alla conduzione dello studio?

Sono un odontoiatra con un mio studio professionale in provincia di Benevento. Ho stipulato da molti anni una polizza di responsabilità professionale con una importante compagnia italiana. In tutti questi anni, nonostante non abbia mai denunciato alcun sinistro, la polizza mi è stata modificata almeno tre volte con un premio di assicurazione sempre più elevato. […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra con un mio studio professionale in provincia di Benevento. Ho stipulato da molti anni una polizza di responsabilità professionale con una importante compagnia italiana. In tutti questi anni, nonostante non abbia mai denunciato alcun sinistro, la polizza mi è stata modificata almeno tre volte con un premio di assicurazione sempre più elevato. A fronte di questa mia costante disponibilità, la prima situazione di necessità ha mostrato tutta la debolezza della polizza e la scarsa affidabilità del mio assicuratore. Si è verificata una perdita d’acqua da uno degli impianti sanitari dello studio; questa perdita ha provocato danni abbastanza importanti all’appartamento sottostante. La mia compagnia di assicurazione ha risposto alla mia denuncia informandomi che «la polizza non prevede questa tipologia di danni, in quanto questi esulano dalla responsabilità professionale» e che quindi non assumeva la gestione del sinistro. Io sono rimasto veramente sorpreso per la risposta della compagnia. Pensavo di essere assicurato in maniera completa per la mia attività professionale ed in verità ancora lo ritengo. Chiedo dunque la sua opinione: il fatto accaduto rientra o meno nella mia attività, e quindi nella responsabilità professionale?

Una risposta specifica sul caso dipende dalla verifica della sua polizza di assicurazione. In via generale posso precisare che di norma la polizza di responsabilità professionale si limita a garantire gli effetti dannosi della personale negligenza, imperizia o imprudenza del professionista assicurato. Quindi tutto il resto dovrebbe esulare dalla copertura; In particolare l’area di rischio che riguarda la “conduzione dello studio”. Condivido la sua opinione circa la scarsa attenzione che il suo assicuratore ha riservato alla sua polizza ed alla analisi del suo profilo di rischio. Nel suo caso ben altre e più importanti possono essere le lacune della sua polizza. Per esempio quelle riguardanti i danni provocati dai suoi collaboratori di studio e quelli da questi subiti durante l’attività lavorativa. Debbo anche precisare che, mentre la gran parte delle compagnie esclude nelle polizze tutti i rischi non direttamente professionali, vi sono invece compagnie di assicurazione che autonomamente prevedono per i liberi professionisti l’estensione ai rischi della conduzione del loro studio professionale. Suggerisco quindi a Lei di revisionare al più presto la sua polizza adeguandola alle sue effettive esigenze ed ai suoi colleghi di utilizzare un consulente professionale che, tramite una intervista mirata sul profilo della attività del medico, sia capace di individuare l’effettiva specifica necessità di copertura assicurativa.

Articoli correlati
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...