Meteo 25 Febbraio 2019

Attacchi di panico addio! A Roma la presentazione del manuale per superarli

Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare. «Il disturbo da attacchi […]

Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare.

«Il disturbo da attacchi di panico o Dap è una sindrome psicopatologica caratterizzata da ripetuti episodi di ansia acuta, la cui durata può variare da qualche minuto fino a un’ora. Un’inaspettata e traumatizzante paura fisica e psicologica si accompagna a sintomi somatici quali palpitazioni, sudorazioni, tremori, dispnea, fastidio al petto o disturbi addominali, percepiti come un qualcosa di catastrofico e paralizzante. Diventa impossibile, in alcune circostanze, uscire di casa da soli, viaggiare o guidare l’auto, stare in mezzo alla folla o in coda: l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing, Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) oggi è uno strumento risolutivo per superare questo senso di angoscia invalidante senza ritrovarsi schiavi del proprio disturbo».

A spiegarlo sono Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente Eurodap (Associazione Europea Disturbo da Attacchi di Panico) e Isabel Fernandez, Presidente EMDR ITALIA e EUROPA, nel libro ‘Il panico ospite imprevisto – Diagnosi del disturbo e terapia EMDR’ che sarà presentato il 1 marzo a Roma (Hotel Quirinale, via Nazionale 7 – ore 18.30).

Il libro nasce dall’esigenza di superare quel gap conoscitivo che spesso investe chi comunemente pensa che, dietro un problema, un disagio psichico o un disturbo conclamato non ci sia soluzione.

«L’EMDR è un approccio psicoterapeutico, un trattamento evidence-based – spiegano le esperte – per il quale le informazioni associate ad un ricordo traumatico rimangono congelate nel sistema nervoso, impedendo una giusta modulazione dell’intensità emotiva in caso di rievocazione di certe situazioni. La comparsa dei sintomi psicologici, fisici e comportamentali tipici del Dap ne sono così un’ovvia conseguenza: il panico è allora il sintomo e gli attacchi si risolvono definitivamente solo in seguito all’elaborazione di tutti gli elementi disturbanti che hanno agito causandone l’insorgenza».

Ecco alcuni consigli pratici per affrontare l’attacco di panico e l’ansia

Buoni esercizi per l’ansia sono quelli che riguardano la respirazione: una corretta respirazione può, quindi, essere utilizza da calmante naturale. Mettetevi in un posto tranquillo, inspirate lentamente dal naso, senza gonfiare il torace, mantenendo basse le spalle, percependo l’aria che entra nel vostro corpo, ed espirate con calma dalla bocca. Un respiro profondo e controllato è un respiro sano. Al fine di riequilibrare al meglio i due emisferi cerebrali, potrebbe essere utile mettere in contatto le dita di entrambe le mani, dal mignolo al pollice numerando i vari passaggi.

Articoli correlati
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Covid-19 e fase 2, Fiorillo (Sips): «Bilanciare la voglia di ripartire con la paura della nuova realtà»
«Trasformare un’esperienza negativa in un’opportunità di crescita “post-traumatica” e riflessione sociale. Per ridurre gli effetti a lungo termine della quarantena dobbiamo riappropriarci del nostro tempo e valorizzare le cose realmente importanti». Così Andrea Fiorillo, Professore di Psichiatria presso l’Università della Campania “L. Vanvitelli”
Ansia da lockdown: al via il “Barometro della Salute Mentale”
L’Ordine degli Psicologi del Lazio, in collaborazione con Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza e con l’ENPAP, l’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza degli Psicologi, dà il là a un progetto nazionale per misurare lo stato del benessere psicologico degli italiani
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Degenza di Sorveglianza: apre a Milano il primo reparto per pazienti Covid-19 con sintomi lievi
Venti posti letto all’Ospedale San Paolo per assistere pazienti positivi che non possono restare al proprio domicilio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco