Lavoro 15 Luglio 2019 11:14

Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»

La denuncia della segretaria nazionale Cisl Funzione Pubblica, Marianna Ferruzzi: «A tutt’oggi la disponibilità del Ministro Grillo la leggo solo sui giornali». Intanto il contratto della sanità privata è fermo da 12 anni

Sanità privata senza contratto, Ferruzzi (Cisl FP): «Non c’è un’interlocuzione con il Ministro»

Rinnovo del contratto e pari condizioni economiche per i professionisti della sanità privata, sono le richieste delle sigle sindacali confederali CGIL, CISL e UIL che da mesi stanno denunciando lo stallo delle trattative con Regioni e Ministero della Salute. Durante la cosiddetta “Maratona” di tre giorni in cui sono stati ascoltate le associazioni di categoria interessate dal Patto per la Salute, abbiamo avuto l’occasione di intervistare Marianna Ferruzzi, segretaria nazionale Cisl FP per fare il punto della situazione.

«Il contratto della sanità privata non viene rinnovato da più di 12 anni», ci ricorda Ferruzzi. «Questo è uno dei grandi temi che noi oggi abbiamo sul tavolo, perché non si può pensare di continuare ad operare dentro un sistema pubblico come quello della nostra sanità, senza rinnovare il contratto di lavoro alle professioniste e ai professionisti che operano con professionalità dentro questo settore. Questo è un grande tema. Noi siamo arrivati a chiedere al Presidente della Conferenza delle Regioni di inserire dentro il Patto per la Salute un meccanismo per il quale, se i datori di lavoro privati non rinnovano il contratto di lavoro entro un tempo assolutamente congruo da quello nel quale è stato rinnovato il contratto di lavoro dei dipendenti pubblici a pari condizioni economiche, devono essere revocati gli accreditamenti»

LEGGI: SANITÀ PRIVATA, STALLO SU RINNOVO CONTRATTO. CGIL-CISL-UIL: «CHIEDEREMO INCONTRO A MINISTRO GRILLO. PRONTI A INIZIATIVE DI LOTTA»

«In questo momento non c’è un’interlocuzione con il Ministro», denuncia ancora Marianna Ferruzzi che nei tre minuti concessi ad ogni attore presente durante la maratona di interventi al Ministero della Salute, ha ricordato lo stato di impasse in cui si trova la vertenza. «Noi siamo venuti perché se questa era l’unica occasione – continua Ferruzzi – come Cisl funzione pubblica non ce la siamo sentita di non far sentire la nostra voce. Però c’è la necessità di aprire una modalità di interlocuzione completamente diversa con il Ministero della Salute, perché a tutt’oggi quest’interlocuzione è mancata sia sulle richieste che abbiamo rappresentato come categorie sia sulle richieste che sono state rappresentate dalle confederazioni CGIL, CISL e UIL. A tutt’oggi la disponibilità del Ministro la leggo solo sui giornali. La posso misurare nel momento in cui il Ministro convoca CGIL, CISL e UIL che complessivamente rappresentano oltre il 70% delle professioni che lavorano in questo settore, nel pubblico per non parlare del privato. Cominciamo a ragionare nel merito delle cose».

Articoli correlati
Contratto, Grasselli (FVM): «La pandemia non sia un’occasione sprecata»
Intervista al Presidente della Federazione Veterinari e Medici: «Servono innovazione e premialità»
Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»
Jessica Faroni, presidente di Aiop Lazio, rimarca ai nostri microfoni: «L'Ospedalità privata è accanto al Ssn di cui fa parte, le strutture sono pronte a vaccinare». Come già succede in qualche città
Dai contratti alle liste di attesa, parla Cittadini (AIOP): «Regioni in ritardo su intesa. Ora modificare norma su tetto di spesa»
Colloquio con la presidente dell’Associazione ospedalità privata che spiega perché non si procede al rinnovo del contratto dei medici: «Siamo ancora in attesa che 8-9 regioni diano seguito a quello del comparto». E sulle liste di attesa chiede al MEF «di estendere la norma del Dl agosto 2020: Speranza è d’accordo». Poi lancia l’allarme: «Senza un decreto sulle tariffe Covid non sappiamo come classificare le prestazioni»
Sanità, Cittadini (AIOP): «Serve una riforma strutturale del SSN e una forte sinergia tra la sua componente di diritto pubblico e quella di diritto privato»
«Non è più accettabile, ma soprattutto è controproducente, un approccio che prevede solo tagli lineari, spesa a silos e blocco delle risorse» ha spiegato la Presidente AIOP in audizione presso la Commissione Sanità del Senato
CIMO-FESMED: «98% di Aziende sanitarie non hanno applicato contratto. Medici penalizzati e con condizioni di 15 anni fa»
La Federazione: «Bene patto per lavoro e coesione sociale, ma in sanità servono tempi certi per contrattazione decentrata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM