Fiori di Bach: effetto placebo o rimedi efficaci per la psiche?

Eliantemo per panico e terrore, agrimonia per l’ansia, melo selvatico in caso di rifiuto del proprio aspetto fisico o violetta d’acqua per solitudine, distacco o orgoglio esaltato. Sono alcuni dei 37 fiori e piante che Edward Bach, medico e scopritore di vaccini, quasi cento anni fa, ha classificato come rimedi naturali ai problemi più frequenti […]

Eliantemo per panico e terrore, agrimonia per l’ansia, melo selvatico in caso di rifiuto del proprio aspetto fisico o violetta d’acqua per solitudine, distacco o orgoglio esaltato. Sono alcuni dei 37 fiori e piante che Edward Bach, medico e scopritore di vaccini, quasi cento anni fa, ha classificato come rimedi naturali ai problemi più frequenti della psiche.

Sempre più persone si avvicinano alla floriterapia per porre rimedio a paure, ansie o incertezze, assumendo sostanze preparate secondo il metodo proposto dallo stesso Bach: i petali dei fiori vengono immersi nell’acqua che viene esposta al sole. In seguito i petali vengono rimossi e al liquido si aggiunge del brandy. Di fatto, quindi, all’interno delle boccette si trova acqua mescolata ad alcol ed è per questo che in Italia, i rimedi sono classificati come integratori.

Alcuni studi condotti nel continente americano attribuiscono ai fiori di Bach veri effetti benefici, soprattutto per trattare la depressione. Altre ricerche collegano invece la sensazione di benessere che si prova, dopo aver assunto il fiore, all’effetto placebo, sfruttando quindi la capacità dell’organismo di credere in un miglioramento delle condizioni che è invece solo mentale.

Se la presenza di effetti benefici è dibattuta, è invece abbastanza assodato che l’utilizzo dei fiori di Bach non comporti controindicazioni. In alcuni casi tuttavia l’assunzione di fiori in modo non adeguato, può far emergere un malessere preesistente: ecco perché sarebbe meglio rivolgersi e chiedere consiglio a chi ha frequentato specifici corsi di formazione.

Articoli correlati
Omeopatia sì. Simonetta Bernardini (Siomi): «La medicina integrata è il futuro. La Regione Toscana non torni indietro»
«Per i pazienti un doppio sistema di diagnosi e cura». Lo dichiara la Presidente della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata
di Isabella Faggiano
L’agopuntura aiuta i pazienti oncologici, partita sperimentazione a Genova
Medicina alternativa per i malati oncologici. Shatzu, agopuntura, fitoterapia e dieta, abbinati ai farmaci tradizionali e alle terapie mediche, migliorano le condizioni dei malati, in particolare dei pazienti oncologici. Lo affermano i responsabili di una sperimentazione di 12 mesi partita a gennaio presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo in provincia di Genova. La vicepresidente della Regione Liguria e […]
Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia
L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine
Fitoterapia, la medicina dei fiori più antica che guarisce ancora (la sceglie 1 italiano su 2)
Il 58% di chi si rivolge alle cure alternative usa piante medicinali. Cresce l’attenzione anche nel resto del mondo: in Gran Bretagna il fitoterapeuta è una categoria professionale istituzionalizzata con percorso formativo universitario dedicato
ECM, con la Medicina Non Convenzionale i medici “guadagnano” 4 crediti formativi
Tra gli italiani aumenta la richiesta di terapie legate alla medicina alternativa. In questa ottica i corsi di agopuntura, fitoterapia o omeopatia garantiranno agli operatori sanitari 4 crediti per mese di frequenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.