Lavoro 21 Novembre 2021 11:50

Congresso FNO TSRM PSTRP, il vicepresidente Diego Catania: «Il futuro è multidisciplinare, stare insieme è la sfida del domani»

Giornata conclusiva del secondo Congresso nazionale del maxiordine delle professioni sanitarie. Il delegato alla Comunicazione Diego Catania spiega: «Dobbiamo far conoscere ai cittadini le competenze delle 19 professioni sanitarie che anche nella pandemia hanno svolto un ruolo importante». Intanto la Federazione cambia logo

di Francesco Torre e Arnaldo Iodice

«Avere professioni disgregate comporta il non concentrarsi sulle patologie nel loro insieme. Se noi perderemo la sfida dell’unità sarà un danno per i professionisti ma anche e soprattutto per la cittadinanza». Diego Catania, vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione è anche il deus ex machina della comunicazione della Federazione, che in questi giorni celebra il suo secondo Congresso nazionale a Rimini. A Sanità Informazione ricorda l’impegno delle 19 professioni sanitarie nei momenti più duri della pandemia, non sempre riconosciuto a livello mediatico, e della sfida di rinnovamento della Federazione, che passa anche da un nuovo logo e in prospettiva futura, anche per un nome più riconoscibile.

Dottor Catania, come ha detto anche il Ministro Speranza, in questa emergenza pandemica si è parlato spesso di medici e infermieri e ci si è dimenticati però di tanti altri professionisti sanitari. Cosa si può fare su questo fronte?

«La comunicazione come tutti sappiamo oggi è fondamentale soprattutto per far conoscere le nostre professioni sanitarie e le loro competenze che non sempre sono così conosciute nell’immaginario collettivo. Mi vengono in mente i Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare che si occupano dell’ossigenazione dei tessuti e nell’emergenza pandemica sono stati impegnati nelle terapie intensive, o i Tecnici di Radiologia che si sono occupati di fare le radiografie al letto dei pazienti, ecc. O ancora i Tecnici di laboratorio che si sono occupati di processare la quantità enorme di tamponi che sono stati eseguiti. Parliamo di un mondo sanitario eterogeneo che ha bisogno di comunicazione per far conoscere alla cittadinanza e al mondo le nostre competenze».

La Federazione si sta rinnovando, anche nell’immagine. State, ad esempio, elaborando il nuovo logo. Pensate anche ad un nuovo nome, visto che spesso il vostro acronimo viene ritenuto complicato?

«L’acronimo sicuramente è complicato. Fa parte della storia che arriva dagli ex collegi dei Tecnici di radiologia. Sul nuovo nome, in questo momento, non c’è ancora nulla ma sono certo che per questo acronimo, che a dire il vero è una sorta di codice fiscale, in futuro si troverà una soluzione, sicuramente penseremo ad una sigla più corta e comunque ad una sintesi delle 19 professioni sanitarie, in modo che sia più accessibile, più pronunciabile da parte di tutti».

A proposito di sintesi, voi siete la dimostrazione che l’unione fa la forza. A che punto è questo processo di unione? Cosa state facendo per rafforzare questa unione?

«Io credo che questa sia la scommessa del futuro, cioè stare insieme. Continuo a dire che disgregarsi significa perdere il peso specifico che abbiamo acquisito con questo maxiordine. Se noi non riusciremo in questa sfida, probabilmente perderemo una battaglia per la cittadinanza. Perché avere professioni disgregate comporta il non concentrarsi sulle patologie nel loro insieme e oggi la medicina, le terapie, le cure, sono attività multidisciplinari. Quindi stare insieme aiuta soprattutto la cittadinanza. Aiuta anche gli operatori ma stare insieme sarà la sfida futura. Questo secondo me è un traguardo da presidiare con ogni sforzo. Perché per stare insieme bisogna condividere, bisogna anche mediare su alcuni aspetti che a volte sono di sovrapposizione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Abusivismo, Cerchiaro (TSRM PSTRP Genova): «Segnaliamo ai NAS chi non ha completato domanda di iscrizione»
Per il Presidente dell’Ordine TSRM PSTRP di Genova e membro del Comitato centrale della Federazione è fondamentale la collaborazione dei cittadini: «A Genova circa 150 domande non completate. Cittadini segnalino se hanno dubbi, preziosa loro collaborazione»
di Francesco Torre
Professioni sanitarie, Riposati: (educatori professionali): «Parola d’ordine, multidisciplinarietà»
Intervista al presidente della commissione d’albo nazionale, intervenuto al secondo congresso nazionale della Federazione Nazionale dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione
«Con il PNRR ci aspettiamo una rivoluzione del sistema dei laboratori». Parla Saverio Stanziale, presidente della CdA dei TSLB
Il presidente della Commissione d’Albo dei Tecnici Sanitari di Laboratorio biomedico promuove l’innovazione del direttore assistenziale in Emilia Romagna e sottolinea: «Può tradurre al meglio le nostre competenze». Poi chiede l’ampliamento della formazione universitaria di base
di Francesco Torre
Professioni Sanitarie in Campania, in due atenei mancano i profili nell’organico dei corsi di laurea
L’allarme del presidente Ordine TSRM PSTRP Napoli Avellino Benevento Caserta: «A rischio la validità della formazione nei tirocini professionalizzanti»
Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»
Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...