Lavoro 10 Gennaio 2020

Tecnici di laboratorio, ANTEL verso la trasformazione in ATS. Cabrini: «Fino alla costituzione della CdA Nazionale restiamo di supporto a Ordini»

La presidente dell’associazione dei Tecnici di laboratorio annuncia il passaggio ad Associazione Tecnico Scientifica. Ma prima della Costituzione della Commissione d’Albo nazionale «proseguirà nel 2020 con un mandato di vigilanza e linee di indirizzo politiche fino alla costituzione»

«Nulla è durevole quanto il cambiamento. Non c’e’ nulla di immutabile tranne l’esigenza di cambiare». Usa un celebre aforisma di Eraclito la presidente dell’ANTEL, Associazione Nazionale Tecnici di Laboratorio Biomedico, Alessia Cabrini, per spiegare agli iscritti la trasformazione che sta coinvolgendo l’associazione che presiede.

Così come le altre AMR, Associazione di Categoria Professionale Maggiormente Rappresentativa, del mondo delle professioni confluite nel maxi Ordine delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP, anche l’ANTEL è destinata a trasformarsi da AMR a ATS, cioè ad Associazione Tecnico Scientifica. Non subito, però, chiarisce Cabrini in una lettera aperta: «Per mandato Ministeriale ANTEL, in qualità di AMR – Associazione di Categoria Professionale Maggiormente Rappresentativa – ha svolto le funzioni di supporto tecnico-amministrativo agli Ordini, continuando a vicariare, così come ha fatto nel passato, quelle funzioni di rappresentanza, tutela e promozione della professione che saranno proprie delle neo-elette Commissioni d’Albo (C.A.). Dal momento dell’insediamento delle CA saranno infatti gli eletti all’interno di quest’organo, a rappresentare, tutelare e promuovere la professione nelle varie Regioni, ma la funzione di supporto delle AMR proseguirà nel 2020 con un mandato di vigilanza e linee di indirizzo politiche fino alla costituzione della CdA nazionale, di cui ad oggi non vi è ancora il relativo Decreto Ministeriale. All’interno dell’Ordine vorremmo ci fosse unitamente ai nostri valori associativi, la nostra conoscenza ed esperienza professionale a livello istituzionale e legislativo, uniche sul territorio nazionale».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE

Cabrini traccia poi un bilancio dei primi due anni della Legge Lorenzin che nel gennaio 2018 ha creato il maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Spesso il cambiamento, anche quello sperato, spaventa perché ci porta a percorrere nuovi e sconosciuti sentieri – scrive Cabrini -. Abbiamo abbracciato questo cambiamento con la metafora della “scalata della montagna”, conoscevamo la meta ma non la strada da percorrere, strada che abbiamo segnato TUTTI insieme con le altre Professioni Sanitarie. Il processo di messa in opera della legge di Riforma Ordinistica, non aveva e non ha eguali da emulare. Questa metafora ci ha accompagnati nel percorso trasformativo /evolutivo verso il Maxi-Ordine! Ci è stata richiesta, repentinamente, una grande competenza, quella di saper cambiare, e la metodologia operativa è stata step by step».

ANTEL dunque si avvia verso la trasformazione da AMR a ATS: ciò comporterà il cambiamento della mission e dell’architettura statutaria con l’individuazione di nuovi obiettivi. «La Professione – continua Cabrini – continuerà ad avere bisogno di noi in qualità di ATS, ed in questa veste ci potremo occupare: di orientare la pratica clinica, producendo linee guida e buone pratiche per la nostra professione; di ricerca e di formazione, collaborando con gli ALBI all’interno degli ORDINI».

Infine un richiamo alla partecipazione, essenziale per la vitalità dell’associazione: «Dobbiamo quindi continuare ad esserci – conclude la Presidente ANTEL – e per esserci c’è bisogno di energia, disponibilità e cooperazione. Il percorso di cambiamento che ci condurrà verso la costituzione dell’ATS non è automatico e immediato: bisogna ottenere il riconoscimento/accreditamento da parte del Ministero della Salute, dimostrando di possedere i requisiti previsti dal DM del 2  agosto  2017.  Uno fra questi è una consistente presenza numerica dei soci. Il 2019 ha visto la presenza di 1200 soci, l’auspicio per il 2020 è quello di essere ancora più numerosi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Sicurezza sul lavoro, l’allarme dei tecnici della prevenzione: «Carenza atavica, così difficile fare vigilanza e controllo»
Il Presidente dell’Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario d'Italia Maurizio Di Giusto sottolinea: «Le Regioni chiedono che si aumentino i controlli del 5-10% ma senza risorse è come tirare la coperta da una parte e scoprire l’altra». E chiede inoltre che si «cambi l’approccio normativo: non basta inasprire le pene, servono misure per detrarre i costi». Oltre 14mila i TdP in Italia
Igienisti dentali, Tomassi (Albo Roma): «A breve sportello informativo. E sull’ECM faremo la nostra parte»
A poco più di un mese dalle elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali, parla il Presidente della Commissione d’Albo Igienisti dentali di Roma e provincia Domenico Tomassi: «Metteremo in campo iniziative per aumentare il coinvolgimento dei colleghi»
Coronavirus, Simedet: «Evitare inutili allarmismi». Antel: «Fondamentale diagnosi molecolare e ruolo laboratori»
Anche gli specialisti della Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica mobilitata per far fronte all’emergenza. Cabrini (ANTEL): «Prevenzione e controllo passano dal laboratorio»  
TSRM e PSTRP, Beux: «Elenchi speciali, ecco perché c’è la proroga fino al 30 giugno»
Il presidente del Maxi Ordine delle professioni sanitarie commenta le recenti elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali: «Bassa affluenza segnala disaffezione verso istituzioni». E sulla Consulta: «Bene, ma ora programmazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.350 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.878 mentre i morti sono 2.705. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...