Lavoro 10 Dicembre 2019

Sanità, Paola Pedrini (FIMMG Lombardia) è il segretario più giovane d’Italia. «Micro team e telemedicina per rinnovare»

«Il primo passo è l’accordo regionale Lombardia 2020 dove verranno chiesti più incentivi per il personale di studio e il sostegno dei giovani medici nell’avvio della propria attività di medicina convenzionata. La cronicità rimane la sfida principale» così Paola Pedrini, alla guida di FIMMG Lombardia

di Federica Bosco
Immagine articolo

Ricambio generazionale e innovazione tecnologica. Questi gli ambiti su cui Paola Pedrini, eletta alla guida di FIMMG Lombardia lo scorso novembre, intende intervenire. Bergamasca, 37 anni, Paola è il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina generale più giovane d’Italia. Un primato che, con l’essere donna, rappresenta un valore aggiunto in un momento di grande cambiamento per la categoria. È lei stessa a raccontarlo.

«La mia visione è quella dei giovani medici che entrano nella professione in una realtà completamente diversa rispetto a trent’anni fa, la medicina generale è in una fase in cui deve necessariamente evolvere».

Come intende impostare il nuovo corso?

«Sicuramente punterò sulle aggregazioni; il lavoro in micro-team è il futuro, quindi i medici di medicina generale saranno affiancati da personale sanitario e amministrativo, con la possibilità di utilizzare nuovi strumenti diagnostici e valorizzare la telemedicina negli studi».

Un ricambio generazionale che deve fare i conti con la carenza di medici però…

«In realtà, in Lombardia il numero dei corsisti è aumentato ed adeguato alle necessità del territorio. Purtroppo, queste modifiche sono state fatte un pochino tardi perciò per alcuni anni ci saranno dei problemi perché i pensionamenti sono superiori agli ingressi e si dovranno studiare soluzioni temporanee, in attesa che i corsisti entrino nella professione».

Questo è l’anno della medicina di genere, quale cambiamento porterà per i medici di medicina generale? .

«Il tema mi è particolarmente caro, perché faccio parte della commissione FNOMCeO sulla medicina di genere. Posso dire che sta partendo un piano di sensibilizzazione attraverso gli ordini sanitari sul tema, come previsto dall’Articolo 3 del decreto-legge approvato lo scorso mese di giugno, per stimolare la formazione a partire dalle Università, ma anche la formazione continua dei medici proprio perché c’è ancora poca conoscenza e deve essere diffusa maggiormente».

Proprio il tema della formazione continua è molto dibattuto, cosa ne pensa?

«Beh, la formazione è importante e proprio per questo vanno pensati dei percorsi adeguati ad ogni medico, secondo la propria attività e interesse e va resa più disponibile a tutti in modo da rendere il medico in condizione di formarsi. Ci sono ad esempio corsi a distanza di qualità che permettono ai medici di rimanere al passo».

Per il 2020 quale sarà la sfida?

«Il primo passo è l’accordo regionale Lombardia 2020 dove verranno chiesti più incentivi per il personale di studio, che è un aiuto fondamentale per strutturare meglio l’attività lavorativa dei medici di medicina generale e per garantire una vera continuità di cura. Gli altri temi fondamentali saranno il sostegno dei giovani medici nell’avvio della propria attività di medicina convenzionata, senza dimenticare le aree disagiate, pensando alla medicina di aggregazione ma con soluzioni funzionali alle caratteristiche del territorio. La cronicità rimane la sfida principale a causa dei cambiamenti demografici della popolazione. E infine la collaborazione con gli altri operatori sanitari».

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Aggressioni, FNOMCeO in audizione alla Camera: «Applicare procedibilità d’ufficio»
Il presidente Anelli: «Aumentare la sicurezza delle sedi, formare e informare datori di lavoro e operatori e ricostruire un patto di fiducia tra medici e cittadini. Serve cambiamento culturale»
Aifa, Nicola Magrini è il nuovo Direttore Generale
Via libera delle Regioni alla nomina proposta dal Ministro della Salute, Roberto Speranza. Medico e farmacologo clinico, è anche segretario del comitato per i farmaci di base dell'Oms. Anelli (Fnomceo): «Sua esperienza professionale sarà una guida preziosa. Ribadiamo l'appello a coinvolgere i medici nei tavoli dell'Aifa»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...