Lavoro 18 Gennaio 2019

Rappresentatività sindacale, nell’Area sanità aumento deleghe di Cimo, FVM e Uil Fpl

In testa confermato Anaao-Assomed, con il 24,41% della rappresentatività. Per il Comparto, i confederali guadagnano il podio, con Fp Cgil sul gradino più alto

L’Aran ha pubblicato i dati relativi all’accertamento provvisorio della rappresentatività delle organizzazioni sindacali per il triennio contrattuale 2019-2021. Per quanto riguarda l’Area sanità, è l’Anaao-Assomed il sindacato con il maggior numero di deleghe (18.205), seguito da Cimo (8.985), Aaroi-Emac (7.745) Fassid (7.365), Fp Cgil (6.453), FVM (6.273), Uil Fpl (4.734), Federazione Cisl Medici (4.592) e Fesmed (4.272). Rispetto al triennio passato, perde la rappresentatività Anpo Ascoti Fials Medici, che non ha raggiunto il 5% richiesto.

Per quanto riguarda il Comparto sanità, invece, è Fp Cgil in testa, con 63.663 deleghe, seguito da Cisl Fp (61.692), Uil Fpl (52.598), Fials (32.335), Nursind (26.987) e Nursing Up (24.550).

I dati, come specificato dall’Aran, sono provvisori in quanto non è stato ancora stipulato il CCNQ di definizione dei comparti e delle aree di contrattazione per il triennio 2019-2021.

CONSULTA QUI LE TABELLE

Soddisfatta la Cimo, che ha registrato un incremento di 237 iscritti, pari al +3%. Un risultato che il sindacato considera «significativo», e che conferma il proprio costante trend di crescita a decorrere dal biennio 2008-2009. «La dinamica – specifica la Cimo in una nota – assume un valore particolare se si considera il fatto che, nello stesso periodo di riferimento, viene registrata una decrescita a due cifre (-18,78%, pari a 17.248 persone in meno) dei dipendenti sindacalizzati per effetto della drastica riduzione del numero di dirigenti sanitari in servizio».

«I dati della rappresentanza aggiornati – commenta il presidente nazionale Cimo Guido Quici –  indipendentemente dagli effetti gratificanti per la nostra organizzazione sindacale, richiamano ancora più prepotentemente a una profonda riflessione sul modo di fare sindacato. Vogliamo e dobbiamo lavorare più lontani dalle solite logiche centralistiche di politica sindacale a vantaggio di un’azione più incisiva a livello periferico presso le singole aziende, anche in considerazione della trattativa sul prossimo CCNL».

Contenta della crescita anche la Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari FVM, cresciuta grazie a 392 deleghe in più rispetto allo scorso triennio: «Nonostante i pensionamenti e la stagione non entusiasmante per l’attività sindacale schiacciata dal blocco contrattuale degli ultimi governi – dichiara il presidente Aldo Grasselli – l’aumento degli iscritti è un elemento di grande soddisfazione per noi e soprattutto di ulteriore stimolo a proseguire nell’impegno sindacale che quotidianamente mettono in campo a livello aziendale, regionale e nazionale, i dirigenti sindacali medici, veterinari e sanitari di FVM».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI SODDISFATTI DA INCONTRO FUNZIONE PUBBLICA, MA PER ORA SCIOPERI CONFERMATI

«Eccezionale risultato del sindacato degli infermieri Nursing Up – commenta poi il presidente Antonio De Palma – che si afferma in modo inequivocabile nel comparto Sanità conseguendo una crescita del +1,53% di rappresentatività. Per questo importante risultato raggiunto – aggiunge – esprimiamo grande soddisfazione e ringraziamo nel contempo tutti i professionisti che hanno voluto esprimere attraverso il voto la loro fiducia verso il nostro modo di fare sindacato».

Articoli correlati
Grasselli (FVM): «Se l’unico diritto “fondamentale” della Costituzione è tutelato con questi risultati, è urgente riformare l’intero sistema»
Ripercorrere questi tre mesi di emergenza Covid-19 è un buon esercizio per comprendere quali sono stati gli errori della Fase 1, perché se la Fase 2 non sarà governata con la massima attenzione potrebbe essere necessario ritornare da capo a contrastare la diffusione dei focolai con nuove perdite di vite e costi esiziali per la […]
di Aldo Grasselli, Segretario generale FVM
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
Elezioni ENPAM, chi sono i candidati e perché alcune associazioni chiedono la sospensione delle procedure elettorali
Acceso dibattito nel mondo medico. Ecco la lettera con cui AIM, AIO, FP CGIL MEDICI, CIPe, SIGM, SMI, SiSPe, SUSO e UGL Medici chiedono il rinvio delle elezioni, la replica di Silvestro Scotti (Fimmg) e la posizione di Guido Quici (CIMO)
«Destinare risorse e tutele aggiuntive al personale impiegato nell’emergenza». Regioni e sindacati firmano protocollo d’intesa
Il documento chiede di riconoscere la grande professionalità, la capacità di adattamento organizzativo e la dedizione al lavoro degli operatori, attraverso un pacchetto di interventi che incrementi in misura sensibile le risorse disponibili
CIMO-FESMED al Governo: «Riformare sanità partendo dai suoi professionisti. Medici dipendenti del SSN fuori dalla funzione pubblica»
«i professionisti della salute - spiega Quici - non possono continuare a rimanere ostaggio di precipitose iniziative regionali che non hanno una visione d’insieme del nostro SSN come nel caso della recente risoluzione del Consiglio Regionale della Lombardia, che vorrebbe vedere i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta rientrare nella dipendenza pubblica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...