Giovani 1 Agosto 2019

Giovani medici, Pollifrone (Cao Roma): «Ecco come l’Ordine vi supporta e agevola nell’avviamento alla professione»

«Corsi formativi, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni, le consulenze legali e commerciali da parte nei nostri esperti e l’apertura di uno studio medico in sole 24 ore» così Brunello Pollifrone, Presidente Cao

Quali sono le iniziative, le azioni e le agevolazioni pensate e introdotte dall’OMCeO Roma per i giovani medici e odontoiatri? Lo abbiamo chiesto a Brunello Pollifrone, presidente del Cao Roma (Commissione Albo Odontoiatri) a margine del Giuramento di Ippocrate per seicento iscritti organizzato proprio dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Roma.

 «A cosa serve l’ordine e cosa fa per i neolaureati e giovani medici? È una domanda che sento fare spesso», ha esordito il presidente Pollifrone. In primis, l’OMCeO Roma supporta gli aspiranti medici già dal quarto e quinto anno di Università, grazie agli accordi stretti con alcune con le università romane: «Noi abbiamo a Roma una forte organizzazione e portiamo un grande rispetto per i neolaureati; infatti – ha spiegato il presidente – per prima cosa, già nella fase universitaria, al quinto e sesto anno, li accompagniamo con i corsi di avviamento alla professione. Sono corsi che abbiamo concordato con le università romane (Cattolica, Sapienza, Tor Vergata) per cui insieme i giovani e grazie ai nostri docenti interni medici noi possiamo creare percorsi e strategie di approccio alla professione e individuare quali sono passaggi fondamentali per poter iniziare a fare i medici o gli odontoiatri».

Ebbene, il primo obiettivo è quindi avviarli alla professione; quali sono i passaggi successivi? «Oltre a garantire un sostegno nella prima fase di avvicinamento alla professione e nella ricerca del lavoro a giovani medici e odontoiatri, gli diamo un supporto come neoiscritti. Intanto, gli facciamo pagare metà quota, il 50% della quota d’iscrizione per i primi tre anni. In seguito, gli offriamo consulenze gratuite su situazioni commerciali, ad esempio come aprire la partita Iva. Vogliono aprire uno studio? Gli forniamo l’aiuto di esperti. Hanno bisogno di una consulenza legale di tipo civile? Noi siamo pronti con avvocato gratuito che affianca il giovane medico o odontoiatra nel loro percorso».

L’Ordine è riuscito anche a smuovere la lenta burocrazia italiana e le lungaggini: «Con il supporto della Regione Lazio, i giovani medici possono aprire uno studio medico e odontoiatrico in 24 ore. Sembra incredibile, perché la burocrazia in Italia affanna ma noi siamo riusciti a farlo. Come? Attraverso l’istituzione di studi polimedici e multispecialistici. Non solo si possono aprire in 24 ore ma ci possono lavorare il medico anziano, il pediatra ed il giovane condividendo gli spazi e le spese. Anche l’Enpam lavora in questo senso con la possibilità di iscriversi al fondo di previdenza per garantire tutele, penso alla maternità: abbiamo aiutato studentesse non ancora laureate attraverso un fondo di solidarietà. Un sostegno economico per portare avanti la gravidanza e poi per il nido o la babysitter. Inoltre – ha concluso Pollifrone – l’Enpam consente ai neoiscritti di accedere a mutui agevolati per acquistare la prima casa o uno studio. Un altro modo per aiutare i giovani sul piano sociale e lavorativo».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
E-cig, Rosastella Principe (pneumologa): «Acquistare solo da rivenditori autorizzati. È una moda pericolosa tra i giovani»
«Esistono studi che hanno evidenziato sostanze cancerogene sia nelle e-cig che in quelle a tabacco riscaldato: aldeidi, metalli e altri elementi irritanti. Le sigarette elettroniche non sono prive di rischi e non possono essere considerate innocue». Così la Responsabile del Centro per la prevenzione e la terapia del tabagismo dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma
Formazione ECM, Petrella (SIC): «L’aggiornamento professionale è un dovere e un bene per noi e per i pazienti»
«La formazione professionale deve essere continua, i progressi in medicina sono quotidiani e bisogna essere sempre informati. Io, alla mia età, ancora oggi mi aggiorno, è un dovere soprattutto per noi chirurghi» così il Professor Petrella, che dal Congresso SIC ha lanciato i risultati di una ricerca dell’Università Tor Vergata: «Il 60% degli specializzandi vuole lavorare all'estero e l'80% è preoccupato per i contenziosi. Occorre un piano “su misura” per dare risposte ai giovani professionisti e suturare questa emorragia»
di Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Salute

Super batterio New Delhi, nuova vittima in Toscana. Rezza (ISS): «Colonizza l’intestino, fondamentale rispettare prassi igienico-ospedaliere»

L’epidemia si sta allargando nella Regione. «Tra novembre 2018 e agosto 2019 è stato isolato nel sangue di 75 pazienti. Letale nel 40% dei pazienti con sepsi» specifica l’Ars Toscana. Rezza (Is...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...