Lavoro 26 gennaio 2016

«Per i pagamenti elettronici, meno commissioni ma scatteranno le sanzioni per chi non adempie» 

Intervista al responsabile innovazione del Partito Democratico, onorevole Sergio Boccadutri, firmatario dell’emendamento inserito nella Legge di Stabilità: «Il digitale deve fare un balzo in avanti» 

Immagine articolo

Eliminare il limite di 30 euro come accettazione da parte del merchant del pagamento alternativo al contante, introdurre sanzioni per chi non rispetta la norma e ridurre al minimo le commissioni per le transazioni inferiori a 5 euro». A parlare è Sergio Boccadutri, responsabile innovazione del Partito Democratico.


L’onorevole espone, ai microfoni di Sanità informazione, i tre punti cardine dell’emendamento inserito nella legge di Stabilità, in materia di pagamenti elettronici e POS obbligatorio, da lui presentato in commissione Bilancio alla Camera. L’obiettivo è quello di incentivare l’utilizzo dei pagamenti digitali per qualsivoglia importo. «I consumatori devono abituarsi all’uso di strumenti alternativi. Questi tre pilastri – prosegue Boccadutri – servono sostanzialmente a concretizzare la libertà del cittadino di scegliere la modalità di pagamento preferita. É una norma complementare e assolutamente non contraria a quella dell’innalzamento della soglia del contante voluta dal Governo Renzi, perciò coesisteranno».

Questo emendamento compensa la legge sull’obbligo di POS entrata in vigore senza prevedere sanzioni. Sanzioni invece ora previste a partire dal mese di aprile e che sono l’unico vero mezzo per rendere concreto questo provvedimento.
«Io direi che il provvedimento attualmente in vigore sui POS ha già avuto degli effetti positivi: i dati ci dicono che nel 2013 i POS erano 1 milione e mezzo, nel 2014 sono diventati 1 milione e 800mila; quindi hanno registrato una crescita del 20%. Tra l’altro, i costi degli stessi POS sono diminuiti negli ultimi 5 anni, come tutto ciò che è innovazione tecnologica. Le commissioni ormai sono allineate con quelle europee, così come i costi dell’hardware. Inoltre, le commissioni interbancarie non sono più disciplinate nazionalmente ma da un regolamento europeo che, a differenza della direttiva, non va recepito, entra in vigore. La prima parte è entrata in vigore ad aprile, mentre quella sulle commissioni il 9 dicembre».

In merito ai costi di servizio, uno degli oggetti di critica, come ha detto lei, le nuove tecnologie ci vengono incontro. Sono sempre di più gli strumenti che abbattono questi costi. Ad esempio, per quanto riguarda il mondo della sanità, alcuni mesi fa è stata lanciata un’applicazione che permette il pagamento virtuale, DoctorPay.
«Assolutamente. I mezzi tecnologici sono proprio i protagonisti, i nuovi attori introdotti dalla PSD2, la nuova direttiva comunitaria sui servizi di pagamento che modificherà fortemente questo mercato. In Italia abbiamo molto spazio. Aumentare il livello delle transazioni per tutti i pagamenti digitali, significa fare un passo avanti verso la digitalizzazione anche per il sistema paese. Pensiamo ad una persona che non può uscire di casa ma necessita di assistenza medica: il consulto potrà avvenire utilizzando una videocamera; e anche il pagamento potrà avvenire immediatamente attraverso uno dei sistemi digitali. Mi rivolgo anche ai medici, che a volte danno consulti e fanno anamnesi semplicemente ascoltando i problemi, senza la necessità di una visita concreta: l’integrazione di più tecnologie, la banda ultra larga da una parte, che permette una buona connessione con l’assistito, e il pagamento digitale dall’altra, consentirà di soddisfare le più disparate necessità, compresa quella di un consulto medico immediato».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Manovra, Simmas (massofisioterapisti): «Non è sanatoria, ma permette a professionisti di continuare a lavorare»
Il provvedimento del Governo inserito in legge di Bilancio ha stabilito una deroga per l’iscrizione al maxi Ordine delle professioni sanitarie anche per i professionisti senza titoli che abbiano lavorato almeno per 36 mesi nell’arco di 10 anni. Questa decisione ha suscitato critiche e polemiche da più parti; il SIMMAS (Sindacato italiano massofisioterapisti e massaggiatori sportivi) approva l’emendamento, […]
Mense scolastiche, i Nas chiudono sette strutture. Grillo: «Non sono tollerati furbi e ‘cucine da incubo’»
«Cibi scaduti, gravi carenze igieniche, perfino topi e parassiti vari: un film dell’orrore - ha dichiarato il ministro della Salute, Giulia Grillo - . Come madre e come ministro mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine. No ai furbi quando c'è in gioco la salute dei più piccoli»
Carenza medici, ministero Salute chiede dati a Regioni. Grillo: «Al lavoro per modifiche rapide già in legge di Stabilità»
«Si tratta di una prima importante fase di ricognizione per mettere a fuoco le dimensioni del problema a livello territoriale» così la guida del dicastero
Giulia Grillo avvia il rinnovo delle commissioni di Aifa
Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha attivato le procedure per il ri­­­nnovo di due fondamentali organismi dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), entrambi in scadenza il prossimo 6 agosto: la Commissione tecnico-scientifica e il  Comitato prezzi e rimborso. LEGGI ANCHE: MINISTRO GRILLO: «PRIORITÀ AL PERSONALE. ASSUNZIONI, BORSE PER SPECIALISTI E CONTRATTO PER CONTRASTARE LISTE D’ATTESA» | VIDEO Con due distinte […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...