Meteo 25 Febbraio 2019

Attacchi di panico addio! A Roma la presentazione del manuale per superarli

Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare. «Il disturbo da attacchi […]

Improvvisamente manca il respiro, il cuore palpita talmente forte da sentirne la presenza e una sensazione di morte sopraggiunta fa sprofondare nel terrore: è molto probabile che si tratti di un attacco di panico. La prima volta la paura può prendere il sopravvento, ma il disturbo si può imparare a controllare.

«Il disturbo da attacchi di panico o Dap è una sindrome psicopatologica caratterizzata da ripetuti episodi di ansia acuta, la cui durata può variare da qualche minuto fino a un’ora. Un’inaspettata e traumatizzante paura fisica e psicologica si accompagna a sintomi somatici quali palpitazioni, sudorazioni, tremori, dispnea, fastidio al petto o disturbi addominali, percepiti come un qualcosa di catastrofico e paralizzante. Diventa impossibile, in alcune circostanze, uscire di casa da soli, viaggiare o guidare l’auto, stare in mezzo alla folla o in coda: l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing, Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) oggi è uno strumento risolutivo per superare questo senso di angoscia invalidante senza ritrovarsi schiavi del proprio disturbo».

A spiegarlo sono Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente Eurodap (Associazione Europea Disturbo da Attacchi di Panico) e Isabel Fernandez, Presidente EMDR ITALIA e EUROPA, nel libro ‘Il panico ospite imprevisto – Diagnosi del disturbo e terapia EMDR’ che sarà presentato il 1 marzo a Roma (Hotel Quirinale, via Nazionale 7 – ore 18.30).

Il libro nasce dall’esigenza di superare quel gap conoscitivo che spesso investe chi comunemente pensa che, dietro un problema, un disagio psichico o un disturbo conclamato non ci sia soluzione.

«L’EMDR è un approccio psicoterapeutico, un trattamento evidence-based – spiegano le esperte – per il quale le informazioni associate ad un ricordo traumatico rimangono congelate nel sistema nervoso, impedendo una giusta modulazione dell’intensità emotiva in caso di rievocazione di certe situazioni. La comparsa dei sintomi psicologici, fisici e comportamentali tipici del Dap ne sono così un’ovvia conseguenza: il panico è allora il sintomo e gli attacchi si risolvono definitivamente solo in seguito all’elaborazione di tutti gli elementi disturbanti che hanno agito causandone l’insorgenza».

Ecco alcuni consigli pratici per affrontare l’attacco di panico e l’ansia

Buoni esercizi per l’ansia sono quelli che riguardano la respirazione: una corretta respirazione può, quindi, essere utilizza da calmante naturale. Mettetevi in un posto tranquillo, inspirate lentamente dal naso, senza gonfiare il torace, mantenendo basse le spalle, percependo l’aria che entra nel vostro corpo, ed espirate con calma dalla bocca. Un respiro profondo e controllato è un respiro sano. Al fine di riequilibrare al meglio i due emisferi cerebrali, potrebbe essere utile mettere in contatto le dita di entrambe le mani, dal mignolo al pollice numerando i vari passaggi.

Articoli correlati
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Brasile, i morti per febbre dengue salgono del 163% in sei mesi
Il ministero della Salute brasiliano ha reso noto che, negli ultimi sei mesi, le morti per febbre dengue, malattia virale trasmessa dalle zanzare, sono aumentate del 163% rispetto al 2018. Il dicastero spiega che le motivazioni sono da ricercare nelle piogge più abbondanti e nelle temperature più alte, specificando che 366 persone sono morte dal […]
Fibromialgia, all’Aou senese lo studio per valutare la severità della malattia
La fibromialgia è una malattia cronica caratterizzata da dolore diffuso, rigidità muscolare, affaticamento, disturbi del sonno, e riduzione del tono dell’umore. Colpisce circa 2 milioni di persone in Italia. Si manifesta, generalmente, tra i 25 e i 55 anni. Le donne hanno più probabilità di svilupparla rispetto agli uomini. All’Azienda ospedaliero-universitaria Senese, nella UOC Reumatologia diretta […]
Firenze, l’immaginazione guidata al Meyer riduce ansia e stress nei bambini
Le tecniche di immaginazione guidata aiutano, nei bambini, a diminuire l’ansia pre e post operatoria. È quanto dimostra uno studio dell’ospedale pediatrico fiorentino delle psicologhe del servizio di Psicologia dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze in collaborazione con il Servizio di Terapia del dolore e Cure Palliative e da poco pubblicato su “European Journal of Pediatrics”. […]
A Roma il Festival della Psicologia 2019. “Io sono qui”: un viaggio alla scoperta della nostra Identità
Al via la quinta edizione: l’appuntamento, gratuito e aperto a tutti, è in programma dal 31 maggio al 2 giugno al Teatro India della Capitale. Le 3 serate saranno il momento centrale della manifestazione, intervallate da incontri tematici e laboratori
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...