Lavoro 21 Settembre 2016

Tasse e fisco: i consigli dell’esperto

Sono indietro con le tasse, cosa devo fare? Posso passare al regime forfettario? Come devo comportarmi se ho un conflitto tra i contributi versati ad Enpam ed Inps? Sono solo alcune delle numerose richieste di chiarimenti e informazioni giunte all’indirizzo mail redazione@sanitainformazione.it. Abbiamo chiesto al tributarista Giulio Palazzo, dottore commercialista con il quale prosegue la nostra collaborazione, di rispondere alle domande più frequenti e di maggiore interesse per la classe medica in tema di fisco e tasse.

INDIETRO CON LE TASSE? ECCO COSA SUCCEDE E COME METTERSI IN REGOLA

Quesito: Non sono riuscito a pagare tutte le rate delle tasse relative allo scorso anno. In attesa della convocazione dell’Agenzia delle Entrate per il pagamento come devo comportarmi? È possibile stimare il tempo d’attesa della convocazione?

Risposta: Non è possibile effettuare una stima delle tempistiche tuttavia, trattandosi di redditi di imposta 2014 (parlando di dichiarazione 2015), è prevedibile che entro la fine dell’anno 2017pervenga una comunicazione di irregolarità ex art. 36 bis D.p.r. 600/1973. In tal caso potrà regolarizzare la sua situazione saldando quanto dovuto con l’aggiunta di una sanzione “agevolata” pari al 10% di quella ordinariamente prevista. Nel caso in cui si volesse invece sanare anticipatamente la sua situazione si potrà accedere all’istituto del ravvedimento operoso il quale prevede delle sanzioni agevolate che variano a seconda dei tempi di esecuzione del ravvedimento stesso. Tale istituto non richiede comunicazioni o convocazioni, è possibile attivarlo in qualsiasi momento antecedente al controllo dell’Agenzia delle Entrate.

 

REGIME DEI MINIMI: CHI PUÒ ACCEDERE AL FORFETTARIO

Quesito: Chi completa con il 2016 il quinquennio dei minimi ed ha un reddito di pensione superiore a 30.000 € pro/ anno può passare al regime forfettario a partire dal 2017?

Risposta: Non è possibile, ma non perché il passaggio da regime dei minimi al regime forfettario non sia di per sé possibile, ma perché la produzione di un altro reddito (sia questo anche derivante dalla pensione) superiore alla soglia minima prevista (30mila euro), non permette accesso a tale regime agevolato.

 

CONFLITTO CONTRIBUTI ENPAM-INPS: COME CI SI COMPORTA

Quesito: da quando sono pensione ricopro il ruolo di amministratore in una scuola di psicoterapia. Ho un compenso mensile ed ho sempre versato i contributi all’INPS. Qualche tempo fa l’Enpam mi ha comminato una multa secondo loro avrei dovuto versare i contributi appunto all’Enpam. Adesso in questa situazione paradossale ho dovuto pagare questa multa e naturalmente non riuscirò ad avere indietro quanto ho versato regolarmente all’Inps. Come si dipana questa matassa?

Risposta: Nel caso in cui i contributi previdenziali da lei versati negli anni all’Inps abbiano riguardato la sola attività di amministratore della Scuola – e non anche la sua attività professionale – non si potrà richiedere una ricongiunzione di quanto versato all’Inps e quanto richiesto dall’Enpam sembrerebbe dovuto. Differente è l’ipotesi in cui risulti che i contributi versati all’Inps siano stati calcolati negli anni tanto sul reddito derivante dall’attività di amministratore quanto da quello prodotto nello svolgimento dell’attività medica. Sembrerebbe dunque opportuna un analisi più approfondita della situazione da parte di un professionista.

 

 

Articoli correlati
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Enpam, ad aprile adeguamento pensioni: ecco le cifre. Oliveti: «Sempre attenti al costo crescente della vita»
Ci sarà un incremento di 83 centesimi ogni cento euro per le pensioni lorde sino a € 2.198,82 mensili. Oltre questo limite, l’aumento sarà dello 0,55% (pari al 50% dell’indice), cioè 55 centesimi ogni 100 euro
MMG, ultimi giorni per aumentare la pensione. Ecco come fare
Fino alla fine del mese resta aperta la finestra annuale per i medici di medicina generale che vogliono richiedere alla propria Asl l’incremento o la modifica dell’aliquota modulare
Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino
Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, contribuendo quindi ad aggravare la carenza di specialisti. In Legge di Bilancio, poi, i tagli dal 15% al 40% alle pensioni più alte. Ma il vicepresidente dell’Enpam Giovanni Malagnino tranquillizza i medici…
Fatturazione elettronica, medici e farmacisti esonerati dall’obbligo per il 2019
Approvato un emendamento di Emiliano Fenu (M5S) che va incontro ad alcuni rilievi del Garante della Privacy per il quale l'obbligo della fatturazione elettronica presenta incompatibilità con la normativa sulla protezione dei dati personali