Lavoro 15 Ottobre 2019 08:10

Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»

La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia

di Cesare Buquicchio
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»

La Legge 24/2017 non solo incoraggia le buone pratiche e i percorsi virtuosi di rischio clinico, ma invita a raccogliere i dati dei contenziosi medico-legali e degli eventi avversi per capirne le cause e individuare le soluzioni.

La Società Italiana di Chirurgia (Sic) nel corso del 121° Congresso Nazionale, ha voluto dedicare un’importante sessione al settore generale della responsabilità sanitaria. Nel corso dei lavori congressuali, si è parlato anche della necessità di promuovere il dialogo tra specialisti sulla gestione del rischio clinico e del contenzioso medico-legale. Inoltre, docenti universitari e medici si sono confrontati sulle principali novità normative e giurisprudenziali che interessano la responsabilità sanitaria. Tra i relatori anche la professoressa Paola Frati, con un approfondimento sulle criticità e nuove prospettive della Legge 24/2017.

Professoressa Frati, dal congresso della società italiana di chirurgia un interessante focus sulla Legge Gelli che deve cambiare il rapporto tra medico e paziente…

«Sì, al congresso Sic c’è stato un focus importantissimo sulla responsabilità professionale e l’implementazione delle buone pratiche in un confronto attivo tra la magistratura, gli specialisti in chirurgia e la componente giudico e medico-legale. Ecco gli elementi emersi: l’importanza di attivazione di percorsi fondamentali di rischio clinico e prevenzione dell’errore, vissuti in maniera sinergica e integrata con la gestione del contenzioso. Gli specialisti in chirurgia sono pronti a recepire questi percorsi e sono disponibili ad audit, incontri formativi. La formazione è un aspetto indispensabile: plaudo veramente all’iniziativa della società di chirurgia sia ospedaliera che universitaria che insieme hanno attivato un percorso fondamentale di certificazione e formazione in merito ai propri consulenti e periti. Noi sappiamo che una parte importantissima della Legge 24/2017 è dedicata a questo aspetto, alla qualità dei periti e dei consulenti che devono dimostrare una specifica e comprovata esperienza.  Sappiamo che nei giudizi di responsabilità sanitaria, gran parte dell’attività svolta dai periti e dai CTU deve necessariamente essere seria, ponderata e di qualità. Ho appreso che le società stanno attivando percorsi di formazione ECM volti a portare in tribunale una lista qualificata di periti e di CTU. Un altro spunto fondamentale è la documentazione sanitaria. I professionisti sanitari devono imparare a seguire un percorso che deve essere documentato. Chi è consapevole della propria attività ed è un professionista con la P maiuscola lo deve mettere per iscritto. Questo aiuta la difesa e dimostra che il percorso si è svolto secondo parametri di diligenza oggettivi. La Formazione è al centro di tutto; rimaniamo in attesa dei decreti attuativi sia per la parte assicurativa che per fornire garanzie alle strutture che scelgono l’auto ritenzione».

Articoli correlati
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Scadenza triennio ECM: «Nessuna scusa per chi non ha completato aggiornamento per pigrizia o indolenza»
Mazzacane (Goal): «Lettera Cogeaps è un atto di buona volontà. Gli ordini si adopereranno per informare gli iscritti». Foschi (Cic): «Paradossale che una professione complessa come quella medica abbia un unico momento di “abilitazione”». D’Anna (Onb): «Solo aggiornandosi un operatore sanitario può svolgere al meglio la propria professione»
Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi
La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...