Meteo 26 Marzo 2019

Estetica oncologica, al Policlinico San Matteo di Pavia l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri”

Giovedì 28 marzo 2019 alle ore 11.00, presso l’atrio d’ingresso del Day Hospital del Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia ci sarà l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri. L’estetica oncologica come strumento di supporto psicosociale per pazienti e genitori”. L’evento nasce nell’ambito del Programma Internazionale per l’Oncologia […]

Giovedì 28 marzo 2019 alle ore 11.00, presso l’atrio d’ingresso del Day Hospital del Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia ci sarà l’evento “Aver cura di sé per aver cura degli altri. L’estetica oncologica come strumento di supporto psicosociale per pazienti e genitori”. L’evento nasce nell’ambito del Programma Internazionale per l’Oncologia Pediatrica di Soleterre Onlus in Italia. Madrina dell’iniziativa sarà NATASHA STEFANENKO. .

Marzo è il mese della qualità della vita dei pazienti che lottano contro il cancro. Non riguarda solo la cura medica in senso stretto, ma tutto quello che può aiutare ogni uomo e donna in terapia oncologica a mantenere, per quanto possibile, il proprio stile e qualità di vita a livello personale, familiare e sociale.

Si basa su questo il progetto “QUALITY OF LIFE” di cui APEO (l’Associazione Professionale di Estetica Oncologica, nata nel 2013) è promotore, con cui SOLETERRE ha avviato una collaborazione all’inizio del mese di marzo aderendo al progetto.

Il 28 marzo interverranno: Carlo Nicora (Direzione Generale Policlinico San Matteo); Valentina Valfrè (Responsabile Area Programmi di Fondazione Soleterre); Carolina Ambra Redaelli (Presidente APEO); Gabriele Brunelli (Direttore Artistico de La Truccheria MAKE UP FOR EVER Italia); Marco Zecca (Primario Oncoematologia Pediatrica Policlinico San Matteo). Madrina dell’evento è Natasha Stefanenko (Testimonial di Soleterre).

Solterre Onlus intende assicurare la presenza di una professionista di estetica oncologica con certificazione APEO in reparto per dieci appuntamenti distribuiti nel corso dell’anno, al duplice scopo di offrire trattamenti di bellezza e benessere alle mamme presenti in reparto, offrendo loro momenti di svago e condivisione, e di informare sulle pratiche da seguire ed evitare nell’igiene quotidiana dei propri figli.

A ciò va aggiunto l’impatto che l’intervento di estetica “pura” può avere nel migliorare la qualità della vita delle mamme dei pazienti, che formano una vera e propria comunità all’interno del reparto, dati i lunghi tempi di ospedalizzazione. Verrà installata all’interno dell’atrio una struttura polifunzionale che permetta di creare uno spazio protetto per i trattamenti bellezza e benessere.

“Nello sviluppo del bambino e dell’adolescente le esperienze istintuali e corporee sono fondamentali dal punto di vista dell’elaborazione immaginativa. Specie durante la malattia, – sottolinea Damiano Rizzi, Presidente di Fondazione Soleterre e Psicologo clinico – risulta essenziale l’acquisizione e il sicuro mantenimento di uno stadio di continuità della propria immagine corporea. Come possiamo facilmente intuire, questa è minata dalle pratiche invasive delle terapie. Crediamo che le pratiche di estetica oncologica possano alimentare, dal punto di vista esterno e interno all’individuo, un processo di cura e mantenimento di elementi costitutivi l’identità personale”.

“Per sconfiggere il cancro è necessario partire dalle piccole cose di tutti i giorni, quelle che, a volte, diamo per scontate, soprattutto noi donne: ritagliarsi dei momenti che ci aiutino a combattere lo stress, ma anche a rafforzare la nostra autostima – commenta Valentina Valfrè, Responsabile Area Programmi di Fondazione Soleterre –  È quello che ci succede quando andiamo dall’estetista: alla fine della seduta ci sentiamo più belle, e ci sembra che la vita sia più “leggera”. Per un’adolescente, così come per la mamma che dedica tutta la sua giornata ad assistere la figlia o il figlio malato, l’estetica oncologica diventa uno strumento fondamentale per ritrovare la propria femminilità e la voglia di stare in mezzo agli altri, affrontando la malattia con positività, anche in un reparto ospedaliero”.

Articoli correlati
“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»
La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»
Tumori, Aiom: nel 2019 duemila casi in meno. Aumenta sopravvivenza: a 5 anni 63% donne e 54% uomini
Le cinque diagnosi più frequenti sono quelle della mammella (53.500 casi nel 2019), colon-retto (49mila), polmone (42.500), prostata (37mila) e vescica (29.700). I dati sono contenuti nel volume 'I numeri del cancro in Italia 2019'. L'incidenza più alta si registra in Friuli Venezia Giulia (716 casi per 100mila abitanti), la più bassa in Calabria (559 casi per 100mila abitanti)
Malnutrizione, Molfino (Sinuc): «Percorsi nutrizionali nelle Asl per aiutare a combattere cancro e altre patologie»
Al Congresso della Società italiana di Nutrizione clinica è stata ribadita l’importanza di combattere la malnutrizione: «Essere malnutrito significa avere meno chance di risposta a molte terapie in particolare in campo oncologico: i dati sono ormai molto solidi» sottolinea Alessio Molfino, docente di Medicina interna de La Sapienza
Giovani e dipendenze, il “digital detox” è la cura? Martinelli (psichiatra): «Una possibilità per non essere schiavi del web»
«Sperimentare il fatto che si può stare bene anche senza internet è positivo. Guidiamo i giovani ad un uso sano del web: se disinveste dalla realtà è preoccupante. I genitori devono imparare la “lingua” dei propri figli». L’intervista a David Martinelli
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...