Lavoro 23 giugno 2015

TURNI MASSACRANTI: «Pronti a far passare un emendamento per difendere i medici»

Dopo l’interrogazione il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri annuncia le prossime tappe della ‘crociata’ per i diritti dei camici bianchi: «Chi fa ricorso ora ha un’autostrada spianata. Attendiamo le mosse del Governo, altrimenti pronta una mozione, un Ddl e un emendamento.»

Immagine articolo

Più che una battaglia, una vera e propria “crociata”. Così il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri (CRi) ha definito il suo impegno concreto nel combattere il problema dei turni di lavoro massacranti cui sono sottoposti i medici.

Una missione che prende le mosse dall’interrogazione parlamentare di cui Lettieri è proponente e primo firmatario e a cui si sono aggiunte le firme dei senatori Piero Aiello (Ncd), Emilio Floris (FI), Antonio Scavone (GAL) e Maria Rizzotti (FI).

Ma questo è solo il primo passo. Se l’interrogazione non dovesse dare l’esito sperato, altre tappe via via più stringenti sono all’orizzonte. Sanità informazione ha chiesto i dettagli di questa iniziativa al protagonista della conferenza stampa sul tema tenutasi in Sala Nassirya al Senato: il primo firmatario dell’interrogazione, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri.

«La nostra crociata nasce affinché venga ripristinato e mai più leso un diritto riconosciuto da leggi nazionali ed europee. I turni massacranti cui sono sottoposti i medici, tra l’altro, hanno effetti devastanti sull’ intero Ssn, e di conseguenza sulla comunità. E’ evidente che dopo aver lavorato per 24 ore il medico non può garantire prestazioni ottimali. Ci siamo mossi con questa interrogazione ai ministri della Salute e dell’Economia, per comprendere quali iniziative vogliano adottare – e in quali tempi – per ripristinare la normalità. Dopodiché valuteremo se presentare una mozione di impegno per il Governo, che spero sia sostenuta da tutte le forze politiche, visto che le ragioni che presentiamo non sono viziate da pregiudizi di parte o da finalità politiche. L’alternativa all’inerzia del Governo si concretizzerà in un Disegno di Legge o in un emendamento per risolvere il problema con criteri validi e legittimi».

Si tratta insomma di colmare una vera e propria falla nel sistema normativo, apertasi anche per la mancanza di coperture economiche. Se non venisse chiusa, tuttavia, il rischio di esborso per le Casse per lo Stato sarebbe ancora più pesante, vista l’ondata di ricorsi.

«È palese che il fatto che il Governo abbia modificato provvedimenti già approvati proprio dall’esecutivo. Stando così le cose, il medico che volesse fare ricorso troverebbe un’autostrada spianata davanti a sé, e raggiungerebbe l’obiettivo. Proprio perché penso a quanto possa essere pesante tutto ciò per i conti pubblici, in un momento di forte incertezza economica, se sarà necessario arriverò alla proposta legislativa, come già fatto per gli ex specializzandi. Saranno altrimenti le sentenze dei tribunali, con costi ulteriori, a confermare la ragione dei ricorrenti».

Articoli correlati
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Straordinari obbligatori e riposi interrotti: tutti i nodi nei contratti di medici e personale sanitario
Gli infermieri di Nursing Up con Antonio De Palma: «Violate le 11 ore continuative di riposo. Intraprenderemo azioni legali in Italia e in Europa». Papotto (Cisl Medici): «Chiederemo il diritto al riposo anche dopo la reperibilità notturna»
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...