Meteo 7 Febbraio 2019

Vicenza, ritorna la “giornata di raccolta del farmaco” in circa 50 farmacie

Sabato 9 febbraio ritorna l’appuntamento con la Giornata di Raccolta del Farmaco, giunta ormai alla XIX edizione. La manifestazione, che ha carattere nazionale, viene promossa a livello provinciale da Federfarma Vicenza e ad oggi sono circa 50 le farmacie vicentine che hanno già annunciato la propria adesione. Secondo una formula ormai collaudata, i clienti potranno […]

Sabato 9 febbraio ritorna l’appuntamento con la Giornata di Raccolta del Farmaco, giunta ormai alla XIX edizione. La manifestazione, che ha carattere nazionale, viene promossa a livello provinciale da Federfarma Vicenza e ad oggi sono circa 50 le farmacie vicentine che hanno già annunciato la propria adesione.
Secondo una formula ormai collaudata, i clienti potranno scegliere di acquistare un farmaco da banco e consegnarlo ai volontari presenti in farmacia. E per garantire la massima efficacia e trasparenza dell’iniziativa, ogni farmacia aderente renderà noto l’ente o l’associazione al quale andranno le donazioni dei propri clienti. Non solo, ma la scelta di quali farmaci donare sarà fatta all’interno di un elenco di prodotti ritenuti necessari, stipulato direttamente dal soggetto beneficiario della donazione.

«La Giornata di Raccolta del Farmaco – commenta il dottor Alberto Fontanesi, presidente di Federfarma Vicenza – è un’iniziativa di particolare rilievo, sia perché viene organizzata da quasi vent’anni, sia per l’impatto sociale positivo che riesce a generare. Credo però che l’aspetto più importante sia la trasparenza garantita ai cittadini, che quando donano un farmaco possono sapere esattamente a chi andrà e hanno la certezza che il loro dono sia realmente utile. Voglio sottolineare inoltre che, nell’ambito dell’accordo con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus che organizza l’evento, le prime a contribuire concretamente all’iniziativa con una donazione sono proprio le farmacie aderenti».

Lo scorso anno, in tutta Italia, all’iniziativa avevano aderito oltre 4 mila farmacie, consentendo di raccogliere oltre 376 mila farmaci per un valore di 2,6 milioni di euro, distribuiti a più di 1.700 enti caritatevoli, mentre nel Vicentino furono raccolti 3.690 farmaci per un valore di oltre 25 mila euro.

Articoli correlati
Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più
È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell'Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...