Lavoro 18 Gennaio 2019 17:16

Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl

In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto

L’Aran ha pubblicato i dati relativi all’accertamento provvisorio della rappresentatività delle organizzazioni sindacali per il triennio contrattuale 2019-2021. Per quanto riguarda l’Area sanità, è l’Anaao-Assomed il sindacato con il maggior numero di deleghe (18.205), seguito da Cimo (8.985), Aaroi-Emac (7.745) Fassid (7.365), Fp Cgil (6.453), FVM (6.273), Uil Fpl (4.734), Federazione Cisl Medici (4.592) e Fesmed (4.272). Rispetto al triennio passato, perde la rappresentatività Anpo Ascoti Fials Medici, che non ha raggiunto il 5% richiesto.

Per quanto riguarda il Comparto sanità, invece, è Fp Cgil in testa, con 63.663 deleghe, seguito da Cisl Fp (61.692), Uil Fpl (52.598), Fials (32.335), Nursind (26.987) e Nursing Up (24.550).

I dati, come specificato dall’Aran, sono provvisori in quanto non è stato ancora stipulato il CCNQ di definizione dei comparti e delle aree di contrattazione per il triennio 2019-2021.

CONSULTA QUI LE TABELLE

Soddisfatta la Cimo, che ha registrato un incremento di 237 iscritti, pari al +3%. Un risultato che il sindacato considera «significativo», e che conferma il proprio costante trend di crescita a decorrere dal biennio 2008-2009. «La dinamica – specifica la Cimo in una nota – assume un valore particolare se si considera il fatto che, nello stesso periodo di riferimento, viene registrata una decrescita a due cifre (-18,78%, pari a 17.248 persone in meno) dei dipendenti sindacalizzati per effetto della drastica riduzione del numero di dirigenti sanitari in servizio».

«I dati della rappresentanza aggiornati – commenta il presidente nazionale Cimo Guido Quici –  indipendentemente dagli effetti gratificanti per la nostra organizzazione sindacale, richiamano ancora più prepotentemente a una profonda riflessione sul modo di fare sindacato. Vogliamo e dobbiamo lavorare più lontani dalle solite logiche centralistiche di politica sindacale a vantaggio di un’azione più incisiva a livello periferico presso le singole aziende, anche in considerazione della trattativa sul prossimo CCNL».

Contenta della crescita anche la Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari FVM, cresciuta grazie a 392 deleghe in più rispetto allo scorso triennio: «Nonostante i pensionamenti e la stagione non entusiasmante per l’attività sindacale schiacciata dal blocco contrattuale degli ultimi governi – dichiara il presidente Aldo Grasselli – l’aumento degli iscritti è un elemento di grande soddisfazione per noi e soprattutto di ulteriore stimolo a proseguire nell’impegno sindacale che quotidianamente mettono in campo a livello aziendale, regionale e nazionale, i dirigenti sindacali medici, veterinari e sanitari di FVM».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI SODDISFATTI DA INCONTRO FUNZIONE PUBBLICA, MA PER ORA SCIOPERI CONFERMATI

«Eccezionale risultato del sindacato degli infermieri Nursing Up – commenta poi il presidente Antonio De Palma – che si afferma in modo inequivocabile nel comparto Sanità conseguendo una crescita del +1,53% di rappresentatività. Per questo importante risultato raggiunto – aggiunge – esprimiamo grande soddisfazione e ringraziamo nel contempo tutti i professionisti che hanno voluto esprimere attraverso il voto la loro fiducia verso il nostro modo di fare sindacato».

Articoli correlati
Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»
Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»
Tante storie in una sola: sanitari in lotta contro il Covid nelle testimonianze di medici e infermieri
Storie per esorcizzare il virus: nella Giornata a loro dedicata Fials ricorda quella di Roberto Maraniello, infermiere deceduto per Covid lo scorso aprile, leale e pervicace strappato troppo presto ai suoi affetti. Mentre Cimo celebra quelle dei medici in reparto, come Gaetano, presto in un libro
La ricetta Anaao per fermare la fuga dagli ospedali: «Ora contratto di lavoro e retribuzioni adeguate»
Il Segretario Palermo: «Una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, e che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro»
Dal 1° gennaio 2021 consistente aumento degli stipendi
di Aldo Grasselli, Presidente FVM
di Aldo Grasselli - Presidente FVM
Covid-19, la grande fuga dagli ospedali. Il sondaggio di Anaao-Assomed
Solo il 54% dei medici si vede ancora in un ospedale pubblico tra due anni e il 75% ritiene che il proprio lavoro non sia stato valorizzato. Più positivo il giudizio dei dirigenti sanitari (biologi, chimici, fisici, psicologi, farmacisti)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...