Lavoro 23 giugno 2015

TURNI MASSACRANTI: «Pronti a far passare un emendamento per difendere i medici»

Dopo l’interrogazione il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri annuncia le prossime tappe della ‘crociata’ per i diritti dei camici bianchi: «Chi fa ricorso ora ha un’autostrada spianata. Attendiamo le mosse del Governo, altrimenti pronta una mozione, un Ddl e un emendamento.»

Immagine articolo

Più che una battaglia, una vera e propria “crociata”. Così il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri (CRi) ha definito il suo impegno concreto nel combattere il problema dei turni di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici.

Una missione che prende le mosse dall’interrogazione parlamentare di cui Lettieri è proponente e primo firmatario e a cui si sono aggiunte le firme dei senatori Piero Aiello (Ncd), Emilio Floris (FI), Antonio Scavone (GAL) e Maria Rizzotti (FI).

Ma questo è solo il primo passo. Se l’interrogazione non dovesse dare l’esito sperato, altre tappe via via più stringenti sono all’orizzonte. Sanità informazione ha chiesto i dettagli di questa iniziativa al protagonista della conferenza stampa sul tema tenutasi in Sala Nassirya al Senato: il primo firmatario dell’interrogazione, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri.

«La nostra crociata nasce affinché venga ripristinato e mai più leso un diritto riconosciuto da leggi nazionali ed europee. I turni massacranti cui sono sottoposti i medici, tra l’altro, hanno effetti devastanti sull’ intero Ssn, e di conseguenza sulla comunità. E’ evidente che dopo aver lavorato per 24 ore il medico non può garantire prestazioni ottimali. Ci siamo mossi con questa interrogazione ai ministri della Salute e dell’Economia, per comprendere quali iniziative vogliano adottare – e in quali tempi – per ripristinare la normalità. Dopodiché valuteremo se presentare una mozione di impegno per il Governo, che spero sia sostenuta da tutte le forze politiche, visto che le ragioni che presentiamo non sono viziate da pregiudizi di parte o da finalità politiche. L’alternativa all’inerzia del Governo si concretizzerà in un Disegno di Legge o in un emendamento per risolvere il problema con criteri validi e legittimi».

Si tratta insomma di colmare una vera e propria falla nel sistema normativo, apertasi anche per la mancanza di coperture economiche. Se non venisse chiusa, tuttavia, il rischio di esborso per le Casse per lo Stato sarebbe ancora più pesante, vista l’ondata di ricorsi.

«È palese che il fatto che il Governo abbia modificato provvedimenti già approvati proprio dall’esecutivo. Stando così le cose, il medico che volesse fare ricorso troverebbe un’autostrada spianata davanti a sé, e raggiungerebbe l’obiettivo. Proprio perché penso a quanto possa essere pesante tutto ciò per i conti pubblici, in un momento di forte incertezza economica, se sarà necessario arriverò alla proposta legislativa, come già fatto per gli ex specializzandi. Saranno altrimenti le sentenze dei tribunali, con costi ulteriori, a confermare la ragione dei ricorrenti».

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...