Lavoro 24 Novembre 2021 15:17

Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»

Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione

Il secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione, che si è tenuto dal 19 al 21 novembre a Rimini, è stata un’occasione per far parlare, finalmente dal vivo e non più a distanza, tutte le 19 professioni sanitarie che la compongono. Tra queste c’erano anche gli educatori professionali. Cosa ha significato per loro quest’incontro ce lo spiega Renato Riposati, presidente della commissione d’albo nazionale

Presidente, quanto è stato importante rivedervi dal vivo dopo così tanto tempo?

«Sono state giornate molto interessanti. Finalmente torniamo a vederci dopo due anni di pandemia. Un momento molto importante perché le relazioni possono essere certamente supportate anche da tutta la strumentazione tecnologica che abbiamo a disposizione e rimanere a distanza ma il contatto de visu rimane fondamentale anche per quanto riguarda il nutrimento delle relazioni che all’interno di questa grande casa ci vedono presenti».

Quali sono le principali tematiche emerse?

«Sicuramente tutti i temi che sono all’ordine del giorno riguardanti la ripresa, in particolare il PNRR, e per i quali vengono chiamate in causa tutte le professioni sanitarie per la costruzione e co-costruzione di un nuovo servizio sanitario nazionale ma anche dei servizi sociosanitari, che generalmente vengono declinati regionalmente. Quindi il concetto che han assunto particolare rilevanza è la multiprofessionalità all’interno dei luoghi di cura. In particolare, case della comunità e ospedali di comunità».

Cosa è emerso di interessante per quanto riguarda il suo settore?

«Per quanto riguarda la professione degli educatori, ovvero professioni che nascono nel territorio, con il territorio e sul territorio, questa dimensione specifica dei colleghi va ad assumere ancora maggiore rilevanza perché sono in un qualche modo anche “sensori” che i servizi hanno all’interno dei luoghi e che possono contribuire, in quanto appunto sentinelle, a rilevare all’interno dei territori e in termini di co-programmazione co-costruzione, percorsi di cura e bisogni che con gli apparati tradizionali non vengono invece rilevati e segnalati».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa prevede la riforma della sanità lombarda, tra record e critiche
300 audizioni e 200 emendamenti proposti da sindaci, ordini dei medici e professioni sanitarie. Regione Lombardia ha disegnato la nuova sanità sul principio della cura della persona e di una organizzazione territoriale capillare. Critica l’opposizione che prepara per il 2022 una controriforma
HealthCare Summit 2021: «Ecco come riformeremo la sanità italiana con il PNRR»
L’evento organizzato da Il Sole 24 Ore accende i riflettori sulle maggiori sfide da affrontare per il Ssn all’indomani dell’emergenza
Abusivismo, Cerchiaro (TSRM PSTRP Genova): «Segnaliamo ai NAS chi non ha completato domanda di iscrizione»
Per il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova e membro del Comitato centrale della Federazione è fondamentale la collaborazione dei cittadini: «A Genova circa 150 domande non completate. Cittadini segnalino se hanno dubbi, preziosa loro collaborazione»
di Francesco Torre
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
Congresso FNO TSRM PSTRP, il vicepresidente Diego Catania: «Il futuro è multidisciplinare, stare insieme è la sfida del domani»
Giornata conclusiva del secondo Congresso nazionale del maxiordine delle professioni sanitarie. Il delegato alla Comunicazione Diego Catania spiega: «Dobbiamo far conoscere ai cittadini le competenze delle 19 professioni sanitarie che anche nella pandemia hanno svolto un ruolo importante». Intanto la Federazione cambia logo
di Francesco Torre e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...