Lavoro 26 marzo 2018

Contratto medici, Grasselli (FVM): «Senza nulla osta del Mef niente rivalutazione indennità di esclusività del rapporto»

Il Presidente della Federazione Medici e Veterinari ai nostri microfoni: «Siamo usciti da contrattazione ma continua il dialogo con l’Aran perché attendiamo rinnovo da 9 anni e non vogliamo perdere altro tempo»

L’impasse in cui si trova il dibattito sul contratto di lavoro della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria è «emblematica dello stallo in cui si trova il nostro Paese». In particolare, secondo Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Medici e Veterinari, ciò che continua a mancare è la «rivalutazione di indennità di esclusività», attesa da 18 anni. Nonostante questo, però, continua il confronto con l’Aran (l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni) perché «non possiamo perdere altro tempo». Il Presidente di FVM ai nostri microfoni spiega a 360 gradi i motivi per cui la questione del rinnovo del contratto è ancora ferma al palo.

Presidente Grasselli, parliamo di contratto del personale sanitario. A che punto ci troviamo?

«Il contratto di lavoro della dirigenza medica veterinaria e sanitaria è emblematica dello stallo del nostro Paese. Nessuno si prende la responsabilità di decidere su una questione molto chiara: nel contratto precedente non è stata rivalutata l’indennità di esclusività di rapporto che viene data ai medici perché gli è stata inibita l’attività libero-professionale in modo da difendere l’appartenenza al Servizio sanitario nazionale. Sono 18 anni che non viene rivalutata. Doveva succedere con questo contratto, ma manca il nulla osta del Ministero dell’Economia. Sembra che non si voglia fare altro che punire ancora una volta il personale della sanità, in particolare i medici, i veterinari e i sanitari. Evidentemente non è bastato il segnale delle ultime elezioni».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI ABBANDONANO TAVOLO POLITICO. FILIPPI (FP CGIL): «NON SIAMO ULTIMA RUOTA DEL CARRO. DIRIGENTI MEF ESCANO DA TORRE D’AVORIO»

Qualche vostra proposta per superare lo stallo?

«Il Ministero dell’Economia deve intervenire a breve e darci il nulla osta. Deve dire che ciò che chiediamo ha senso perché lo hanno riconosciuto plausibile anche le Regioni e lo dicono i contratti sottoscritti. Non c’è alcun impedimento, se non il fatto che l’intero Paese gravita intorno ai diktat del Mef. Evidentemente non esiste più l’autonomia della sanità e delle Regioni, ma c’è soltanto il Ministero dell’Economia che decide per tutti e regola la nostra vita. Noi però, bisogna ricordarlo, ci siamo ritirati dalla contrattazione, perché sino a quando non arriverà questo tipo di risposta non ci sono le condizioni per andare avanti. Il fatto che i nostri tecnici si confrontino con i colleghi dell’Aran per analizzare gli aspetti giuridici che potranno essere risolti avviene perché la categoria che sta negli ospedali, sul territorio, nei servizi e dà garanzie a questo Paese ha bisogno di un contratto dopo 9 anni e non possiamo far perdere altro tempo. Noi non siamo disposti a perdere altro tempo. Stiamo dunque portando avanti il lavoro sul piano tecnico ma senza una condivisione politica dell’indennità di esclusività del rapporto questo contratto non si può fare».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Fondo sanitario, Regioni approvano riparto 2019. Antonio Saitta: «SSN sottofinanziato, in nuovo Patto della Salute risorse certe»
Alla Conferenza delle Regioni suddiviso il Fondo di 111,2 miliardi. Il Presidente Stefano Bonaccini: «Così diamo un contributo importante alle successive azioni del ministero e consentiamo alle Regioni di avviare una programmazione in tempi certi». Sul tema dell’autonomia differenziata posizioni diverse dei governatori. L’Assessore alla Sanità del Piemonte: Su alcune materie, come la formazione, non possiamo stare con le mani in mano. Servino regole certe»
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
La nazionale italiana di medici sciatori è campione d’Europa | GUARDA IL VIDEO
A Moena, le gare di Super-G, Slalom Speciale e Slalom Gigante. Prossima tappa, i mondiali, previsti a Vipiteno per fine marzo. Luigi Bertinato, presidente della Squadra italiana medici sciatori: «Grandi professionisti nell'arte medica ma anche grandi atleti, che oltre a curare gli altri curano anche se stessi»
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...