Formazione 1 Agosto 2019 14:37

Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»

«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao

Quali sono le iniziative, le azioni e le agevolazioni pensate e introdotte dall’OMCeO Roma per i giovani medici e odontoiatri? Lo abbiamo chiesto a Brunello Pollifrone, presidente del Cao Roma (Commissione Albo Odontoiatri) a margine del Giuramento di Ippocrate per seicento iscritti organizzato proprio dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma.

 «A cosa serve l’ordine e cosa fa per i neolaureati e giovani medici? È una domanda che sento fare spesso», ha esordito il presidente Pollifrone. In primis, l’OMCeO Roma supporta gli aspiranti medici già dal quarto e quinto anno di Università, grazie agli accordi stretti con alcune con le università romane: «Noi abbiamo a Roma una forte organizzazione e portiamo un grande rispetto per i neolaureati; infatti – ha spiegato il presidente – per prima cosa, già nella fase universitaria, al quinto e sesto anno, li accompagniamo con i corsi di avviamento alla professione. Sono corsi che abbiamo concordato con le università romane (Cattolica, Sapienza, Tor Vergata) per cui insieme i giovani e grazie ai nostri docenti interni medici noi possiamo creare percorsi e strategie di approccio alla professione e individuare quali sono passaggi fondamentali per poter iniziare a fare i medici o gli odontoiatri».

Ebbene, il primo obiettivo è quindi avviarli alla professione; quali sono i passaggi successivi? «Oltre a garantire un sostegno nella prima fase di avvicinamento alla professione e nella ricerca del lavoro a giovani medici e odontoiatri, gli diamo un supporto come neoiscritti. Intanto, gli facciamo pagare metà quota, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni. In seguito, gli offriamo consulenze gratuite su situazioni commerciali, ad esempio come aprire la partita Iva. Vogliono aprire uno studio? Gli forniamo l’aiuto di esperti. Hanno bisogno di una consulenza legale di tipo civile? Noi siamo pronti con avvocato gratuito che affianca il giovane medico o odontoiatra nel loro percorso».

L’Ordine è riuscito anche a smuovere la lenta burocrazia italiana e le lungaggini: «Con il supporto della Regione Lazio, i giovani medici possono aprire uno studio medico e odontoiatrico in 24 ore. Sembra incredibile, perché la burocrazia in Italia affanna ma noi siamo riusciti a farlo. Come? Attraverso l’istituzione di studi polimedici e multispecialistici. Non solo si possono aprire in 24 ore ma ci possono lavorare il medico anziano, il pediatra ed il giovane condividendo gli spazi e le spese. Anche l’Enpam lavora in questo senso con la possibilità di iscriversi al fondo di previdenza per garantire tutele, penso alla maternità: abbiamo aiutato studentesse non ancora laureate attraverso un fondo di solidarietà. Un sostegno economico per portare avanti la gravidanza e poi per il nido o la babysitter. Inoltre – ha concluso Pollifrone – l’Enpam consente ai neoiscritti di accedere a mutui agevolati per acquistare la prima casa o uno studio. Un altro modo per aiutare i giovani sul piano sociale e lavorativo».

Articoli correlati
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Intesa tra Ordine TSRM PSTRP e OMCeO Roma: «Subito un tavolo in Regione con le professioni sanitarie»
Al centro dell’incontro tra le due delegazioni i tanti temi che caratterizzano l’attuale dibattito sanitario: dalla riforma dell’assistenza sanitaria territoriale alla carenza dei professionisti
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.