Lavoro 24 Novembre 2021 15:17

Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»

Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione

Il secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione, che si è tenuto dal 19 al 21 novembre a Rimini, è stata un’occasione per far parlare, finalmente dal vivo e non più a distanza, tutte le 19 professioni sanitarie che la compongono. Tra queste c’erano anche gli educatori professionali. Cosa ha significato per loro quest’incontro ce lo spiega Renato Riposati, presidente della commissione d’albo nazionale

Presidente, quanto è stato importante rivedervi dal vivo dopo così tanto tempo?

«Sono state giornate molto interessanti. Finalmente torniamo a vederci dopo due anni di pandemia. Un momento molto importante perché le relazioni possono essere certamente supportate anche da tutta la strumentazione tecnologica che abbiamo a disposizione e rimanere a distanza ma il contatto de visu rimane fondamentale anche per quanto riguarda il nutrimento delle relazioni che all’interno di questa grande casa ci vedono presenti».

Quali sono le principali tematiche emerse?

«Sicuramente tutti i temi che sono all’ordine del giorno riguardanti la ripresa, in particolare il PNRR, e per i quali vengono chiamate in causa tutte le professioni sanitarie per la costruzione e co-costruzione di un nuovo servizio sanitario nazionale ma anche dei servizi sociosanitari, che generalmente vengono declinati regionalmente. Quindi il concetto che han assunto particolare rilevanza è la multiprofessionalità all’interno dei luoghi di cura. In particolare, case della comunità e ospedali di comunità».

Cosa è emerso di interessante per quanto riguarda il suo settore?

«Per quanto riguarda la professione degli educatori, ovvero professioni che nascono nel territorio, con il territorio e sul territorio, questa dimensione specifica dei colleghi va ad assumere ancora maggiore rilevanza perché sono in un qualche modo anche “sensori” che i servizi hanno all’interno dei luoghi e che possono contribuire, in quanto appunto sentinelle, a rilevare all’interno dei territori e in termini di co-programmazione co-costruzione, percorsi di cura e bisogni che con gli apparati tradizionali non vengono invece rilevati e segnalati».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
Il Terzo Settore boccia le Case di Comunità: «Integrazione socio-sanitaria sparita»
Il coordinatore della Consulta Welfare del Forum Terzo Settore Roberto Speziale: «Decreto stravolto dopo passaggio in Conferenza Unificata». Poi la richiesta al governo: «Approvare subito legge delega sulla non autosufficienza per colmare vuoto»
di Francesco Torre
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi