Lavoro 2 Marzo 2022 09:42

Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi

La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia

Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi

La fase di ripartenza dopo il Covid nel Veneto inizia con la giusta spinta. Infatti, mentre è stata approvato un investimento di 40 milioni di euro su proposta dell’assessore alla Sanità Manuela Lanzarin, per il recupero delle prestazioni in lista d’attesa causata dal blocco imposto dalla quarta ondata di epidemia di Covid, è arrivata la sentenza della Corte costituzionale che rigetta il ricorso di Anaao e Assomed e riconosce la validità delle assunzioni di medici specializzandi fatte durante la pandemia. Un duplice traguardo che oggi sancisce la sanità veneta come modello virtuoso.

Veneto, 40 milioni per tagliare le liste d’attesa

40 milioni e 981 mila euro è questo l’importo stanziato complessivamente dalla Regione Veneto su proposta dell’Assessore alla Sanità Manuela Lanzarin per far fronte ad un ritardo di circa 72 mila interventi chirurgici richiedenti il ricovero e 325 mila prestazioni ambulatoriali compresi gli screening che si è accumulato con i due anni di pandemia. Alle strutture pubbliche andranno 31 milioni e 14 mila euro, mentre a quelle private convenzionate 9 milioni e 966 mila euro. «L’obiettivo è azzerare il gap che si è generato con la pandemia – ammette l’assessore alla Sanità Manuela Lanzarin -. È una sfida impegnativa, a contiamo di arrivare all’obiettivo entro fine anno». Ogni azienda del Servizio Sanitario Regionale dovrà procedere alla redazione dei piani operativi da inviare ad Area Sanità e Sociale ed Azienda Zero, entro l’11 marzo 2022. Quest’ultima dovrà anche monitorare i livelli di produttività raggiunti da ciascuno per definire i budget dei singoli enti.

Una sentenza storica

Un impegno che sarà più accessibile grazie anche alle assunzioni di medici specializzandi effettuate durante la pandemia e che la Corte costituzionale ha validato con la sentenza 36 del 2022. Una sentenza che dà ragione al governatore Luca Zaia e alla regione Veneto che per prima, e unica in Italia, ha deciso durante i giorni più bui del Covid di inserire in ospedale giovani medici laureati abilitati, iscritti al penultimo e ultimo anno di specializzazione per far fronte all’emergenza.

«Si tratta di una sentenza storica – ammette il governatore – in un momento in cui alla carenza di professionisti si è aggiunta l’emergenza Covid, non possiamo che essere soddisfatti della decisione presa dalla Consulta. A seguito di questa sentenza, sarà necessario rivedere la questione a livello nazionale». La decisione di assumere camici bianchi ancora in formazione durante la pandemia aveva generato un ricorso da parte dell’Associazione Medici dirigenti Anaao Assomed secondo i quali non c’erano le condizioni per attingere da un serbatoio non del tutto formato.

«La decisione presa in quel frangente – ricorda Zaia – nonostante lo stato di emergenza e la difficoltà oggettiva di reperire medici formati scatenò critiche pesantissime da parte delle associazioni di categoria. Ma le polemiche non ci fermarono. Sicuri di dover procedere in quella direzione non ci siamo arresi alle accuse mosse nei nostri confronti anche sul piano giuridico. E alla distanza abbiamo avuto ragione. La sentenza della Consulta è storica perché apre nuovi orizzonti per le altre regioni italiane, non solo in riferimento alla pandemia da Covid, ma anche per eventuali situazioni di emergenza che si potranno verificare in futuro. Tra l’altro il tema della carenza di medici è antecedente la pandemia, da tempo si lamentava un numero non sufficiente di camici bianchi e la pandemia non ha fatto che aggravare la situazione. È evidente che una sentenza come questa possa segnare un nuovo passo per la professione».

 In futuro necessario rivedere le norme

Alla luce di questa sentenza il governatore Luca Zaia auspica una revisione delle norme nazionali in modo da rendere più agevole l’ingresso nel mondo del lavoro di queste figure professionali. «La scuola di specializzazione è fondamentale – sottolinea – ma occorre rivedere le modalità di accesso e garantire ai medici laureati dopo sei anni di studi ed abilitati di poter fruire di corsi di formazione e di assistenza da parte di colleghi strutturati, come già accade all’estero».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Schillaci: da esami inappropriati alle pensione dei medici, “il sistema sanitario va ammodernato”
Esami e visite inappropriate, la "gobba" pensionistica, il ricorso a strutture private convenzionate e, in generale, la necessità di ammodernare il sistema sanitario nazionale. Sono questi i temi affrontati da Orazio Schillaci, ministro della Salute, in un'intervista a 24 Mattino su Radio 24
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...