Lavoro 31 Marzo 2020

Specialistica Ambulatoriale, approvato nuovo ACN. SUMAI: «Contiene strumenti idonei per arginare il Coronavirus»

La ratifica del nuovo Accordo Collettivo Nazionale avvenuta oggi da parte della Conferenza Stato-Regioni

La Conferenza Stato-Regioni ha ratificato il nuovo Accordo Collettivo Nazionale 2016-2018 per la disciplina dei rapporti con i Medici Specialisti Ambulatoriali Interni Veterinari ed altre Professionalità Sanitarie (Biologi, Chimici, Psicologi).

Secondo Antonio Magi, segretario generale del SUMAI Assoprof, «Il via libera da parte della Conferenza Stato-regioni è particolarmente importante perché, oltre a prevedere l’entrata in vigore del nuovo Accordo, dà modo alla specialistica ambulatoriale di mettere in campo gli strumenti idonei previsti dalle recenti normative per arginare il contagio da Coronavirus. L’approvazione – continua Magi – è importante perché l’ACN contiene quegli strumenti normativi che ci permettono di operare in contingenza con il drammatico momento che stiamo vivendo anche tramite attività in telemedicina e teleconsulto, nonché in smart working con la possibilità da parte degli specialisti di effettuare consulenze anche telefoniche o mediante piattaforme tramite il videoconsulto, sia con i pazienti che con i colleghi di medicina generale e di pediatria di libera scelta».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, MAGI (OMCEO ROMA): «NELLA CAPITALE SITUAZIONE STABILE. PARTITO IL CAMPER PER ASSICURARE L’ASSISTENZA SUL TERRITORIO»

«A questo – spiega ancora il Presidente SUMAI – si associa la possibilità di una più veloce assegnazione dei turni resisi vacanti per pensionamenti, e di effettuare l’incremento delle ore di specialistica fino al raggiungimento del massimale orario per poter supplire alla carenza di specialisti in quanto le Aziende dovranno pubblicare e assegnare le ore già deliberate nell’ambito dei finanziamenti consolidati nei loro bilanci con la possibilità di un ulteriore incremento per il 2020. Provvedimento previsto dal decreto legge 9 marzo 2020, n. 14 “Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19” che all’art. 5 prevede, come riferito dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella sua relazione alla Camera mercoledì 25 marzo, “per l’anno 2020 un ulteriore aumento del monte ore della specialistica ambulatoriale convenzionata interna”».

«Sappiamo tutti dell’impegno elevatissimo dei nostri colleghi ospedalieri e dei nostri colleghi di medicina generale e di tutto il personale sanitario. Gli specialisti ambulatoriali convenzionati interni in questo momento, in cui la maggior parte delle strutture si stanno trasformando in Covid Centre, sono chiamati a dare assistenza, nei poliambulatori pubblici, ai milioni di pazienti cronici che gravano sul territorio e che non possono essere certamente abbandonati. Questo ACN sarà uno strumento ulteriore per rafforzare, sotto il profilo della risposta sanitaria, quell’alleanza medico-paziente che oggi più che mai, a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, si rende necessaria».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 maggio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 29 maggio, il totale delle persone […]
La difficile marcia dell’Africa per contrastare il coronavirus (e le sue conseguenze)
Se il numero di malati di Covid-19 è molto inferiore rispetto ad altre aree del mondo, gli effetti della pandemia nel continente rischiano di essere particolarmente problematici: malnutrizione e crisi economiche potrebbero essere protagoniste dei prossimi mesi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, minacce a Sileri: viceministro della Salute sotto scorta
«Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo e aumentano i rischi». Lo ha affermato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, commentando la decisione di assegnargli una scorta […]
Farmaci e vaccini coronavirus, se la ricerca va più veloce delle autorizzazioni
Centri di ricerca e di analisi lavorano a pieno regime, spiega il New England Journal of Medicine: le autorizzazioni per analogia farmaceutica sono cruciali
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, 43mila infezioni di origine professionale denunciate all’Inail. Il 72% da Sanità e assistenza sociale
Pubblicato il terzo report elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, con la collaborazione della Direzione centrale organizzazione digitale. I casi mortali sono 171 (+42) e circa la metà riguarda il personale sanitario e socio-assistenziale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco