Lavoro 19 settembre 2016

Super-ammortamento anche sulle auto per i medici?

I consigli del tributarista per sfruttare le agevolazioni

Immagine articolo

«Ho acquistato una nuova autovettura, pagandola 19mila euro. Posso beneficiare del super-ammortamento del 140% introdotto dalla passata Finanziaria?». È la domanda che pone un nostro lettore, precisando di aver comprato una nuova vettura per lo svolgimento della professione medica nel novembre del 2015. Ma sono molti i professionisti, anche della sanità, che ne vogliono sapere di più su un’agevolazione fiscale molto interessante (il governo pensa di riproporla anche nella prossima manovra) che rappresenta una delle poche buone notizie proprio nell’“autunno caldo” delle tasse che conduce ad un finale di anno in cui tra adempimenti e scadenze ci sarà da tirare parecchio la cinghia.

A fare chiarezza sul maxi-ammortamento ci pensa il tributarista Giulio Palazzo, titolare di uno dei più importanti studi commercialisti di Roma, uno dei principali esperti del settore con cui prosegue una proficua collaborazione con Sanità Informazione, finalizzata a chiarire e approfondire le principali questione legate a tasse e fisco con particolare riferimento alle esigenze degli operatori sanitari.

 «L’agevolazione – entra subito nel merito della questione posta dal medico in questione -,  in termini generali, si applica agli acquisti di beni nuovi effettuati tra il 15 ottobre 2015 ed il 31 dicembre 2016 (occorre far riferimento alla data di consegna o di spedizione del bene). L’agevolazione del maxi-ammortamento include anche l’acquisto di autovetture e consente di poter dedurre un importo calcolato sul 140% del costo. L’ipotesi evidenziata dal medico – spiega il dottor Giulio Palazzo  –  fa riferimento all’acquisto di un’autovettura nuova avvenuto (consegna del bene) a novembre 2015, che il medico utilizzerà sia per fini professionali che per uso privato. Si tratta dunque di un uso promiscuo del bene. Al riguardo, la norma vigente consente di dedurre un massimo di 18.076 euro. Tale ammontare, grazie al super ammortamento, verrà poi innalzato del 40%. Tuttavia, tenendo conto che si tratta di un’autovettura diversa da quelle strumentali o date in benefit, la norma fiscale vigente impone comunque di ragguagliare al 20% la percentuale di deducibilità fiscale».

Per suggerire nuove tematiche da approfondire o chiarire è possibile scriverci a redazione@sanitainformazione.it.

LEGGI GLI ALTRI QUESITI INVIATI DAI NOSTRI LETTORI

 

 

Articoli correlati
Più fondi per la sanità e sconti sulle tasse. Ecco le novità della manovra 2017
Al centro della Finanziaria i temi legati a salute, famiglia, pensioni e Fisco. In programma finanziamenti per il Fondo Sanitario Nazionale, rottamazione di Equitalia e sanatoria cartelle
Equitalia, la sanatoria per le cartelle. Quando il medico può usufruire della rottamazione?
I consigli del tributarista per mettersi in regola con il Fisco sfruttando le ultime novità legislative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...