Lavoro 21 Novembre 2021 11:50

Congresso FNO TSRM PSTRP, il vicepresidente Diego Catania: «Il futuro è multidisciplinare, stare insieme è la sfida del domani»

Giornata conclusiva del secondo Congresso nazionale del maxiordine delle professioni sanitarie. Il delegato alla Comunicazione Diego Catania spiega: «Dobbiamo far conoscere ai cittadini le competenze delle 19 professioni sanitarie che anche nella pandemia hanno svolto un ruolo importante». Intanto la Federazione cambia logo

di Francesco Torre e Arnaldo Iodice

«Avere professioni disgregate comporta il non concentrarsi sulle patologie nel loro insieme. Se noi perderemo la sfida dell’unità sarà un danno per i professionisti ma anche e soprattutto per la cittadinanza». Diego Catania, vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione è anche il deus ex machina della comunicazione della Federazione, che in questi giorni celebra il suo secondo Congresso nazionale a Rimini. A Sanità Informazione ricorda l’impegno delle 19 professioni sanitarie nei momenti più duri della pandemia, non sempre riconosciuto a livello mediatico, e della sfida di rinnovamento della Federazione, che passa anche da un nuovo logo e in prospettiva futura, anche per un nome più riconoscibile.

Dottor Catania, come ha detto anche il Ministro Speranza, in questa emergenza pandemica si è parlato spesso di medici e infermieri e ci si è dimenticati però di tanti altri professionisti sanitari. Cosa si può fare su questo fronte?

«La comunicazione come tutti sappiamo oggi è fondamentale soprattutto per far conoscere le nostre professioni sanitarie e le loro competenze che non sempre sono così conosciute nell’immaginario collettivo. Mi vengono in mente i Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare che si occupano dell’ossigenazione dei tessuti e nell’emergenza pandemica sono stati impegnati nelle terapie intensive, o i Tecnici di Radiologia che si sono occupati di fare le radiografie al letto dei pazienti, ecc. O ancora i Tecnici di laboratorio che si sono occupati di processare la quantità enorme di tamponi che sono stati eseguiti. Parliamo di un mondo sanitario eterogeneo che ha bisogno di comunicazione per far conoscere alla cittadinanza e al mondo le nostre competenze».

La Federazione si sta rinnovando, anche nell’immagine. State, ad esempio, elaborando il nuovo logo. Pensate anche ad un nuovo nome, visto che spesso il vostro acronimo viene ritenuto complicato?

«L’acronimo sicuramente è complicato. Fa parte della storia che arriva dagli ex collegi dei Tecnici di radiologia. Sul nuovo nome, in questo momento, non c’è ancora nulla ma sono certo che per questo acronimo, che a dire il vero è una sorta di codice fiscale, in futuro si troverà una soluzione, sicuramente penseremo ad una sigla più corta e comunque ad una sintesi delle 19 professioni sanitarie, in modo che sia più accessibile, più pronunciabile da parte di tutti».

A proposito di sintesi, voi siete la dimostrazione che l’unione fa la forza. A che punto è questo processo di unione? Cosa state facendo per rafforzare questa unione?

«Io credo che questa sia la scommessa del futuro, cioè stare insieme. Continuo a dire che disgregarsi significa perdere il peso specifico che abbiamo acquisito con questo maxiordine. Se noi non riusciremo in questa sfida, probabilmente perderemo una battaglia per la cittadinanza. Perché avere professioni disgregate comporta il non concentrarsi sulle patologie nel loro insieme e oggi la medicina, le terapie, le cure, sono attività multidisciplinari. Quindi stare insieme aiuta soprattutto la cittadinanza. Aiuta anche gli operatori ma stare insieme sarà la sfida futura. Questo secondo me è un traguardo da presidiare con ogni sforzo. Perché per stare insieme bisogna condividere, bisogna anche mediare su alcuni aspetti che a volte sono di sovrapposizione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
Terapisti Occupazionali e Disability Manager, Parone (AITO): «Insieme per abbattere le barriere nel mondo del lavoro»
Il presidente AITO: «Il Terapista Occupazionale ha un ruolo fondamentale nel rientro lavorativo della persona non solo dopo infortunio o patologia, ma anche dopo il Covid-19. Anche in Italia, seppur ancora limitatamente, stanno emergendo esempi in questo campo»
Podologia, Cassano (CdA Podologi): «Oggi costi delle cure in gran parte a carico dei cittadini, più colpiti i redditi bassi»
Il Presidente della Commissione d’Albo nazionale dei Podologi Vito Michele Cassano chiede più sedi universitarie per formare i podologi e ribadisce l’importanza della presenza del podologo nelle équipe multidisciplinari
di Francesco Torre
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
«Troppo pochi chimici e fisici in sanità, servono investimenti». Parla Nausicaa Orlandi, Presidente della FNCF
Tra le priorità della presidente della Federazione Nausicaa Orlandi, appena riconfermata, la finalizzazione delle lauree professionalizzanti e il completamento del percorso per le scuole di specializzazione sanitaria per i Chimici. La preoccupazione per la guerra in Ucraina: «L’inquinamento generato dal conflitto non resterà confinato, serve informazione sull’esposizione ad agenti chimici e fisici»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...