Lavoro 8 Gennaio 2020 15:51

Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»

La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»

Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»

Si sono scontrate contro un muro di gomma, scetticismo e diffidenza. E hanno dovuto arrendersi alla dura realtà: pazienti e familiari le rifiutano non perché non sappiano svolgere il proprio lavoro ma perché, oltre al camice bianco, portano il velo e lunghi e casti abiti.  

Sono le testimonianze di alcune ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene di religione musulmana raccolte dall’Associazione medici di origine straniera (Amsi). Le dottoresse hanno lavorato per brevi periodi in Veneto, in centri medici privati, coprendo i capelli e parte del viso con un foulard o un velo. E di fronte alle lamentele di pazienti e familiari sono state allontanate dai direttori sanitari delle strutture con altre motivazioni. «Raccontano di aver ricevuto segnalazioni da parte di colleghi sul fatto che i pazienti si lamentassero del velo e del vestito lungo – precisa il professor Foad Aodi, presidente dell’Amsi e dell’Unione medica euro mediterranea (Umem) a Sanità Informazione – nonostante nella stessa struttura lavorassero alcune suore in abito religioso. Indossavano il camice sopra al vestito, ma i pazienti avevano ugualmente paura di essere visitati da dottoresse che avevano il viso scoperto e solo un fazzoletto a coprire il capo».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Niente a che vedere con il burqa, l’abito che nasconde quasi completamente il viso ad accezione di un piccolo pezzo di stoffa che permette alla donna di vedere, o il niqab che copre il viso meno del burqa, lasciando una piccola area libera attorno agli occhi. Le dottoresse portavano una sorta di hijab, un velo che copre la testa e il collo, lasciando il viso completamente scoperto. Eppure, suscitavano timore e perplessità. «Secondo i colleghi – prosegue Foad Aodi – i malati, ai successivi controlli, chiedevano esplicitamente di essere controllati da medici italiani». Nessuna lamentela diretta ma le proteste e le rimostranze sono arrivate in segreteria e in direzione sanitaria e «nell’arco di due e tre mesi i direttori sanitari delle strutture private sono corsi ai ripari, non le hanno riconfermate accampando la scusa della mancanza di richieste. Si sono sentite mortificate dal punto di vista professionale – aggiunge il consigliere nazionale dell’Ordine dei Medici di Roma e membro Registro esperti FNOMCeO Aodi – perché non sono state giudicate in merito al lavoro che svolgono ma per un pregiudizio culturale, un muro mentale fatto di ignoranza e pregiudizi».

Un «atto di discriminazione» che si inserisce in un fenomeno più ampio e complesso di «intolleranza verso gli stranieri, alimentato dai social e da una comunicazione, anche politica, aggressiva e offensiva – conclude Foad Aodi – . Noi dell’Amsi rispettiamo tutte le forze politiche ma chiediamo a chi fa politica di essere responsabile e rappresentare un esempio positivo per tutti. Altrimenti, come già accade, sarà la società civile a pagarne le conseguenze».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Eventi imprevisti e difficoltà economiche, Enpam aiuta i suoi iscritti
La Fondazione Enpam prevede degli importanti sostegni in caso di difficoltà personali e familiari
L’ospedale sicuro e il “paradosso del green”
Egregio direttore, erano tutti, in realtà, orgogliosi quei semplici e immaginari cittadini che frequentavano con piena fiducia gli ambienti di quella struttura ospedaliera dove avevano trovato sempre risposte certe e soluzioni terapeutiche aggiornate verso i problemi sanitari che si presentavano a carico del loro stato di salute. Così come altamente fiero era allo stesso tempo […]
di Emilio Piccione, Emerito di Ginecologia e Ostetricia, Università di Roma Tor Vergata e Cattolica NSBC di Tirana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni