Formazione 1 Agosto 2019

Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»

«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao

Quali sono le iniziative, le azioni e le agevolazioni pensate e introdotte dall’OMCeO Roma per i giovani medici e odontoiatri? Lo abbiamo chiesto a Brunello Pollifrone, presidente del Cao Roma (Commissione Albo Odontoiatri) a margine del Giuramento di Ippocrate per seicento iscritti organizzato proprio dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma.

 «A cosa serve l’ordine e cosa fa per i neolaureati e giovani medici? È una domanda che sento fare spesso», ha esordito il presidente Pollifrone. In primis, l’OMCeO Roma supporta gli aspiranti medici già dal quarto e quinto anno di Università, grazie agli accordi stretti con alcune con le università romane: «Noi abbiamo a Roma una forte organizzazione e portiamo un grande rispetto per i neolaureati; infatti – ha spiegato il presidente – per prima cosa, già nella fase universitaria, al quinto e sesto anno, li accompagniamo con i corsi di avviamento alla professione. Sono corsi che abbiamo concordato con le università romane (Cattolica, Sapienza, Tor Vergata) per cui insieme i giovani e grazie ai nostri docenti interni medici noi possiamo creare percorsi e strategie di approccio alla professione e individuare quali sono passaggi fondamentali per poter iniziare a fare i medici o gli odontoiatri».

Ebbene, il primo obiettivo è quindi avviarli alla professione; quali sono i passaggi successivi? «Oltre a garantire un sostegno nella prima fase di avvicinamento alla professione e nella ricerca del lavoro a giovani medici e odontoiatri, gli diamo un supporto come neoiscritti. Intanto, gli facciamo pagare metà quota, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni. In seguito, gli offriamo consulenze gratuite su situazioni commerciali, ad esempio come aprire la partita Iva. Vogliono aprire uno studio? Gli forniamo l’aiuto di esperti. Hanno bisogno di una consulenza legale di tipo civile? Noi siamo pronti con avvocato gratuito che affianca il giovane medico o odontoiatra nel loro percorso».

L’Ordine è riuscito anche a smuovere la lenta burocrazia italiana e le lungaggini: «Con il supporto della Regione Lazio, i giovani medici possono aprire uno studio medico e odontoiatrico in 24 ore. Sembra incredibile, perché la burocrazia in Italia affanna ma noi siamo riusciti a farlo. Come? Attraverso l’istituzione di studi polimedici e multispecialistici. Non solo si possono aprire in 24 ore ma ci possono lavorare il medico anziano, il pediatra ed il giovane condividendo gli spazi e le spese. Anche l’Enpam lavora in questo senso con la possibilità di iscriversi al fondo di previdenza per garantire tutele, penso alla maternità: abbiamo aiutato studentesse non ancora laureate attraverso un fondo di solidarietà. Un sostegno economico per portare avanti la gravidanza e poi per il nido o la babysitter. Inoltre – ha concluso Pollifrone – l’Enpam consente ai neoiscritti di accedere a mutui agevolati per acquistare la prima casa o uno studio. Un altro modo per aiutare i giovani sul piano sociale e lavorativo».

Articoli correlati
Finanziaria 2020, tra obbligo di Pos e oneri accessori ecco cosa cambia per i professionisti della sanità
I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Sanità, Fp Cgil Medici: «Serve riforma Enpam e Ordini professionali»
«Non è più rinviabile una riforma complessiva della gestione dell’Enpam così come quella degli Ordini professionali». Ad affermarlo è Andrea Filippi, il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, alla luce di quanto emerso sulle retribuzioni del presidente dell’Ente di previdenza ed assistenza dei medici e degli odontoiatri, aggiungendo che: «Da anni chiediamo […]
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Scuole di specializzazione, sempre più chirurghe in corsia. I risultati dello studio Anaao Giovani
Pubblicata un'analisi comparativa sulle scelte di genere delle scuole di specializzazione medica
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...