Lavoro 25 Maggio 2016

Rimborsi agli ex specializzandi 78-2006. Un DDL unico al Senato sblocca la transazione

ESCLUSIVA – Il provvedimento presentato dal Senatore Piero Aiello e firmato da altri 20 parlamentari di maggioranza e opposizione garantisce il rimborso solo a chi avrà avviato l’azione legale

Immagine articolo

Il Disegno di legge che rimborserà gli ex specializzandi che non hanno ricevuto la borsa di studio è arrivato in Parlamento.

Il testo (atto Senato n. 2400) è stato presentato dal senatore Piero Aiello (Ncd) insieme ad altri 20 firmatari (si contano Senatori di maggioranza e opposizione, provenienti da partiti come Area Popolare, Forza Italia e, per la prima volta su questo tema, anche dal Movimento 5 Stelle) e unisce e supera i tre Ddl analoghi già presentati sul tema: parliamo degli Atti Senato 679, 1269 e 1548, presentati tra il 2013 e il 2014.

 

Questo nuovo e, con ogni probabilità, decisivo Ddl, arriva poco tempo dopo la recente mozione firmata da ventuno senatori, e traccia la strada da seguire per chiudere una volta per tutte il contenzioso che vede contrapporsi, ormai da decenni, i camici bianchi che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006 e lo Stato che, a discapito delle indicazioni provenienti da specifiche direttive europee, non li ha pagati. Negli anni la giurisprudenza ha preso una direzione ben precisa, con i Tribunali di tutta Italia che continuano a dare ragione ai medici che fanno ricorso per ottenere il rimborso di quanto non corrisposto. Il rischio di esborso totale da parte delle casse pubbliche è calcolato in diversi miliardi di euro. Basti pensare che, ad oggi, i medici ex specializzandi che si sono affidati al giudice hanno già vinto, complessivamente, quasi mezzo miliardo, completamente esentasse. La quasi totalità di questi rimborsi (si parla di una cifra che supera di molto i 400 milioni) sono stati riconosciuti ai medici che hanno fatto ricorso tramite Consulcesi, tra le realtà di tutela della classe medica più attive su questo fronte e da tempo sostenitrice di una soluzione legislativa di questo tipo.

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone