Formazione 1 Agosto 2019

Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»

«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao

Quali sono le iniziative, le azioni e le agevolazioni pensate e introdotte dall’OMCeO Roma per i giovani medici e odontoiatri? Lo abbiamo chiesto a Brunello Pollifrone, presidente del Cao Roma (Commissione Albo Odontoiatri) a margine del Giuramento di Ippocrate per seicento iscritti organizzato proprio dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma.

 «A cosa serve l’ordine e cosa fa per i neolaureati e giovani medici? È una domanda che sento fare spesso», ha esordito il presidente Pollifrone. In primis, l’OMCeO Roma supporta gli aspiranti medici già dal quarto e quinto anno di Università, grazie agli accordi stretti con alcune con le università romane: «Noi abbiamo a Roma una forte organizzazione e portiamo un grande rispetto per i neolaureati; infatti – ha spiegato il presidente – per prima cosa, già nella fase universitaria, al quinto e sesto anno, li accompagniamo con i corsi di avviamento alla professione. Sono corsi che abbiamo concordato con le università romane (Cattolica, Sapienza, Tor Vergata) per cui insieme i giovani e grazie ai nostri docenti interni medici noi possiamo creare percorsi e strategie di approccio alla professione e individuare quali sono passaggi fondamentali per poter iniziare a fare i medici o gli odontoiatri».

Ebbene, il primo obiettivo è quindi avviarli alla professione; quali sono i passaggi successivi? «Oltre a garantire un sostegno nella prima fase di avvicinamento alla professione e nella ricerca del lavoro a giovani medici e odontoiatri, gli diamo un supporto come neoiscritti. Intanto, gli facciamo pagare metà quota, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni. In seguito, gli offriamo consulenze gratuite su situazioni commerciali, ad esempio come aprire la partita Iva. Vogliono aprire uno studio? Gli forniamo l’aiuto di esperti. Hanno bisogno di una consulenza legale di tipo civile? Noi siamo pronti con avvocato gratuito che affianca il giovane medico o odontoiatra nel loro percorso».

L’Ordine è riuscito anche a smuovere la lenta burocrazia italiana e le lungaggini: «Con il supporto della Regione Lazio, i giovani medici possono aprire uno studio medico e odontoiatrico in 24 ore. Sembra incredibile, perché la burocrazia in Italia affanna ma noi siamo riusciti a farlo. Come? Attraverso l’istituzione di studi polimedici e multispecialistici. Non solo si possono aprire in 24 ore ma ci possono lavorare il medico anziano, il pediatra ed il giovane condividendo gli spazi e le spese. Anche l’Enpam lavora in questo senso con la possibilità di iscriversi al fondo di previdenza per garantire tutele, penso alla maternità: abbiamo aiutato studentesse non ancora laureate attraverso un fondo di solidarietà. Un sostegno economico per portare avanti la gravidanza e poi per il nido o la babysitter. Inoltre – ha concluso Pollifrone – l’Enpam consente ai neoiscritti di accedere a mutui agevolati per acquistare la prima casa o uno studio. Un altro modo per aiutare i giovani sul piano sociale e lavorativo».

Articoli correlati
Formazione ECM, agevolazioni per i medici delle aree terremotate. La decisione in una delibera della Commissione
L’agevolazione riguarderà tutti i camici bianchi in servizio nei territori colpiti dal terremoto 2016 e 2017
Oncologia, INSIDE: il macchinario che monitora in tempo reale la radioterapia
CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, insieme all’INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all’Università di Pisa, alla Sapienza Università di Roma e al Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche “Enrico Fermi”, ha avviato la sperimentazione di un sistema di imaging in grado di ‘fotografare’ i fasci di protoni e ioni carbonio utilizzati […]
“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona
Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi - spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro - sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»
di Isabella Faggiano
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
«Ddl Antiviolenza senza fondi», la denuncia della senatrice Boldrini (PD). Ecco cosa non è stato fatto
Dalle modifiche al domicilio alla formazione professionale, la senatrice del Partito Democratico, Paola Boldrini spiega in un’intervista le ragioni che in XII Commissione Igiene e Sanità hanno portato l’opposizione ad astenersi dal votare il provvedimento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone