Lavoro 19 Marzo 2019

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire», sottolinea il segretario generale della Cosmed

Immagine articolo

Le nuove norme per il riscatto della laurea potrebbero rappresentare un importante strumento per molti medici e operatori sanitari per programmare un ritiro dal lavoro in tempi congrui e dignitosi, sempre ammesso che le regole non subiscano ulteriori cambiamenti nei prossimi mesi o anni. Manca ancora il decreto di conversione ma la norma è legge già dal 29 gennaio 2019. La cifra fatidica è quella di 5240 euro all’anno: questo è infatti quanto si dovrà versare per ogni anno di studio per guadagnare anni di anzianità pensionistica. Nel frattempo è stata accolta la richiesta Cosmed di poter chiedere il riscatto agevolato della laurea senza limite di età, mentre nel testo originale tale facoltà era possibile solo fino al compimento del 45° anno di età. Tuttavia resta il limite secondo il quale il riscatto agevolato interessa solo i periodi a partire dal primo gennaio 1996 ovvero all’interno del sistema contributivo. «In pratica  – spiega una nota Cosmed – i nati a partire dal 1977 e successivi che hanno iniziato il corso di laurea nel novembre 1996 potranno riscattare tutti i 6 anni in regime agevolato. I nati in precedenza che hanno iniziato il corso di laurea prima dell’1.1.1996 potranno riscattare in forma agevolata una parte del corso di laurea ma, come chiarito, potranno riscattare a tariffa piena la parte ante 1996».

L’Inps con una circolare ha chiarito alcuni aspetti, non di poco conto: non solo il consistente risparmio rispetto alla vecchia norma che prevedeva il 33% della retribuzione annua, ma anche il fatto che sono riscattabili con agevolazione tutti i periodi successivi al 31 dicembre 1995. Inoltre il riscatto agevolato non inibisce ulteriori riscatti in futuro. Naturalmente il riscatto agevolato permette di guadagnare anni di contribuzione ma, come ha sottolineato il sindacato Anaao in una nota, non è indifferente ai fini della futura pensione versare circa 30mila euro o circa 120mila: il sistema contributivo infatti restituisce in proporzione a quanto versato, dunque chi più versa più avrà. Tuttavia dal punto di vista dell’anzianità i due riscatti sono equipollenti in quanto entrambi consentono di incrementarla di tanti anni quanti sono stati quelli riscattati. «Noi abbiamo chiesto che non venga limitato a chi ha 45 anni, ma che il limite venga portato almeno a 50 anni – spiega a Sanità Informazione il segretario generale Cosmed e Vice segretario Anaao – Assomed Giorgio Cavallero – Oggi come oggi il riscatto della laurea costa 20mila euro all’anno, anziché 5mila, molti non ce la fanno. Quindi usare il riscatto agevolato è una buona idea che consente di anticipare l’età pensionabile e programmare un’uscita dal lavoro che non sia intorno ai 70 anni».

Dottor Cavallero, il riscatto di laurea è una possibilità per i lavoratori, compresi gli operatori sanitari, per raggiungere prima la pensione. Le nuove norme che il governo sta introducendo sono vantaggiose o no?

«Assolutamente sì. Perché se un medico che inizia a lavorare a trent’anni non riscatta la laurea, i 38 anni della quota 100 (se verrà prorogata) ma anche i 42 anni, li raggiunge oltre i 67 anni. Quindi è del tutto evidente che, per chi ha una carriera lunga e vuole assicurarsi la possibilità di andare in pensione ad una età non troppo tarda, il riscatto della laurea è importante. Noi abbiamo chiesto che non venga limitato a chi ha 45 anni, ma che il limite venga portato almeno a 50 anni perché è un riscatto agevolato che costa 5240 euro (nel frattempo il limite di età è stato cancellato, ndr). Oggi come oggi il riscatto della laurea costa 20mila euro all’anno, anziché 5mila, molti non ce la fanno. Quindi usare il riscatto agevolato è una buona idea che consente di anticipare l’età pensionabile e programmare un’uscita dal lavoro che non sia intorno ai 70 anni. Molto importante soprattutto per i medici».

Facciamo chiarezza per i medici che ci leggono?

«Il riscatto agevolato è sostanzialmente per Inps, tuttavia chi ha un contributo Inps e sta in Enpam, lo può anche fare, è stato chiarito recentemente nella circolare 36».

Il combinato Quota 100 e riscatto di laurea non rischia di mandare in pensione un numero enorme di medici?

«Il fatto che vanno via 30mila medici è legato all’età anagrafica. Quindi la quota 100 non fa che peggiorare una condizione già di per se drammatica. Sono pochi quelli che in forza solo della quota 100 vanno via prima e comunque andrebbero via dopo un anno, dopo due. Quindi quota 100 aggrava il problema, ma il problema è che dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire. Il motivo è che occorre in Italia un progetto di accompagnamento alla pensione, in maniera che uno non passi più da tutto a nulla ma possa graduare, togliendo le guardie, ad una certa età, riducendo l’orario di lavoro, favorendo il part time, in maniera che uno possa gradualmente uscire dal mondo del lavoro. Questo è quello che serve più che una riforma dei numeri. Perché io credo che se messa in condizione di lavorare la gente possa stare anche fino a 65-67 tranquillamente e con una discreta soddisfazione lavorativa».

Articoli correlati
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid
La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...