Lavoro 23 Giugno 2015

TURNI MASSACRANTI: «Pronti a far passare un emendamento per difendere i medici»

Dopo l’interrogazione il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri annuncia le prossime tappe della ‘crociata’ per i diritti dei camici bianchi: «Chi fa ricorso ora ha un’autostrada spianata. Attendiamo le mosse del Governo, altrimenti pronta una mozione, un Ddl e un emendamento.»

Immagine articolo

Più che una battaglia, una vera e propria “crociata”. Così il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri (CRi) ha definito il suo impegno concreto nel combattere il problema dei turni di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici.

Una missione che prende le mosse dall’interrogazione parlamentare di cui Lettieri è proponente e primo firmatario e a cui si sono aggiunte le firme dei senatori Piero Aiello (Ncd), Emilio Floris (FI), Antonio Scavone (GAL) e Maria Rizzotti (FI).

Ma questo è solo il primo passo. Se l’interrogazione non dovesse dare l’esito sperato, altre tappe via via più stringenti sono all’orizzonte. Sanità informazione ha chiesto i dettagli di questa iniziativa al protagonista della conferenza stampa sul tema tenutasi in Sala Nassirya al Senato: il primo firmatario dell’interrogazione, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri.

«La nostra crociata nasce affinché venga ripristinato e mai più leso un diritto riconosciuto da leggi nazionali ed europee. I turni massacranti cui sono sottoposti i medici, tra l’altro, hanno effetti devastanti sull’ intero Ssn, e di conseguenza sulla comunità. E’ evidente che dopo aver lavorato per 24 ore il medico non può garantire prestazioni ottimali. Ci siamo mossi con questa interrogazione ai ministri della Salute e dell’Economia, per comprendere quali iniziative vogliano adottare – e in quali tempi – per ripristinare la normalità. Dopodiché valuteremo se presentare una mozione di impegno per il Governo, che spero sia sostenuta da tutte le forze politiche, visto che le ragioni che presentiamo non sono viziate da pregiudizi di parte o da finalità politiche. L’alternativa all’inerzia del Governo si concretizzerà in un Disegno di Legge o in un emendamento per risolvere il problema con criteri validi e legittimi».

Si tratta insomma di colmare una vera e propria falla nel sistema normativo, apertasi anche per la mancanza di coperture economiche. Se non venisse chiusa, tuttavia, il rischio di esborso per le Casse per lo Stato sarebbe ancora più pesante, vista l’ondata di ricorsi.

«È palese che il fatto che il Governo abbia modificato provvedimenti già approvati proprio dall’esecutivo. Stando così le cose, il medico che volesse fare ricorso troverebbe un’autostrada spianata davanti a sé, e raggiungerebbe l’obiettivo. Proprio perché penso a quanto possa essere pesante tutto ciò per i conti pubblici, in un momento di forte incertezza economica, se sarà necessario arriverò alla proposta legislativa, come già fatto per gli ex specializzandi. Saranno altrimenti le sentenze dei tribunali, con costi ulteriori, a confermare la ragione dei ricorrenti».

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...