Lavoro 27 Agosto 2021 15:35

SNAMI: «Fuga dalla Medicina generale, si aggravano le carenze»

Attacchi contro i professionisti e nuovi compiti assegnati durante la pandemia hanno peggiorato la situazione: si fugge dalla medicina del territorio, con il rischio di aumentare ulteriormente carenze già evidenti

SNAMI: «Fuga dalla Medicina generale, si aggravano le carenze»

Un allarme che segue quello che già era stato sottolineato dai risultati del test per le specializzazioni mediche. A lanciarlo il Sindacato nazionale autonomo medici italiani (SNAMI): «Dopo anni di battaglie, comunicati e incontri per la prima volta i contratti post-lauream superano le richieste formative dei medici. Un precedente unico destinato però a scuotere la medicina generale».

Medicina del territorio in affanno

La medicina del territorio è in affanno e risulta sempre meno attraente per i giovani professionisti, che scegliendo altre strade aumentano sempre più la carenza di personale. «Già per il corso di formazione specifica in medicina generale 2020-2023 vi sarà una perdita di contratti senza precedenti, di pari passo all’aumento delle borse delle scuole di specializzazione in medicina, secondo i dati emersi con la pubblicazione delle graduatorie del concorso di specializzazione 2020/2021», si legge in una nota.

«Le carenze in tutti i settori della medicina generale – dice Federico Di Renzo, responsabile nazionale Snami Giovani medici, precari e formazione – già in enorme affanno oramai in ogni area del Paese, si acuiranno a seguito dell’inizio delle attività delle scuole di specializzazione. Il numero programmato della Conferenza delle regioni e dal ministero della salute sarà ampiamente superato in quanto l’algoritmo del calcolo del fabbisogno non prevede i contratti persi durante il triennio o l’eventuale scelta del medico già con attestato in medicina generale di intraprendere un percorso specialistico».

Attacchi e nuovi compiti

Matteo Picerna, presidente provinciale SNAMI Trieste, punta il dito contro gli attacchi che giornalmente la medicina generale subisce e sui nuovi compiti che la pandemia ha “scaricato” sui medici territoriali. «Le ombre lanciate dal Pnrr sulla medicina del territorio, rifugium peccatorum delle carenze strutturali del SSN, ed i continui attacchi rivolti al medico di medicina generale con le relative incombenze aggiuntive della pandemia (vaccinazioni, tamponi, green pass, certificato di quarantena, di isolamento, di assenza dal lavoro ecc.) sono valse l’esodo dalla medicina territoriale».

«Plaudiamo all’aumento di 900 borse per il prossimo triennio previsto dal Pnrr ma siamo consapevoli che, senza l’immediata l’abolizione del punteggio minimo (60 su 100) e senza una riforma del sistema formativo in futuro, buona parte dei contratti non verranno assegnati per carenza di vincitori di concorso», aggiunge Raffaele Santoro, segretario provinciale Snami Matera.

«Corso di formazione in Medicina generale diventi specializzazione universitaria»

«Chiediamo pertanto, ancora una volta, che il corso di formazione specifica in Medicina generale diventi un corso specialistico universitario – specifica Simona Autunnali, vice segretario nazionale – con l’armonizzazione dei processi per l’accesso ai contratti post-lauream».

Snami chiede inoltre «una revisione globale dei programmi formativi della medicina generale ed una riforma della specializzazioni con un sistema skill advancement per integrare i processi formativi affini. Per evitare di lasciare scoperte zone assistenziali strategiche (dalle cliniche private alle guardie mediche, dalle Rsa all’emergenza-urgenza) – conclude Angelo Testa – è fondamentale rivedere la questione incompatibilità, abolendo di fatto le innumerevoli limitazioni poste per i corsisti di medicina generale. Inoltre, per la grave carenza di medici nel territorio, vanno riviste ed abolite anche molte incompatibilità dei medici di medicina generale dell’intero comparto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali
Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
In estate PS nel caos, con carenza medici famiglia sistemi di cura in tilt
Dagli scarsi posti disponibili al Corso di formazione specifica in Medicina Generale ai ritardi nella pubblicazione dei bandi di concorso. Da Consulcesi una task force per cercare soluzioni legali utili. Graduatoria 2020-2023: ultimi giorni per fare ricorso
Quei giorni a Vo’ Euganeo epicentro del Covid. Il racconto del Cavaliere al merito Mariateresa Gallea
Insieme ad altri due colleghi, Gallea è stata tra i primi medici a recarsi nella cittadina divenuta zona rossa. Un impegno che le è valso l’onorificenza da parte del Presidente della Repubblica. «Non c’è stato tempo per pensare, la decisione è stata presa in poche ore. Qualcuno doveva ricoprire il ruolo fondamentale di medico di famiglia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...