Lavoro 8 Aprile 2019 15:52

Enpam, ad aprile adeguamento pensioni: ecco le cifre. Oliveti: «Sempre attenti al costo crescente della vita»

Ci sarà un incremento di 83 centesimi ogni cento euro per le pensioni lorde sino a € 2.198,82 mensili. Oltre questo limite, l’aumento sarà dello 0,55% (pari al 50% dell’indice), cioè 55 centesimi ogni 100 euro

Enpam, ad aprile adeguamento pensioni: ecco le cifre. Oliveti: «Sempre attenti al costo crescente della vita»

Nuovi adeguamenti per le pensioni Enpam, che si livelleranno al costo della vita secondo i dati Istat. L’aumento, atteso per i primi di aprile, sarà pari all’1,1%.

«L’Enpam continua ad assegnare alle pensioni un indice ricavabile dal rilevamento del costo della vita nella misura pari al 75% fino ad una quota che è quattro volte la pensione minima dell’Inps e per la parte eccedente il 50%. – spiega Alberto Oliveti, presidente Enpam – Sono percentuali che possono apparire non particolarmente seducenti nei singoli assegni, però nella loro sostanza significano un’attenzione che l’Enpam dà ai meccanismi e alle esigenze di adeguare al costo progressivamente crescente della vita l’assegno pensionistico». Ci sarà quindi un incremento di 83 centesimi ogni cento euro per le pensioni lorde sino a € 2.198,82 mensili. Oltre questo limite, l’aumento sarà dello 0,55% (pari al 50% dell’indice), cioè 55 centesimi ogni 100 euro.

LEGGI ANCHE: RISCATTO AGEVOLATO DELLA LAUREA, ECCO PERCHE’ AI MEDICI CONVIENE. CAVALLERO (COSMED): «E’ L?UNICO MODO PER PROGRAMMARE UN’USCITA DAL LAVORO PRIMA DEI 70 ANNI»

Riguardo al riscatto della laurea, la Fondazione Enpam permette di iscriversi in maniera volontaria già dal quinto anno del corso di laurea. «Più 4mila lo hanno fatto. – continua Oliveti – Questi colleghi pagando 9 euro al mese, quindi 113 euro l’anno di fatto si trovano riscattati di due anni a 113 euro l’anno l’uno. Se riguarda l’anzianità contributiva questo è il riscatto più conveniente che si possa fare: ovviamente non riguarderà la consistenza finanziaria della pensione perché si tratta di anni in cui il costo versato è esiguo e quindi non potrà dare proporzionalmente una quota di pensione corrispettiva particolarmente consistente».

Su Quota 100 e la possibile fuga di medici, il presidente Enpam rivela come la misura potrebbe non essere allettante per i dipendenti. «Implica l’impossibilità di cumulare sia i versamenti contributivi sia di aggiungere un reddito da lavoro di tipo autonomo, se non di tipo saltuario riferito a un tetto massimo di 5mila euro. Quindi Quota 100 per quello che riguarda il mondo della dipendenza credo che non sarà particolarmente gettonata se non da quei colleghi che alla fine di una carriera ritengono di essere abbastanza provati dall’esercizio professionale svolto. – Conclude Oliveti – Credo che invece i colleghi che a 62 siano ancora nel pieno del loro lavoro dipendente abbiano poca intenzione di aderire all’istituto perché questo gli implicherebbe l’impossibilità poi di fare la libera professione».

Articoli correlati
Schillaci: da esami inappropriati alle pensione dei medici, “il sistema sanitario va ammodernato”
Esami e visite inappropriate, la "gobba" pensionistica, il ricorso a strutture private convenzionate e, in generale, la necessità di ammodernare il sistema sanitario nazionale. Sono questi i temi affrontati da Orazio Schillaci, ministro della Salute, in un'intervista a 24 Mattino su Radio 24
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Farmacisti: Enpaf rivaluta pensioni, +8,1% per il 2023
L’Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza Farmacisti, Enpaf, ha deliberato l’adeguamento delle pensioni nella misura percentuale dell’8,1%, determinata dall’individuazione dell’indice ISTAT FOI (indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati) definitivo per l’anno 2022
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...