Lavoro 3 Aprile 2019

Specialisti ambulatoriali, intesa su Acn 2016-2019. Magi (SUMAI): «Superate problematiche della medicina veterinaria»

Intesa raggiunta in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019. Proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista

Tutela della maternità, applicazione completa della legge 104, superamento delle problematiche della medicina veterinaria, apertura più ampia per l’ingresso dei giovani specialisti, anticipazione della prestazione pensionistica per i colleghi in possesso dei requisiti previdenziali. Questi alcuni dei punti presenti nel nuovo Acn per gli specialisti ambulatoriali che il Sumai sta riscrivendo con la Sisac.

Il SUMAI Assoprof esprime grande soddisfazione per il raggiungimento di un intesa importante in merito al rinnovo dell’Acn 2016-2019, parte normativa e parte economica. «È un accordo – spiega Antonio Magi, segretario del SUMAI Assoprof – che stabilisce una nuova alleanza tra il nostro Sindacato e le regioni in difesa degli interessi della categoria degli specialisti ambulatoriali interni, di tutti i medici chirurghi e odontoiatri oltre alle professionalità dell’Area Sanitaria ovvero veterinari, biologi, chimici e psicologi».

«Il SUMAI Assoprof ha presentato numerose proposte migliorative della parte normativa a superamento delle criticità presenti nell’Acn attualmente vigente e più volte segnalate dalla categoria. In particolare si è proposto il riconoscimento delle tutele della maternità, l’applicazione completa della legge 104, non solo per i famigliari a carico ma anche per il singolo specialista. Il superamento delle problematiche della medicina veterinaria, sorte dopo l’Acn del 2015, l’apertura più ampia per l’ingresso dei giovani specialisti nell’area mediante la semplificazione dell’accesso tramite graduatoria e l’anticipazione della prestazione pensionistica per i colleghi in possesso dei requisiti previdenziali, con la disponibilità di nuove ore a vantaggio dei colleghi più giovani. Per quanto possibile, date le risorse disponibili, prosegue il percorso di perequazione retributiva dei professionisti. Si è proceduto inoltre all’aggiornamento della parte assicurativa al potenziamento delle opportunità formative Ecm e alla rivitalizzazione dei comitati regionali e zonali».

«Le trattative – conclude Magi – proseguiranno ora per definire un’adeguata rivalutazione economica un migliore riconoscimento della professionalità del medico e anche dell’odontoiatra e del lavoro in equipe».

Articoli correlati
Magi (Sumai): «Rafforzare medicina territoriale investendo sulla specialistica ambulatoriale»
In questo momento di particolare crisi purtroppo si sono manifestate quelle che erano e sono le deficienze del Servizio sanitario nazionale dettate da alcune politiche sbagliate del passato ma anche da una crisi economica che ha portato a piani di rientro e a un blocco delle assunzioni. È stato privilegiato l’aspetto economico rispetto a quello […]
di Antonio Magi, Segretario Generale Sumai
«Care Regioni, assumete altri specialisti ambulatoriali altrimenti le liste d’attesa esploderanno»
di Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof
di Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
Specialistica. Magi (Sumai): «Il 25 maggio contiamo di riaprire gli ambulatori»
Obiettivo la riapertura nel Lazio dei poliambulatori specialistici nella massima sicurezza per i Pazienti e gli Operatori
«Io proteggerò la tua vita e la tua dignità»: il “Manifesto deontologico” degli infermieri per l’emergenza COVID-19
«Bisogna investire per far diventare permanente la percezione sociale del ruolo dell’infermiere, fatta anche del contenuto etico della professione» afferma la presidente FNOPI, Barbara Mangiacavalli. Ecco gli undici impegni degli infermieri per i cittadini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco