Lavoro 25 maggio 2016

Rimborsi agli ex specializzandi 78-2006. Un DDL unico al Senato sblocca la transazione

ESCLUSIVA – Il provvedimento presentato dal Senatore Piero Aiello e firmato da altri 20 parlamentari di maggioranza e opposizione garantisce il rimborso solo a chi avrà avviato l’azione legale

Immagine articolo

Il Disegno di legge che rimborserà gli ex specializzandi che non hanno ricevuto la borsa di studio è arrivato in Parlamento.

Il testo (atto Senato n. 2400) è stato presentato dal senatore Piero Aiello (Ncd) insieme ad altri 20 firmatari (si contano Senatori di maggioranza e opposizione, provenienti da partiti come Area Popolare, Forza Italia e, per la prima volta su questo tema, anche dal Movimento 5 Stelle) e unisce e supera i tre Ddl analoghi già presentati sul tema: parliamo degli Atti Senato 679, 1269 e 1548, presentati tra il 2013 e il 2014.

 

Questo nuovo e, con ogni probabilità, decisivo Ddl, arriva poco tempo dopo la recente mozione firmata da ventuno senatori, e traccia la strada da seguire per chiudere una volta per tutte il contenzioso che vede contrapporsi, ormai da decenni, i camici bianchi che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006 e lo Stato che, a discapito delle indicazioni provenienti da specifiche direttive europee, non li ha pagati. Negli anni la giurisprudenza ha preso una direzione ben precisa, con i Tribunali di tutta Italia che continuano a dare ragione ai medici che fanno ricorso per ottenere il rimborso di quanto non corrisposto. Il rischio di esborso totale da parte delle casse pubbliche è calcolato in diversi miliardi di euro. Basti pensare che, ad oggi, i medici ex specializzandi che si sono affidati al giudice hanno già vinto, complessivamente, quasi mezzo miliardo, completamente esentasse. La quasi totalità di questi rimborsi (si parla di una cifra che supera di molto i 400 milioni) sono stati riconosciuti ai medici che hanno fatto ricorso tramite Consulcesi, tra le realtà di tutela della classe medica più attive su questo fronte e da tempo sostenitrice di una soluzione legislativa di questo tipo.

Articoli correlati
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi