Lavoro 15 Ottobre 2019

Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»

La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia

di Cesare Buquicchio
Immagine articolo

La Legge 24/2017 non solo incoraggia le buone pratiche e i percorsi virtuosi di rischio clinico, ma invita a raccogliere i dati dei contenziosi medico-legali e degli eventi avversi per capirne le cause e individuare le soluzioni.

La Società Italiana di Chirurgia (Sic) nel corso del 121° Congresso Nazionale, ha voluto dedicare un’importante sessione al settore generale della responsabilità sanitaria. Nel corso dei lavori congressuali, si è parlato anche della necessità di promuovere il dialogo tra specialisti sulla gestione del rischio clinico e del contenzioso medico-legale. Inoltre, docenti universitari e medici si sono confrontati sulle principali novità normative e giurisprudenziali che interessano la responsabilità sanitaria. Tra i relatori anche la professoressa Paola Frati, con un approfondimento sulle criticità e nuove prospettive della Legge 24/2017.

Professoressa Frati, dal congresso della società italiana di chirurgia un interessante focus sulla Legge Gelli che deve cambiare il rapporto tra medico e paziente…

«Sì, al congresso Sic c’è stato un focus importantissimo sulla responsabilità professionale e l’implementazione delle buone pratiche in un confronto attivo tra la magistratura, gli specialisti in chirurgia e la componente giudico e medico-legale. Ecco gli elementi emersi: l’importanza di attivazione di percorsi fondamentali di rischio clinico e prevenzione dell’errore, vissuti in maniera sinergica e integrata con la gestione del contenzioso. Gli specialisti in chirurgia sono pronti a recepire questi percorsi e sono disponibili ad audit, incontri formativi. La formazione è un aspetto indispensabile: plaudo veramente all’iniziativa della società di chirurgia sia ospedaliera che universitaria che insieme hanno attivato un percorso fondamentale di certificazione e formazione in merito ai propri consulenti e periti. Noi sappiamo che una parte importantissima della Legge 24/2017 è dedicata a questo aspetto, alla qualità dei periti e dei consulenti che devono dimostrare una specifica e comprovata esperienza.  Sappiamo che nei giudizi di responsabilità sanitaria, gran parte dell’attività svolta dai periti e dai CTU deve necessariamente essere seria, ponderata e di qualità. Ho appreso che le società stanno attivando percorsi di formazione ECM volti a portare in tribunale una lista qualificata di periti e di CTU. Un altro spunto fondamentale è la documentazione sanitaria. I professionisti sanitari devono imparare a seguire un percorso che deve essere documentato. Chi è consapevole della propria attività ed è un professionista con la P maiuscola lo deve mettere per iscritto. Questo aiuta la difesa e dimostra che il percorso si è svolto secondo parametri di diligenza oggettivi. La Formazione è al centro di tutto; rimaniamo in attesa dei decreti attuativi sia per la parte assicurativa che per fornire garanzie alle strutture che scelgono l’auto ritenzione».

Articoli correlati
Quali regole deve adottare il Provider sul luogo di svolgimento di un evento?
La sede dell’evento deve essere conforme alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi e deve essere adeguata alla tipologia di attività formativa erogata. Il provider non può organizzare eventi formativi presso sedi, anche estere, rese disponibili da aziende aventi interessi commerciali in ambito sanitario.
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Covid-19, arriva docufilm e libro: il titolo lo decideranno medici e operatori sanitari
Consulcesi lancia un sondaggio su 300 mila operatori sanitari. Le proposte sono quattro: “Psicovid-19”; “Covid-19 - Psicosi virale”; “Covid-19 - Il virus della paura” e infine “Infodemia la paura del contagio”
Le pubblicazioni scientifiche danno diritto a crediti ECM?
Sì, sono una tipologia di formazione individuale, secondo quanto stabilito al paragrafo 3.2.1 (Pubblicazioni scientifiche) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario. I professionisti sanitari autori di pubblicazioni scientifiche censite nelle banche dati internazionali Scopus e Web of Science/Web of Knowledge maturano il diritto al riconoscimento, per singola pubblicazione, di: – 3 crediti (se […]
Il 12 marzo è la giornata contro le aggressioni ai medici, D’Autilia (CEOM): «Episodi di violenza in aumento in tutta Europa»
Il vicepresidente del Consiglio degli Ordini dei Medici Europei spiega a Sanità Informazione quali sono le differenze (turni di lavoro, stipendi, formazione continua) tra la classe medica italiana e quella del resto del vecchio continente. E il quadro che ne esce non è dei migliori…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...